dalla Home

Curiosità

pubblicato il 4 maggio 2016

Alfa Romeo Trionfo, un sogno da corsa venuto dal passato

Il progetto virtuale di un designer proietta nel futuro le gloriose Sport e Spider del Biscione

Alfa Romeo Trionfo, un sogno da corsa venuto dal passato
Galleria fotografica - Alfa Romeo TrionfoGalleria fotografica - Alfa Romeo Trionfo
  • Alfa Romeo Trionfo - anteprima 1
  • Alfa Romeo Trionfo - anteprima 2
  • Alfa Romeo Trionfo - anteprima 3
  • Alfa Romeo Trionfo - anteprima 4
  • Alfa Romeo Trionfo - anteprima 5
  • Alfa Romeo Trionfo - anteprima 6

Le spider da corsa della Casa del Biscione e le vetture Sport degli anni Cinquanta sono la fonte ispiratrice dell'Alfa Romeo Trionfo, progetto virtuale del torinese Sebastiano Ciarcià che rievoca il mito Alfa attraverso le forme dei bolidi che ne hanno segnato la gloriosa storia sportiva. I rendering della Trionfo che vedete qui sono infatti il frutto di una personale rielaborazione fatta dallo stesso Sebastiano per immaginare un'ipotetica erede delle spettacolari Alfa Romeo 6C 3000 Competizione Maggiorata, 750 Competizione, Disco Volante e Sport Spider, tutte protagoniste delle gare Anni '50.

Quattro motori elettrici

Il risultato è l'Alfa Romeo Trionfo, una bassissima e filante spider da competizione monoposto con aerodinamica estrema, spinta da quattro motori elettrici e una microturbina a gas, soluzione non troppo diversa dalla concept Jaguar C-X75. Il suo stesso ideatore la descrive come una vettura "iconica, pura e dalle forme statuarie" e i rendering 3D fanno davvero pensare alla Trionfo come ad una vettura racing pronta a scendere in pista. Le misure esterne dell'Alfa Romeo Trionfo riportano una lunghezza di 5.210 mm, una larghezza di 2.180 mm e un'altezza davero ridotta di 970 mm.

Pinna posteriore a scomparsa

Oltre ai sottilissimi gruppi ottici, alla carenatura dietro la testa del pilota e quella che copre la ruota posteriore, la Trionfo propone poi enormi scivoli aerodinamici inferiori e una pinna verticale retraibile piazzata proprio sulla carenatura posteriore. Per dare ancora più credibilità e carisma alla sua creatura il giovane designer ha pensato anche ad alcune ambientazioni prestigiose per l'Alfa Romeo Trionfo come il Concorso d'Eleganza Villa d'Este, il Goodwood Festival of Speed e pure la 24 Ore di Le Mans.

Autore:

Tag: Curiosità , Alfa Romeo , gare , car design , auto storiche , auto italiane , rendering


Top