dalla Home

Test

pubblicato il 12 maggio 2016

Peugeot 2008, "faccia" da SUV

Si rinnova nel look e nella connettività per rimanere ai vertici delle vendite fra i crossover

Peugeot 2008, "faccia" da SUV
Galleria fotografica - Peugeot 2008 restylingGalleria fotografica - Peugeot 2008 restyling
  • Peugeot 2008 restyling - anteprima 1
  • Peugeot 2008 restyling - anteprima 2
  • Peugeot 2008 restyling - anteprima 3
  • Peugeot 2008 restyling - anteprima 4
  • Peugeot 2008 restyling - anteprima 5
  • Peugeot 2008 restyling - anteprima 6

Per Peugeot la 2008 è fondamentale, in Europa e in Italia: nel nostro Paese, per esempio, è seconda (dietro alla Renault Captur) fra i crossover di segmento B più venduti nei primi 4 mesi dell'anno, con 8.743 esemplari. Eppure non si può perdere nemmeno un giorno nell'aggiornamento del prodotto, che infatti sono venuto a guidare a Valencia nella sua veste rinnovata e che sarà nelle concessionarie dal 27 maggio. Il look diventa più "maschio", l'hi-tech più sofisticato e, sulla 1.2 a benzina da 110 CV, arriva il cambio automatico EAT6.

Com'è

Una cosa non è mai mancata alla 2008: l'appeal. Non lo diciamo noi, ma i già citati numeri di mercato (quasi 600.000 esemplari prodotti globalmente in tre anni). Tuttavia si può sempre fare di meglio: ecco dunque una lieve correzione del tiro che la rende più forte nel look, spostandola verso la categoria dei SUV (la trazione resta solo anteriore). Me ne accorgo subito e i responsabili numero uno di questa percezione sono i profili protettivi neri che contornano i passaruota, insieme alle piastre in simil alluminio sotto i paraurti (a loro volta ridisegnati) del nuovo allestimento GT Line. Ci vuole un occhio più allenato, invece, per percepire il lavoro fatto su mascherina, cofano motore e fari. Senza dubbio, però, la 2008 restyling non dà più l'impressione di essere una 208 in scala leggermente aumentata: ha guadagnato personalità. Personalità che non è mai mancata all'abitacolo, soprattutto se si parla di ergonomia: l'i-cockpit - volante piccolissimo e strumentazione leggibile (non sempre in modo ottimale, se non per persone molto basse o molto alte) al di sopra o al di sotto della corona del volante - ha avuto il merito se non altro di far parlare molto di sé. Le modifiche più importanti interessano dunque l'implementazione dell'Apple Car Play e del Mirror Link, per interfacciare in pochi istanti smartphone con sistema operativo iOS e Android. Per il resto, abitabilità e capacità di carico della 2008 si confermano al top del segmento.

Come va

In quanto crossover di segmento B, la 2008 non è una di quelle auto che si comprano "per forza" con motore turbodiesel. Per questo motivo mi concentro sulla 1.2 tre cilindri turbo da 110 CV, dotata di cambio automatico; il top per un utilizzo quotidiano in città e per non rimanere a corto di CV e Nm quando ci si sposta, magari a pieno carico, verso la montagna. Detto che le risposte del PureTech 110 non sono sportive e che il cambio non è un fulmine nella selezione del rapporto in base alle esigenze di chi guida, la francese ha un brio adeguato alle richieste di un padre di famiglia che non abbia la passione per la guida. Anche perché l'assetto è tarato più per il comfort che per l'handling - come è giusto che sia in questo segmento - e lo sterzo privilegia il relax agli inserimenti fulminei. La messa a punto è dunque adeguata alla mission del veicolo; peccato solo che i fruscii aerodinamici siano piuttosto forti già a 110 km/h, così come si sente un po' troppo il rumore di rotolamento dei pneumatici. Le sospensioni? Assorbono molto bene sia le sconnessioni più brusche, sia gli avvallamenti presi in velocità: solo nelle buche più profonde i passeggeri vengono sottoposti a qualche scossone. Non mancano, infine, importanti ausilii alla guida come la frenata automatica di emergenza (250 euro ben spesi...) e il sistema di parcheggio automatico (475 euro): chi guida deve solo occuparsi di frizione, cambio e gas; a muovere lo sterzo provvede l'elettronica.

Curiosità

Il fenomeno dei crossover compatti è tutto europeo? Sbagliato. Peugeot 2008, per esempio, è l'auto dei tre mondi: viene infatti prodotta in Europa, in Cina e in Brasile. Una globalità che premia: non solo le unità prodotte, come detto, hanno già raggiunto le 600.000 unità, ma continuano a crescere di anno in anno. Un successo sul quale Peugeot ha deciso comunque di non "crogiolarsi".

Prezzi

Il listino della 2008 a benzina parte dai 15.860 euro della versione PureTech da 82 Access e arriva ai 21.910 euro della top di gamma GT Line con motore Turbo 110 S&S. Diesel: il prezzo di attacco è fissato a 17.510 euro - BlueHDi 75 Access - mentre la versione provata, 1.2 PureTech 110 EAT6 (automatica) costa 22.110 e di serie offre, tra gli altri: touchscreen da 7", sensore luce e pioggia e interfaccia Bluetooth.

Scheda

Quando arriva: weekend porte aperte: 28-29 maggio
Quanto costa: 22.110 euro
Quanti CV ha: 110
Quanto consuma: 4,8 L/100 km
Quanta CO2 emette: 110 g/km
0-100 km/h: 10,3 secondi
Garanzia: 2 anni/km illimitati

Scheda Versione

Peugeot 2008
Nome
2008
Anno
2013 (restyling del 2016)
Tipo
Normale
Segmento
utilitarie
Carrozzeria
SUV e Crossover
Porte
5 porte
Motore
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Test , Peugeot , auto europee


Listino Peugeot 2008

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
1.2 PureTech 82cv Access anteriore benzina 82 1.2 5 € 15.860

LISTINO

1.6 BlueHDi 75cv Access anteriore diesel 75 1.6 5 € 17.510

LISTINO

1.2 PureTech 82cv Active anteriore benzina 82 1.2 5 € 17.560

LISTINO

1.6 BlueHDi 75cv Active anteriore diesel 75 1.6 5 € 19.210

LISTINO

1.2 PureTech 82cv Allure anteriore benzina 82 1.2 5 € 19.410

LISTINO

1.6 BlueHDi 100cv Active anteriore diesel 100 1.6 5 € 20.110

LISTINO

1.2 PureTech Turbo 110cv S&S Allure anteriore benzina 110 1.2 5 € 20.910

LISTINO

1.2 PureTech Turbo 130cv Allure S&S anteriore benzina 131 1.2 5 € 21.510

LISTINO

Tutti gli allestimenti »

 

Top