dalla Home

Test

pubblicato il 1 giugno 2016

BMW iPerformance, l'ibrido fa sport

Su strada con X5 xDrive40e e 330e, versioni plug-in di SUV e berlina che emozionano senza "urlare"

BMW iPerformance, l'ibrido fa sport
Galleria fotografica - BMW iPerformance, la prova delle ibride plug-inGalleria fotografica - BMW iPerformance, la prova delle ibride plug-in
  • BMW iPerformance, la prova delle ibride plug-in - anteprima 1
  • BMW iPerformance, la prova delle ibride plug-in - anteprima 2
  • BMW iPerformance, la prova delle ibride plug-in - anteprima 3
  • BMW iPerformance, la prova delle ibride plug-in - anteprima 4
  • BMW iPerformance, la prova delle ibride plug-in - anteprima 5
  • BMW iPerformance, la prova delle ibride plug-in - anteprima 6

BMW è famosa anche e soprattutto per i suoi potenti motori a benzina e diesel, ma con l'arrivo della nuova gamma ibrida plug-in iPerformance mi chiedo: meglio rimanere sulla strada già conosciuta o rivolgersi alle nuove bavaresi elettrificate? Dopo averne provate alcune la mia risposta è sì, perché se la gamma M sa stregare con le prestazioni, queste iPerformance "alla spina" mantengono alto il piacere di guida e rendono possibili trasferimenti quotidiani a zero emissioni, puliti e nell'assoluto silenzio. Insomma, la proposta ibrida plug-in della Casa bavarese mi è sembrata credibile, pratica ed emozionante, almeno sulle X5 xDrive40e e 330e che ho provato a Roma fra l'Oasi di Porto e il mare. Senza dimenticare il fatto che a batteria carica possono entrambe fare quasi 40 km in modalità elettrica e che in alcune regioni e città hanno accesso alle ZTL, non pagano il parcheggio sulle strisce blu e godono di agevolazioni fiscali. Per la 740e rimando ad un prossimo test, mentre della BMW 225xe Active Tourer trovate qui le nostre impressioni di qualche mese fa.

Com'è

Lo ammetto, la prova è stata breve e vale più come un primo contatto che come test completo - per quello vi rimando a un prossimo articolo sempre qui su OmniAuto.it - eppure i pochi km fatti sulla BMW X5 xDrive 40e e sulla BMW 330e mi hanno confermato quanto promesso dalla Casa tedesca. Partendo dagli esterni noto pochissime differenze rispetto alle altre X5, eccezion fatta per le scritte eDrive e per lo sportellino aggiuntivo sul fianco anteriore sinistro dove è alloggiata la presa di ricarica della batteria. Il bagagliaio perde solo una piccola parte della sua volumetria, cosa che si può dire anche della 330e che in più ha la scritta eDrive sui montanti posteriori. In entrambi gli abitacoli spicca poi la stessa scritta eDrive a ricordare la presenza di motore termico ed elettrico, oltre all'omonimo pulsante vicino alla leva del cambio che permette di scegliere fra tre modalità di guida: Auto eDrive per la gestione automatica del sistema, Max eDrive per la trazione puramente elettrica e Save Battery per mantenere il livello di carica. Se invece c'è necessità di ricaricare la batteria guidando (fino all'80%) si può spostare la leva del cambio in Sport in modo da sfruttare il motore termico come elettrogeneratore; non il massimo dell'efficienza, ma in alcuni casi può servire.

Come va

Il SUV bavarese "alla spina" ha sì un motore a 4 cilindri turbo di due litri e 184 CV che non può essere paragonato ai sei cilindri benzina e diesel, eppure la spinta aggiuntiva data dagli 88 CV dell'elettrico riesce a dare quel brio in più che mi aspetto da una BMW. I due propulsori lavorano sempre assieme scegliendo la modalità Auto eDrive, spingono bene anche se con un leggero ritardo nel kick-down, si alternano con precisione e permettono una guida vivace, quasi sportiva nonostante il peso sempre percepibile e il baricentro alto. Eppure questa X5 xDrive 40e è un'auto che mi piace condurre con piede leggero per godermi la silenziosità di marcia e il grande comfort di bordo, con l'elettricità che fa muovere il gigante senza sforzo apparente. Comunque in caso di neve, ghiaccio e fango c'è sempre la fidata trazione integrale permanente che vi abbiamo già raccontato in questo primo test invernale. La denominazione iPerformance l'ho trovata ancora più adatta alla BMW 330e che con misure e masse ridotte sa sfruttare al meglio i 252 CV complessivi del sistema ibrido (184 + 88 CV) per dare belle emozioni a chi guida e non temere il confronto neppure con la BMW 330d, un classico fra le diesel sportive.

Quanto costa

Anche nel prezzo la BMW X5 xDrive40e dimostra la sua natura di alternativa alla versione diesel, visto che i 72.850 euro di base della Business sono di poco superiori ai 69.700 euro della xDrive40d che ha 313 CV proprio come l'ibrida. La BMW 330e risulta ancora più avvantaggiata nel confronto con il corrispondente modello a gasolio, con i suoi 45.100 euro di listino che sono inferiori ai 47.350 euro della 330dA. Peccato che la 330e non sia disponibile in versione Touring con la carrozzeria familiare che tanto piace ai clienti italiani.

Scheda

Quando arriva: già in vendita
Quanto costa: da 72.850 euro
Quanti CV ha: 313 CV
Quanto consuma (ciclo combinato): 3,3 l/100 km
Quanta CO2 emette: 77 g/km
0-100 km/h: 6,8 secondi
V max: 210 km/h
Garanzia: 2 anni/km illimitati (6 anni/100.000 km sulla batteria)

Scheda Versione

Bmw X5 xDrive40e
Nome
X5 xDrive40e
Anno
2015
Tipo
Premium
Segmento
superiore
Carrozzeria
SUV e Crossover
Porte
5 porte
Motore
ibrida
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Test , Bmw , auto europee , auto ibride


Listino Bmw X5

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
xDrive 40e iPerformance Business aut. 4x4 elettrico 313 2 5 € 73.600

LISTINO

xDrive 40e iPerformance Luxury aut. 4x4 elettrico 313 2 5 € 79.900

LISTINO

xDrive 40e iPerformance Experience aut. 4x4 elettrico 313 2 5 € 79.900

LISTINO

 

Top