dalla Home

Novità

pubblicato il 7 giugno 2016

Mercedes-AMG E 43 4MATIC Station Wagon, quella da 401 CV

Accanto alla Classe E Station Wagon, Mercedes ha calato sul piatto una versione V6 da 3 litri

Mercedes-AMG E 43 4MATIC Station Wagon, quella da 401 CV
Galleria fotografica - Mercedes-AMG E 43 4MATIC Station WagonGalleria fotografica - Mercedes-AMG E 43 4MATIC Station Wagon
  • Mercedes-AMG E 43 4MATIC Station Wagon - anteprima 1
  • Mercedes-AMG E 43 4MATIC Station Wagon - anteprima 2
  • Mercedes-AMG E 43 4MATIC Station Wagon - anteprima 3
  • Mercedes-AMG E 43 4MATIC Station Wagon - anteprima 4
  • Mercedes-AMG E 43 4MATIC Station Wagon - anteprima 5
  • Mercedes-AMG E 43 4MATIC Station Wagon - anteprima 6

La Mercedes Benz Classe E Station Wagon numero quattro - almeno se si considerano i modelli con questa nomenclatura - sembra avere tutte le carte in regola per essere la degna erede dei modelli che l'hanno preceduta. La Casa della Stella non ha lasciato a bocca asciutta i clienti più esigenti e insieme alla versione standard della nuova W213 (nome in codice per gli aficionados) arriva anche la sua declinazione sportiva firmata AMG, quella che sotto il cofano ha un cuore V6 da 3 litri a benzina, biturbo da 401 CV e 520 Nm di coppia massima trasmessi a tutte e 4 le ruote e capace di lanciare la possente station wagon a 100 km/h dopo 4,7 secondi e fermarla (a forza) a 250 km/h. Ecco la Mercedes-AMG E 43 4MATIC Station Wagon.

Stile Bauhaus e tanta sportività

Come ogni versione sportiva, la linea è più aggressiva della versione “civile”, con parafanghi larghi che abbracciano ruote da 19”. Guardando fra le razze dei cerchi, si intravede l’impianto frenante con pinze firmate AMG e dischi forati immensi. Il frontale è impreziosito (e incattivito) dalla calandra sportiva a effetto tridimensionale con una grossa stella a tre punte al centro: questa è la firma sportiva del marchio, presente anche su tutte le auto del marchio tedesco, AMG GT in testa. Per il resto il design del frontale è del tutto simile a quello già aggressivo della versione normale, che i designer hanno confidato essere ispirato allo stile Bauhaus. Il posteriore accoglie anch'esso nuove linee: spesso su questo genere di vetture il di dietro può risultare pesante, ingombrante, ma la E 43 punta sulla leggerezza delle linee. Come sulla Classe C SW e sulla GLC i fari stretti e lunghi donano dinamismo e il montante non è un semplice angolo retto disegnato semplicemente per creare un volume in più. All’interno, invece, a ricordare di essere su una AMG sono i sedili griffati col marchio e i colori nero e rosso, come su ogni sportiva di razza.

Datele 12.000 palline da tennis

La vera differenza e novità rispetto alla berlina è la capacità di carico, che sale a 1.820 litri: nel baule della E familiare potrete caricare 12.000 palline da tennis, una dietro l’altra, tanto per rendere l’idea della sua capienza. I sedili posteriori sono abbattibili secondo lo schema 40:20:40 e quindi rendono la E station wagon molto versatile, dato che può anche essere trasformata in una 4 posti con sedili singoli; inoltre la panca posteriore può anche scorrere in avanti e fornire 30 litri di carico in più nella configurazione a schienali dritti. Anche la versione station si attesta su livelli altissimi di sicurezza, mutuando tutti i sistemi elettronici della berlina; il sistema Drive Pilot presentato in anteprima sulla Classe E berlina (qui la prova) è un sistema di guida semiautonoma molto efficace soprattutto in autostrada: è sufficiente impostare velocità e distanza da mantenere dall’auto che ci precede e lasciarsi guidare dal sistema Mercedes. Comodità che non vengono lasciate a casa sulla versione AMG: un'unione ben riuscita di confort, sportività e tecnologia.

Scegli Versione

Autore: Federico Lanfranchi

Tag: Novità , Mercedes-Benz , auto europee


Top