Anticipazioni

pubblicato il 28 aprile 2016

Dossier Salone Parco Valentino 2016

Mole Luce e Valentino, la sfida elettrica di UP Design

Umberto Palermo porta al Salone dell'auto di Torino un nuovo marchio e due auto a batteria

Mole Luce e Valentino, la sfida elettrica di UP Design
Galleria fotografica - Mole Luce, i primi disegniGalleria fotografica - Mole Luce, i primi disegni
  • Mole Luce, i primi disegni - anteprima 1
  • Mole Luce, i primi disegni - anteprima 2
  • Mole Luce, i primi disegni - anteprima 3
  • Mole Luce, i primi disegni - anteprima 4
  • Mole Luce, i primi disegni - anteprima 5
  • Mole Luce, i primi disegni - anteprima 6

La grande sfida lanciata da Umberto Palermo e la sua UP Design alla crisi dell'auto italiana riparte dal Salone dell'auto di Torino Parco Valentino (8-12 giugno 2016) dove l'azienda di Moncalieri presenta il nuovo marchio Mole e due auto elettriche denominate Luce e Valentino. La più vicina alla realtà è la Mole Valentino che prende il nome dall'omonimo parco torinese sede del Salone voluto e portato avanti per il secondo anno da Andrea Levy ed è una Tesla Model S rielaborata a livello stilistico e di finiture. La Mole Luce riprende invece la tradizione delle concept UP Design con nomi femminili, in questo caso quello della futura figlia dello stesso Palermo, proponendo una Gran Turismo leggera e con carrozzeria riciclabile. Il nuovo brand Mole nasce per realizzare in piccoli numeri (30/90 pezzi) auto esclusive, personalizzate e su misura per i mercati di Nord America, Europa e Giappone che apprezzano l'unicità del design frutto di una piccola Carrozzeria torinese.

Mole Luce, la GT in plastica riciclabile

La nuova Mole Luce che possiamo per il momento ammirare solo grazie ai disegni ufficiali firmati UP Design è il prodotto del laboratorio di Officine Umberto Palermo dedicato alla creazione di concept car che esplora i temi della ricerca formale e dell'utilizzo di materiali alternativi. Lo stile è derivato dalle esperienze delle precedenti concept Vittoria, Lucrezia e Mole ed esplora il tema della coupé GT con telaio tubolare in alluminio e carrozzeria monscocca in PVC espanso che risulta durevole, resistente e soprattutto riciclabile, a tutto vantaggio del ciclo produttivo e dell'ambiente. Il motore elettrico da 288 CV e 370 Nm abbinato alla trazione integrale promette di dare alla coupé torinese che pesa 1.200 kg e misura 455x196x124 cm prestazioni molto interessanti e un'autonomia di 340 km.

Mole Valentino, una Tesla Model S molto speciale

Con la Mole Valentino, anche lei illustrata dai bozzetti ufficiali, ci troviamo invece di fronte all'altra anima del marchio Mole, quello che si occupa della rivisitazione delle vetture di serie sulla base delle richieste dei committenti. In questo caso il cliente ha chiesto una rielaborazione della Tesla Model S, la berlina elettrica californiana a 5 porte e 5 posti che grazie al lavoro delle Officine Palermo presenta gruppi ottici e paraurti modificati, grande estrattore di coda, assetto ribassato e carrozzeria in fibra di carbonio. L'aspetto risulta così più grintoso e sportivo, perfetto per la berlina elettrica a trazione posteriore da 421 CV e 600 Nm che pesa 2.100 kg, misura 497x196x144 cm e percorre oltre 500 km con un pieno di batteria.

Galleria fotografica - Mole Valentino, i primi disegniGalleria fotografica - Mole Valentino, i primi disegni
  • Mole Valentino, i primi disegni - anteprima 1
  • Mole Valentino, i primi disegni - anteprima 2
  • Mole Valentino, i primi disegni - anteprima 3
  • Mole Valentino, i primi disegni - anteprima 4
  • Mole Valentino, i primi disegni - anteprima 5
  • Mole Valentino, i primi disegni - anteprima 6

Autore:

Tag: Anticipazioni , car design , auto italiane , auto elettrica , torino


Top