dalla Home

Home » Argomenti » Flotte aziendali

pubblicato il 4 maggio 2016

Auto aziendale, il downgrading dilaga anche nel noleggio

Le aziende sono sempre più orientate a flotte di auto dalla cilindrata piccola. Ecco la tendenza

Auto aziendale, il downgrading dilaga anche nel noleggio

Un’idea semplice è quella delle aziende che si affidano alle società di noleggio a lungo termine per formare una flotta di auto. Ossia, in coincidenza con un periodo delicatissimo dal punto di vista economico, una strana congiuntura dalla quale forse si sta lentamente uscendo adesso, non si opera una brutale sforbiciate alle vetture dei dipendenti. Ma si prendono a noleggio a lungo termine macchina di cilindrata inferiore, così da risparmiare sul canone mensile. È il fenomeno downgrading. Che letteralmente sta per "declassamento". Grazie a vetture meno potenti: downsizing ("ridimensionamento").

L’ultimo rapporto dice che...

Infatti, come ricorda l’Aniasa (Associazione noleggio) nell’ultimo rapporto, anche nel 2014 il fenomeno del downgrading in atto da diversi anni è diventato ancora più evidente. Le city car, il segmento "A", sono sempre più richieste e salgono al 13,3% del totale. Anche le utilitarie e medie ("B" e "C") aumentano di rappresentatività, raggiungendo rispettivamente il 18,1% ed il 35,2%. Stabile il totale cumulativo dei segmenti "C" e "D" (vetture di fascia media e medioalta), compensandosi l’aumento del segmento "C" con la riduzione del segmento "D". Insieme rappresentano il più rilevante volume delle auto aziendali, arrivando al 63,3% a dimostrazione che nelle flotte aziendali sono maggiormente richiesti veicoli di media cilindrata (sotto i 1800 cc), come strumento di lavoro specifico per aziende private e PA. C’è sì un aumento delle vetture dei segmenti "E" e "F" (superiori e alto di gamma), ma lo spostamento della flotta verso vetture di minori dimensioni è netto.

Non un bene superfluo

In questo modo, la macchina si conferma bene assolutamente necessario, strumento di lavoro indispensabile. Solo, le aziende seguono una politica conservativa, intelligente, e in questo le società di noleggio accompagnano il percorso dei clienti. Offrendo una vasta scelta, magari anche allungando i contratti, che possono arrivare a 48 mesi, a fronte di un canone meno esoso.

L’invasione delle app

Intanto, prosegue l’invasione delle app, anche nel settore noleggio auto. Arriva da Locauto Rent Elefast, ossia "elefante veloce": consente di ritirare un’auto a noleggio a breve termine in modalità full self service, senza bisogno di passare dal desk. Un sistema che non ha eguali sul mercato del rent-a-car. Basta scaricare l’app Locauto sul proprio dispositivo, iscriversi gratis e prenotare nella stazione di noleggio desiderata un’auto contrassegnata dal marchio Elefast. Poco prima dell’ora di ritiro, l’app comunica al cliente il numero di targa e il modello della vettura assegnata. Una volta giunto presso il parcheggio della stazione di noleggio, il cliente, seguendo le istruzioni dell’App, può aprire le portiere dell’auto, prendere la chiave che si trova all’interno e partire. La procedura di riconsegna è del tutto simile a quella di ritiro: sarà l’app a guidare il cliente e, con pochi touch, a permettergli di chiudere le portiere e concludere il noleggio.

Autore: Redazione

Tag: Attualità , flotte aziendali


Top