dalla Home

Test

pubblicato il 3 giugno 2016

Mercedes-AMG C 63 S Cabrio, l'urlo del V8 turbo

Fin dal debutto, la Classe C Cabriolet è disponibile anche con il motore da 510 CV. Ecco come va

Mercedes-AMG C 63 S Cabrio, l'urlo del V8 turbo
Galleria fotografica - Mercedes Classe C CabrioGalleria fotografica - Mercedes Classe C Cabrio
  • Mercedes Classe C Cabrio - anteprima 1
  • Mercedes Classe C Cabrio - anteprima 2
  • Mercedes Classe C Cabrio - anteprima 3
  • Mercedes Classe C Cabrio - anteprima 4
  • Mercedes Classe C Cabrio - anteprima 5
  • Mercedes Classe C Cabrio - anteprima 6

La Mercedes-AMG C63 S Cabrio è tante cose, ma è soprattutto motore. Ad Affalterbach, casa AMG, si sono dati un gran da fare con le sospensioni attive (Ride Control), con il differenziale specifico e l'elettronica messa a punto apposta per lei, ma il V8 4.0 biturbo ruba la scena a tutto e a tutti. Persino al fatto che siamo di fronte al completamento della grande famiglia C, che origina dalla berlina, arriva fino al SUV GLC (a breve anche in versione coupé), passando per la SW e, appunto, Cabrio e Coupé.

Com'è

Le piace farsi guardare, ecco com'è la AMG C63 S Cabrio. Una scoperta a quattro posti che in quanto tale e in quanto dotata della Stella a tre punte, un certo fascino lo esercita già di base. Nel caso specifico, l'aggiunta di passaruota bombati, del cofano "attillato" attorno alla meccanica, delle carreggiate allargate e di pneumatici da supercar (285 di larghezza per quelli posteriori) fa il resto. In altre parole, non c'è bisogno di essere esperti di automobili né di leggere le tre lettere AMG: più larga di 6,4 cm davanti e di 6,6 dietro rispetto alle versioni "normali", la tedesca si fa capire bene da tutti. Forse, chi le Mercedes le ama più classiche può trovarla eccessiva: in quel caso può optare per la C43 AMG 4Matic, dotata del V6 3.0 biturbo e di un'estetica più discreta; oltre che offerta a prezzi ben più accessibili. Ma torniamo alla V8, che si differenzia dalle altre anche grazie alle maggiori aperture necessarie per raffreddare il motore e le turbine, oltre che per i profili aerodinamici specifici: quello anteriore serve a ridurre la portanza del muso (in altre parole, a evitare che l'aria lo alleggerisca), mentre il diffusore posteriore canalizza l'aria e ospita la coppia di doppi scarichi. Per il resto, la capote - completamente elettrica - può essere azionata fino a 50 km/h e non mancano gli ormai noti Airscarf (riscaldamento per il collo e la testa) e l'Aircap, ovvero il frangivento automatico. La C è una cabrio per tutte le stagioni.

Come va

Un minimo di ambientamento è richiesto. 510 CV e 700 Nm di coppia sono "tanta roba" da gestire per qualsiasi telaio, immaginarsi per quello di una cabriolet (di suo più soggetto a torsione) a trazione posteriore. Il risultato è che la motricità - ovvero la capacità di "mettere giù" la potenza e la coppia - va in crisi abbastanza in fretta e di frequente, persino a volante dritto: è sufficiente che il fondo sia un minimo rovinato, perché una delle due ruote posteriori inizi a pattinare. Il differenziale autobloccante meccanico fa egregiamente il suo lavoro, ma l'elettronica (un consiglio: su strada non fatene mai a meno) è costretta agli straordinari. Detto questo, se trovate un pezzo di strada di montagna con l'asfalto appena rifatto, allora sì che sono gioie. L'assetto con sospensioni attive Ride Control cede pochissimo al rollio, lo sterzo è fulmineo nell'inserire la vettura, la quale di suo - complici le gomme 255/35-19 anteriori e 285/30-20 posteriori - è velocissima e precisa in percorrenza. In queste condizioni potete anche godervi di più il motore, visto che il retrotreno riesce a scaricare meglio la potenza sull'asfalto. Già, il motore: alla coppia da camion dei bassi regimi, unisce l'esplosività di quello di una supercar, una volta che si oltrepassa quota 4.000 giri. Il tutto, accompagnato da un sound che, nonostante la sovralimentazione, non fa rimpiangere quello del vecchio 6,2 litri aspirato.

Quanto costa

I listini ancora non ci sono: per avere un'idea, si può prendere la AMG C 63 S Coupé, 94.305 euro. La Cabrio facilmente sfiorerà i 100.000 euro: una cifra importante, che si porta dietro costi di gestione molto elevati. Non solo: se ci si lascia ingolosire dagli optional la cifra si impenna. 5.124 euro per i freni carboceramici, 2.379 per i sedili Performance AMG, 2.745 per i cerchi misti da 19"/20"... Un compromesso potrebbe essere la AMG C43 4Matic da 367 CV, che costa circa 25.000 euro in meno.

Scheda

Quando arriva: a luglio
Quanto costa: n.d.
Quanti CV ha: 510 CV
Quanto consuma (ciclo combinato): 8,9 l/100 km
Quanta CO2 emette: 208 g/km
0-100 km/h: 4,1 secondi
V max: 250 km/h
Garanzia: 2 anni/km illimitati

Autore: Adriano Tosi

Tag: Test , Mercedes-Benz , auto europee


Top