dalla Home

Test

pubblicato il 19 maggio 2016

Dossier Bimbi in auto

Viaggi in auto, come si trasporta un neonato [VIDEO]

Come si predispone l'abitacolo e quali errori evitare quando si porta a casa il piccolo dall'ospedale

Galleria fotografica - Bimbi in auto, il primo viaggioGalleria fotografica - Bimbi in auto, il primo viaggio
  • Bimbi in auto, il primo viaggio - anteprima 1
  • Bimbi in auto, il primo viaggio - anteprima 2
  • Bimbi in auto, il primo viaggio - anteprima 3
  • Bimbi in auto, il primo viaggio - anteprima 4
  • Bimbi in auto, il primo viaggio - anteprima 5
  • Bimbi in auto, il primo viaggio - anteprima 6

Nei primi tre video vi abbiamo detto praticamente tutto quello che c'è da sapere sui seggiolini: la loro importanza per il trasporto dei piccoli, la guida alla scelta del prodotto più adatto in base a peso/altezza/crescita del bambino, le tecniche per montarlo correttamente in auto e per assicurare il bambino al suo interno. E non è tutto, sappiatelo, perché quando si diventa genitori per la prima volta (ma non solo) sorgono dubbi di ogni tipo. Per questo, vi consigliamo di allenarvi prima del fatidico giorno, mettendo e togliendo il seggiolino dall'auto, legando e slegando la cintura e, più in generale, simulando tutte le operazioni che andrete a fare. E non dimenticate uno dei concetti fondamentali: i bambini, specialmente quelli più piccoli, non vanno trasportati nel senso di marcia perché la loro testa è ancora troppo pesante rispetto al resto del corpo e, in caso di impatto, potrebbero esserci lesioni letali al collo. Non trascurate nemmeno la pulizia, soprattutto quella dell'abitacolo: tappezzeria, sedili e tappetini sono veri e propri "nidi" di germi, acari e impurità di ogni genere.

Primo dubbio, la navicella

Le prime ora della propria vita, quelle in ospedale, i neonati le trascorrono fondamentalmente in due "luoghi": in braccio alla madre e distesi nel lettino in cui vengono adagiati poche ore dopo la nascita. E qui potrebbe nascere il primo "errore": nel desiderio di garantire il massimo comfort alla creatura, di non interrompere la continuità alla quale si è abituata nelle sue prime 48/72 ore, si potrebbe pensare di trasportarla con la navicella. Il che, peraltro, è consentito dalla legge. Ma voi evitate e preferite l'ovetto, che è molto più protettivo e tenete presente che non tutti gli ovetti sono uguali: innanzitutto devono permettere al bambino di stare appoggiato in modo che fra testa, collo e torace ci sia un'immaginaria linea retta. Inoltre la zona della testa deve essere il più contenitiva possibile, senza essere costrittiva. Infine, non guastano sistemi di protezione laterale come i bracci telescopici Cybex (L.S.P.) e una cappottina XXL che protegge dal sole. Se siete tra quelli che pensano che certe attenzioni siano eccessive, che tutto sommato vi spostate solo in città, sappiate che il maggior numero di incidenti con conseguenze gravi ai danni dei bambini avviene proprio in ambito urbano.

Cosa NON fare

Chi ha letto gli articoli del nostro speciale "Bimbi in auto" e ha ascoltato le parole di Giuliano sa già cosa non si deve fare. Una lista di errori da evitare può tornare comunque sempre molto comoda. Primo: lasciare il bambino libero nell'abitacolo senza alcun sistema di ritenuta. Secondo: pensare di poterlo proteggere tenendolo in braccio; nemmeno l'incredibile Hulk potrebbe trattenerlo in caso di impatto. Terzo: allacciarvi con la stessa cintura, perché il peso del vostro corpo potrebbe schiacciarlo, provocandogli ferite gravi. Quarto: tenere le cinture del seggiolino troppo larghe, vanificando le strutture di sicurezza. Quinto: posizionare il bambino nella navicella sul sedile posteriore; si rischia l'effetto catapulta. Sesto: lasciare attivo l'airbag del passeggero mentre si trasporta il piccolo sul sedile anteriore. Settimo: posizionare un seggiolino di categoria 0 e 0+ fronte marcia. Ottavo: affrancare il seggiolino con la cintura sbagliata o non fissata negli appositi spazi. Nono: intervenire sul seggiolino modificandone la struttura. Decimo: sbagliare seggiolino rispetto a peso e altezza del bimbo.

Autore: Redazione

Tag: Test , sicurezza stradale , viaggiare


Top