dalla Home

Mercato

pubblicato il 8 giugno 2016

FCA, possibili trattative con Uber e Amazon

Voci non confermate parlano di una fornitura di auto a guida autonoma alle due aziende americane

FCA, possibili trattative con Uber e Amazon
Galleria fotografica - Chrysler PacificaGalleria fotografica - Chrysler Pacifica
  • Chrysler Pacifica - anteprima 1
  • Chrysler Pacifica - anteprima 2
  • Chrysler Pacifica - anteprima 3
  • Chrysler Pacifica - anteprima 4
  • Chrysler Pacifica - anteprima 5
  • Chrysler Pacifica - anteprima 6

Il gruppo Fiat Chrysler sembra non accontentarsi delle future auto a guida autonoma sviluppate con Google, se è vero come riporta Bloomberg che FCA sarebbe in contatto con Uber e Amazon per stringere un accordo di collaborazione sulle flotte a guida autonoma. La stessa agenzia parla di un possibile annuncio già entro la fine del 2016 per quanto riguarda l'ipotizzata partnership FCA-Uber, mentre sembra più in alto mare l'intesa con Amazon per la fornitura di una flotta senza pilota destinata alla consegna delle merci acquistate online. Per ora sono solo voci, non confermate da nessuna delle parti in causa, ma l'avvicinamento fra il Lingotto e il colosso del ridesharing fondato da Travis Kalanick sembra plausibile.

FCA verso la guida autonoma e il ridesharing

Oltre alle dichiarazioni dello stesso ad Sergio Marchionne sulla necessità di avviare collaborazioni con aziende del settore tecnologico e "con soggetti che stanno giocando un ruolo piuttosto importante nella riformulazione dell'industria dell'auto" come ad esempio Google e Uber c'è un mercato che si sta muovendo sempre più in questa direzione alternativa per la mobilità di domani. Solo poche settimane fa Toyota ha ad esempio deciso di fare un investimento strategico in Uber per la fornitura di vetture agli autisti della società americana, mentre Volkswagen ha fatto lo stesso con l'israeliana Gett e GM con Lyft.

Uber vuole fare a meno degli autisti

Da parte sua Uber, che non commenta le indiscrezioni riportate da Bloomberg, potrebbe essere altrettanto interessata alla creazione di una flotta di veicoli a guida autonoma che servirebbero a ridurre i costi per l'azienda di Kalanick e diminuire i rischi per gli utenti dei taxi con l'app. Basti dire che Uber ha già avviato negli USA e in particolare a Pittsburgh una serie di test su strada dei primi taxi robotizzati, delle Ford Fusion Hybrid dotate di vistosi sensori e telecamere che per legge deve avere comunque un pilota umano dietro il volante. Nessuna conferma è invece arrivata sulle voci che a marzo davano per imminente un acquisto di 100.000 Mercedes Classe S a guida autonoma da parte di Uber.

Autore: Redazione

Tag: Mercato , auto americane , auto italiane , flotte aziendali , guida autonoma , taxi , uber


Top