dalla Home

Test

pubblicato il 26 maggio 2016

Audi A3 restyling, la perfezione è nei dettagli [VIDEO]

C’era poco da migliorare nella compatta di Ingolstadt che ora ha anche il Virtual Cockpit, più sicurezza e un 3 cilindri mille

Audi A3 restyling, la perfezione è nei dettagli [VIDEO]
Galleria fotografica - Audi A3 Sportback restylingGalleria fotografica - Audi A3 Sportback restyling
  • Audi A3 Sportback restyling - anteprima 1
  • Audi A3 Sportback restyling - anteprima 2
  • Audi A3 Sportback restyling - anteprima 3
  • Audi A3 Sportback restyling - anteprima 4
  • Audi A3 Sportback restyling - anteprima 5
  • Audi A3 Sportback restyling - anteprima 6

Un po’ più A4 nello stile, nella tecnologia, ma senza aggiungere un centimetro, anzi togliendo un cilindro. Dopo 4 anni l’Audi A3 di terza generazione gira la boa con una serie di rinnovamenti che la avvicinano alla sorella maggiore portando ulteriore linfa ad un modello che nel 2012 ha avviato la cascata di modelli basati sulla piattaforma MQB del gruppo Volkswagen, storicamente vale il 20% delle vendite del marchio e, dal primo debutto nel 1996, è stata sfornata in quasi 4 milioni, 290.000 delle quali arrivate in Italia.

Obblighi di famiglia

Le Audi si evolvono lentamente nello stile, ma se devo vedere qualcosa di nuovo negli ultimi modelli è nella presenza di qualche spigolo in più e in linee più orizzontali. E la A3 mi sembra che si allinei, da brava bambina, e che il riassunto di questa evoluzione si veda nella calandra single frame, più ampia e squadrata. Nuovi anche i gruppi ottici, con gli indicatori dinamici, le luci posteriori a Led e quelli anteriori con la nuova firma e disponibili anche a matrice di Led. La mia opinione? Forse si è esagerato con qualche tratto e con la squadra volendo sottolineare certe differenze con il passato e certe analogie con il presente. Poco da dire anche per l’abitacolo: semplice, rigoroso, ricco, ma mai ridondante. Senza contare la qualità costruttiva che dà un bella pista alla concorrenza. Per me è il migliore della categoria e il Virtual Cockpit, la navigazione Google, l’MMI con sim integrata, il mirroring per Android e iOS e la ricarica ad induzione sono ulteriori valori aggiunti non solo per la loro presenza, ma anche per come sono realizzati. Per non parlare del sistema audio Bang & Olufsen, una delizia per le mie orecchie.

Portellone sì o portellone no?

Un’altra delle cose che mi piacciono della A3 è il modo di porsi. BMW e Mercedes in questa fascia propongono nomi e numeri diversi per quelle che sono – in definitiva – varianti di carrozzeria della stessa vettura. L’Audi mi sembra più sincera: 3 porte, 5 porte Sportback, cabriolet e 4 porte fanno parte tutte chiaramente della stessa famiglia. La Sportback è ovviamente la più gettonata ed anche quella più pratica, grazie anche al bagagliaio da 380-1.100 litri, che non sono un’enormità se si guardano modelli non premium, ma che sono il valore migliore tra le concorrenti “nobili”. In più sono anche i più sfruttabili, sia per la forma del vano e per l’accessibilità, sia perché ora c’è il divano 40/20/40 che ne migliora ulteriormente la modulabilità. Se però dovessi seguire il cuore, quella che mi piace di più è la berlina: raramente mi è capitato di vedere un’auto a tre volumi dotata di tale equilibrio, eleganza e sportività. Lo so, è una scelta controcorrente, ma visto che si tratta di un’auto che si compra con motivazioni particolari, io la A3 la prenderei così.

L’imbarazzo della scelta

Per provare la A3, l’Audi ce l’ha messa a disposizione in tutte le carrozzerie e i motori, su percorsi brevi e poco trafficati, a qualche decina di km da Monaco di Baviera. Un bel buffet del quale ho approfittato a piene mani cominciando dalla scelta più “logica”: la Sportback con l’1.6 TDI da 110 CV che rappresenta oltre il 50% delle vendite. È un motore elastico, ma non silenzioso e in giro c’è chi offre più cavalli, brillantezza e qualità di funzionamento spendendo assai di meno, ma il cambio S tronic a 7 rapporti gli sta a pennello. Il 2 litri da 150 CV ne ha parecchio di più e, se devo dar retta al computer di bordo, i consumi sono praticamente identici (5,3-5,5 litri/100 km). Passo poi alla scelta meno “logica”, come il 2 litri a benzina da 190 CV che, a basso carico funziona a ciclo Miller, e devo dire che mi piace molto il suo carattere double face: acqua cheta e gomito basso quando scelgo la tranquillità e grinta sorprendente da vendere quando schiaccio il piede destro. Peccato che – almeno per ora – non sia a listino per l’Italia, perché io lo preferirei all’1.4 da 150 CV.

Ora chiamatela “A3 cilindri”

Lasciando da parte la S3 della quale parlerò a parte, ho dovuto invece fare la fila per provare la vera novità: il 3 cilindri mille da 115 CV. E la mia attesa non è andata delusa perché – e questa è la prima sorpresa – la A3 offre il comfort acustico migliore proprio con il motore più piccolo e meno frazionato, anche perché preferisce girare ai regimi medio-bassi. Non ha la grinta del Ford né la naturalezza del GM, ma è pieno di coppia (200 Nm tra 2.000 e 3.500 giri/min) e mi accorgo che ha i cilindri dispari solo se lo forzo, ma è talmente conveniente da usare con un filo di acceleratore e l’automatico (a 7 marce) che dopo pochi chilometri il mio piede destro si autoprogramma per la leggerezza e la dolcezza. E il computer di bordo mi premia: siamo intorno a 6 litri/100 km. Niente da dire infine sul comportamento stradale. La A3 avrà pure qualche spigolo in più fuori, ma il carattere rimane sempre il solito: arrotondato, levigato fino a rasentare un equilibrio che è quello che ci vuole per andare veloci e comodi in piena sicurezza, con le ruote sempre ben piantate a terra e uno sterzo che parla sempre la mia lingua.

Dà di più e chiede di meno

Il listino parte da 27.800 euro per la Sportback 1.6 TDI nei 3 allestimenti Business, Sport e Design (qui tutti i prezzi) che sono solo il punto di partenza prima di scegliere la carrozzeria, se la si vuole manuale o automatica, a trazione anteriore o integrale e infine scatenarsi tra le opzioni proposte lungo le 34 pagine di listino scritte in corpo 8 e non certo per fregare il cliente, ma per problemi di abbondanza. La dimostrazione è che, a sorpresa, con una dotazione superiore, il prezzo è sceso e con l’arrivo del 3 cilindri in autunno la soglia di accesso scenderà ulteriormente.

Audi A3 Sportback 2016 | Prova su strada

E' fra le auto più vendute della Casa di Ingolstadt e finalmente l'abbiamo potuta vedere da vicino. Ecco com'è... e come va la nuova Audi A3 restyling: guardate la prova di Giuliano a bordo della versione Sportback!

Scheda Versione

Audi A3 Sportback
Nome
A3 Sportback
Anno
2012 (restyling del 2016)
Tipo
Premium
Segmento
compatte
Carrozzeria
2 volumi
Porte
5 porte
Motore
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Redazione

Tag: Test , Audi , auto europee


Listino Audi A3

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
1.0 TFSI 116cv anteriore benzina 116 1 5 € 25.100

LISTINO

1.0 TFSI Business 116cv anteriore benzina 116 1 5 € 25.850

LISTINO

1.6 TDI anteriore diesel 110 1.6 5 € 26.200

LISTINO

1.4 TFSI g-tron anteriore metano 110 1.4 5 € 26.400

LISTINO

1.0 TFSI 116cv Design anteriore benzina 116 1 5 € 26.700

LISTINO

1.0 TFSI 116cv Sport anteriore benzina 116 1 5 € 26.700

LISTINO

1.6 TDI Business anteriore diesel 110 1.6 5 € 26.950

LISTINO

1.0 TFSI 116cv S tronic anteriore benzina 116 1 5 € 27.300

LISTINO

Tutti gli allestimenti »

 

Top