Home » Argomenti » Bollo e Tasse

pubblicato il 17 maggio 2016

Fusione Anas-FS, spuntano nuove accise all'orizzonte

Il matrimonio nel mondo delle infrastrutture rischia di pesare sulle tasche degli automobilisti

Fusione Anas-FS, spuntano nuove accise all'orizzonte

Il presidente Anas, Gianni Vittorio Armani, si espone pubblicamente: "La fusione tra FS e Anas potrebbe tagliare il traguardo entro la fine dell’anno. I tempi sono abbastanza stringenti. Il team di lavoro ha già svolto la prima riunione. Entro l’estate, ci dovrebbero essere i contorni di fattibilità dell’operazione, mentre l’implementazione richiederà un po’ più di tempo". Perché sia un bel matrimonio, occorre una bella sposa. "Abbiamo iniziato la fase esplorativa che implica rendere la sposa cioè noi, più presentabile. Dobbiamo rendere Anas appetibile e non bisogna consentire il rischio di riportare le Ferrovie nel perimetro della Pubblica amministrazione. Per questo abbiamo bisogno di autonomia finanziaria con ricavi che ci consentano di uscire dalla Pubblica amministrazione".

Altri soldi: con le accise?

Il numero uno Anas esclude la possibilità di un pedaggiamento dell'intera rete stradale della società. "Abbiamo 25.000 chilometri di strade e i pedaggi non si riescono a fare. Abbiamo bisogno di un pagamento che deve essere certo come quello delle accise sulla benzina. Proviamo a costruire un gruppo mondiale perché sia Anas che FS sono grandi in Italia ma piccolissime nel mondo. E per competere all’estero bisogna essere grandi".

Tasse sulla benzina protagoniste

Così, le accise sono più che mai protagoniste del settore auto in Italia. Dopo le tasse preistoriche sul carburante, dopo la discussione che ha animato il web attorno alla possibile abolizione del bollo auto in cambio di ulteriori accise (ecco cosa ne pensate), ecco l’idea di Armani: accise a favore dell’Anas, anziché i pedaggi sulla rete del gestore nazionale. Obiettivo, l’indipendenza economica, che consenta anche la fusione con FS.

Parola ai ministri

Intanto, il ministro dei Trasporti, Graziano Delrio, e il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, si sono dati due mesi di tempo per valutare la fusione tra Anas e Ferrovie dello Stato. Per Delrio, il matrimonio Anas-FS "aiuta per una progettazione più veloce e una programmazione più coordinata. È una potenziale sinergia molto interessante che ha poche esperienze in giro per il mondo. Attendiamo l'esito dei due mesi di lavoro con il ministero dell'Economia e poi presenteremo vantaggi e svantaggi di questa operazione". E pure Renato Mazzoncini (amministratore delegato FS) ci crede. Anche se ormai dal 2014 si parla di quotazione in Borsa e privatizzazione di FS.

Autore: Redazione

Tag: Attualità , tasse


Vai allo speciale
  • Tesla al Salone di Parigi 2016 - Salone di Parigi 2016 - 12
  • Porsche al Salone di Parigi 2016 - Salone di Parigi 2016 - 6
  • Abarth al Salone di Parigi 2016 - Salone di Parigi 2016 - 12
  • Porsche al Salone di Parigi 2016 - Salone di Parigi 2016 - 21
Vai al Salone Salone di Parigi 2016
 
Top