Curiosità

pubblicato il 11 maggio 2016

Dossier Verona Legend Cars 2016

Verona Legend Cars, raduno di Lancia Delta con Miki Biasion

La manifestazione è stata scelta perché il pilota ama e vuole il contatto con il pubblico

Verona Legend Cars, raduno di Lancia Delta con Miki Biasion
Galleria fotografica - Verona Legend Cars 2016, le Lancia da corsaGalleria fotografica - Verona Legend Cars 2016, le Lancia da corsa
  • Verona Legend Cars 2016, le Lancia da corsa - anteprima 1
  • Verona Legend Cars 2016, le Lancia da corsa - anteprima 2
  • Verona Legend Cars 2016, le Lancia da corsa - anteprima 3
  • Verona Legend Cars 2016, le Lancia da corsa - anteprima 4
  • Verona Legend Cars 2016, le Lancia da corsa - anteprima 5
  • Verona Legend Cars 2016, le Lancia da corsa - anteprima 6

Oggi tutto scorre sui social e il contatto umano si riduce a favore di uno schermo. Succede anche nel Motorsport e Miki Biasion ha scelto Verona Legend Cars per l'edizione 2016 di “Amiki Miei”, il raduno internazionale di Lancia Delta e Lancia da competizione, proprio per abbattere le barriere virtuali e incontrare dal vivo gli appassionati delle Lancia e delle competizioni. “Mi è piaciuta tantissimo la formula di questa manifestazione – spiega il campione di Bassano del Grappa – perché non si tratta del solito show con macchine e piloti inavvicinabili e il pubblico confinato dietro le transenne. Ho visto che qui condividiamo tutti la stessa passione. C'è il contatto umano più autentico, cioè proprio quello che è venuto a mancare nello sport e nel rally in particolare. Oggi ci raccontiamo tutto con i social network, ma io resto convinto che una pacca sulla spalla ti resti nella memoria più di qualsiasi post. Inoltre quest'anno Verona Legend Cars dedica una mostra proprio alla Lancia (qui il programma 2016)”.

Quando correvi era diverso? “Completamente diverso. Oggi ci sono alcuni piloti di rally molto schivi, appena tagliano il traguardo scompaiono nei motorhome. Ma il rally è, o almeno era, un'altra cosa. Non si corre negli autodromi, ma nelle strade di tutti i giorni e in mezzo alla gente. Per l'assistenza, chiedevi ospitalità nelle case, dove magari ti facevano trovare il salame e la torta. E all'arrivo, per chiedere l'autografo il tifoso poteva arrivare a bussarti al finestrino. Beh, forse qualcuno esagerava nell'entusiasmo, poteva capitare che ti strappassero qualche adesivo dalla macchina o dalla tuta. Ma è esattamente questo che mi manca davvero di quegli anni. I momenti belli sono stati tanti, ma i più belli in assoluto erano proprio quegli incontri, quel clima, quell'umanità”.

Autore: Redazione

Tag: Curiosità , Lancia , raduni


Vai allo speciale
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 55
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 34
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 49
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 50
Vai al Salone Salone di Parigi 2016
 
Top