Test

pubblicato il 11 maggio 2016

Audi SQ7, il SUV "gazzella" con la forza di un rinoceronte

La prova su strada dello sport utility vehicle diesel premium più potente al mondo, 435 CV e 900 Nm di coppia

Audi SQ7, il SUV "gazzella" con la forza di un rinoceronte
Galleria fotografica - Audi SQ7 TDIGalleria fotografica - Audi SQ7 TDI
  • Audi SQ7 TDI - anteprima 1
  • Audi SQ7 TDI - anteprima 2
  • Audi SQ7 TDI - anteprima 3
  • Audi SQ7 TDI - anteprima 4
  • Audi SQ7 TDI - anteprima 5
  • Audi SQ7 TDI - anteprima 6

È agile come una gazzella, pesa come un elefante asiatico e quando carica sembra un rinoceronte. Il suv premium a gasolio più potente al mondo è Audi SQ7 TDI e sotto il cofano monta un motore V8 da 4.0 litri da 435 cavalli, evoluzione del V8 da 4.2. È un modello imponente che misura quasi 5,7 metri di lunghezza con un passo di 3 che il costruttore tedesco ha trasformato nel nuovo ambasciatore tecnologico. Tanto che perfino i 24 sistemi di assistenza con i quali può venire equipaggiato passano (si fa per dire) in secondo piano rispetto al primo compressore ad azionamento elettrico (EAV) di serie che supporta i due turbo tradizionali. O alla funzione di stabilizzazione antirollio elettromeccanica attiva che aumenta il comfort nell'abitacolo. O, ancora, alla rete elettrica di bordo da 48 Volt (in aggiunta a quella ordinaria da 12) che alimenta il compressore e che in futuro potrà servire per i moduli della guida autonoma.

Com'è

Rispetto al modello dal quale deriva, il look di Audi SQ7 TDI – disponibile a 5 o 7 posti – è stato aggiornato con alcuni dettagli tipici dei modelli "S" come la mascherina single frame, le prese d'aria, alcuni rivestimenti delle portiere in alluminio, lo spoiler al tetto più largo ed i quattro terminali di scarico rettangolari. La grande novità, il compressore ad azionamento elettrico, interviene solo quando serve, in particolare nelle ripartenze ed ai bassi regimi. Il cosiddetto "turbo lag", che nei motori a gasolio si avverte comunque meno, viene completamente annullato assicurando una impareggiabile dinamica di guida. Si tratta di una soluzione che è facile prevedere possa venire adottata anche sui modelli del gruppo prodotti sulla medesima piattaforma MLB, tipo Volkswagen Touareg o Porsche Cayenne.

Come va

In Francia piove. Anzi, a tratti diluvia tanto che faccio quasi fatica a vedere oltre il parabrezza. Eppure mi sento straordinariamente tranquillo. Audi SQ7 è equipaggiata con il solito armamentario di dotazioni di sicurezza, ma non è per quello che sono sereno. Lo sono perché le ho già..."tirato il collo" lungo stretti budelli fra i boschi che salgono verso i Vosgi. Mi sembrava di essere sui due binari. Certo, avevo cerchi da 22 (in Italia sono di serie quella 20), ma non conoscevo la strada. Eppure spingevo sull'acceleratore. E poi frenavo, bruscamente, è ovvio. Ma il SUV dei Quattro Anelli non si scomponeva. Malgrado peso e dimensioni, posso pennellare le traiettorie e quando le curve sono toste, lo stabilizzatore fa il suo dovere. Mi accomodo anche dietro: a parte il posto centrale della seconda fila con lo schienale "duro" perché funge anche da tavolino per chi occupa le sedute laterali, viaggio con un comfort notevole. La trasmissione automatica a 8 rapporti è di una precisione svizzera, anzi bavarese, visto che a Ingolstadt vogliono confermarsi tecnicamente all'avanguardia. Se solo pigio sul pedale del gas (eccome se lo faccio), il sistema scende armoniosamente (brutalmente se affondo con decisione) a riprendersi la coppia che serve. Peccato per i limiti di velocità, anche se in ogni caso quella massima arriva a 250 km/h, ma solo per decisione di Audi. La coppia sembra non finire mai, fino a 900 Nm, tutti erogati in un crescendo di emozioni, anche sonore (sound importante, ma non sfrontato), dentro un abitacolo dove tutto è ovattato. Si può sempre fare meglio, ma con questa SQ7 TDI, Audi ha piazzato la barra molto, ma molto in alto.

Curiosità

Sliding doors in casa Audi. Stefan Knirsch è un ingegnere bavarese che arriva dalla città della pallacanestro, Bamberg. Oggi ha 49 anni ed a coronamento della sua carriera, che probabilmente conoscerà ulteriori avanzamenti, siede da gennaio nel board di Audi quale responsabile dello sviluppo. Era stato proprio lui, agli inizi di marzo, a svelare il modello nel corso della conferenza annuale sul bilancio. Non era scontato, però. Aveva esordito nel 1990 proprio in Audi, poi promosso in Porsche, che aveva lasciato per il fornitore Pierburg. Nel 2013 era rientrato per guidare la divisione powertrain, ruolo nel quale aveva creduto e spinto per l'adozione del compressore ad azionamento elettrico (EAV). Nel 2015 era arrivato l'annuncio di un nuovo "addio" ad Ingolstadt. Nell'ambiente si mormorava che fosse destinato a Stoccarda, dove il responsabile dello sviluppo, Thomas Weber, avrebbe lasciato a fine 2016. Invece, Audi lo ha poi convinto a rientrare e da quasi cinque mesi fa parte nel board. Così ha ritrovato il suo "vecchio" amore: la tecnologia EAV che equipaggia il diesel premium più potente al mondo.

Quanto costa

In Italia l'apertura degli ordini di Audi SQ7 è imminente. Il prezzo "base" (un eufemismo) è di 97.200 euro ed include un numero consistente di dotazioni, dai gusci esterni degli specchietti in alluminio all'Adaptive air suspension, dai sedili sportivi in Alcantara al portellone ad apertura elettrica fino al sistema di navigazione MMI Plus con MMI touch o all'Audi drive Select. Esiste anche una versione business il cui prezzo non è ancora stato definito, ma è facile prevedere una somma non inferiore ai 100.000 euro. Il lancio commerciale è fissato per l'autunno.

Scheda

Motore provato: V8 4.0 TDI 435 CV
Quando arriva: autunno 2016
Quanto costa: da 97.200 euro
Quanto consuma: 7,4 l/100 km (ciclo combinato)
CO2: 198 g/km
Potenza/Coppia: 435 CV/140 kW
Garanzia: 2 anni

Scegli Versione

Autore: Mattia Eccheli

Tag: Test , Audi , auto europee


Vai allo speciale
  • Mitsubishi al Salone di Parigi 2016 - Salone di Parigi 2016 - 24
  • Lexus al Salone di Parigi 2016 - Salone di Parigi 2016 - 92
  • Kia al Salone di Parigi 2016 - Salone di Parigi 2016 - 72
  • smart al Salone di Parigi 2016 - Salone di Parigi 2016 - 14
Vai al Salone Salone di Parigi 2016
 
Top