dalla Home

Novità

pubblicato il 2 maggio 2016

Lexus IS, restyling dai piccoli cambiamenti

Presentato al Salone di Pechino, interessa look e dotazioni hi-tech

Lexus IS, restyling dai piccoli cambiamenti
Galleria fotografica - Lexus IS restylingGalleria fotografica - Lexus IS restyling
  • Lexus IS restyling - anteprima 1
  • Lexus IS restyling - anteprima 2
  • Lexus IS restyling - anteprima 3
  • Lexus IS restyling - anteprima 4
  • Lexus IS restyling - anteprima 5
  • Lexus IS restyling - anteprima 6

La Lexus IS è l'alternativa ad Audi A4, BMW Serie 3 e Mercedes Classe C: un modello molto importante, dunque, per i volumi di vendita del marchio giapponese nel Vecchio Continente, ma che non "vive" di sola Europa. Ecco perché il suo restyling è stato presentato al Salone di Pechino. Restyling che ringiovanisce un modello sul mercato dal 2013. Nel dettaglio, i giapponesi hanno lavorato leggermente sul look e un po' più in profondità nella tecnologia. Il primo beneficia di prese d'aria di maggiori dimensioni nel paraurti anteriori e di fari ridisegnati, che mettono maggiormente in evidenza la classica forma a "L" delle luci diurne e led. E' stata ripensata anche la mascherina, ora più "appuntita" e con un immaginario centro di gravità abbassato, per dare più aggressività alla vettura.

In Lexus hanno lavorato per bene anche nell'abitacolo: innanzitutto lo schermo del sistema di infotainment cresce da 7 a 10,3 pollici e diventa ad alta risoluzione. E' stato inoltre introdotto il tasto "fisico" Enter accanto al touchscreen, in modo da rendere più facile e immediato l'utilizzo del sistema. I miglioramenti interessano inoltre i comandi del climatizzatore - razionalizzati - e il trattamento delle plastiche del pannello di comando. Siccome sono i dettagli a fare il premium, anche le cuciture della plancia al di sopra della strumentazione sono state rinnovate, mentre nuovi abbinamenti arricchiscono la gamma di colori per l'ambiente interno. Meccanicamente, l'unica novità non interessa il nostro mercato: la IS 200t ospita infatti il nuovo motore 2.0 turbo twin-scroll con VVT-iW che permette di passare dal ciclo Otto al ciclo Atkinson in base alle richieste del piede destro e per la massima efficienza. Una novità che un domani potrebbe arrivare anche sulla variante ibrida, la 300h.

Autore: Adriano Tosi

Tag: Novità , Lexus , auto giapponesi


Top