dalla Home

Novità

pubblicato il 5 maggio 2016

Allarme incidenti Tir in autostrada, le soluzioni Unrae

Le proposte per arginare il fenomeno partono dalo svecchiamento del parco circolante

Allarme incidenti Tir in autostrada, le soluzioni Unrae

Cominciamo dalla buona notizia: marzo 2016 è stato un mese positivo per i veicoli industriali (quelli, per capirci, con massa totale a terra superiore a 3,5 tonnellate): addirittura 1.850 unità, cioè +52,3% sul marzo 2015. Nel primo trimestre, siamo a +33,4% (5.075 Tir immatricolati). Così da poter arrivare, secondo le previsioni attuali, a quota 17.000 mezzi venduti nel 2016. Ma ora la notizia negativa: il parco circolante ha un’età media di 12 anni.

Problema sicurezza stradale

L’Unrae (Unione Case estere) evidenzia che dei 613.000 veicoli industriali che compongono il parco, oltre il 71% appartiene a classi di emissione anteriori all’Euro IV (immatricolati prima del 1° ottobre 2006). Non solo: non è equipaggiato con i dispositivi di sicurezza attualmente previsti. Ecco la logica conseguenza: nel 2015, gli incidenti autostradali che hanno coinvolto veicoli pesanti sono aumentati del 14,2% rispetto al 2014. Una tendenza generalizzata? No, per niente: nello stesso periodo, i sinistri che hanno coinvolto veicoli leggeri sono diminuiti dello 0,1%.

Un guaio per tutti

Ovviamente, mezzi vecchi e insicuri sono un problema sia per i conducenti di quei veicoli, sia per tutti gli altri utenti della strada, automobilisti inclusi. Pertanto, l’Unrae ha individuato alcune linee di azione prioritarie. Anzitutto, rilanciare la necessità di finanziamenti pubblici nel settore attraverso impieghi mirati al rinnovo effettivo del parco. Ma anche sostenere azioni di comunicazione e training indirizzate ai giovani per la formazione, per la qualificazione professionale e per l’aggiornamento di autisti responsabili e competenti destinati alle aziende di autotrasporto. Una terza idea è quella di promuovere la conoscenza dell’offerta di motori alternativi e di nuove tecnologie, a favore dell’ambiente e della sicurezza stradale. E forse, aggiungiamo noi, anche la convivenza in autostrada fra mezzi pesanti e auto deve migliorare.

Autore: Redazione

Tag: Novità , incidenti , sicurezza stradale


Top