dalla Home

Attualità

pubblicato il 22 aprile 2016

Dossier Dieselgate, lo scandalo dopo il caso Volkswagen

Dieselgate, Volkswagen rimanda l’esito delle indagini

Lo studio sulla tematica Diesel è troppo complesso e verrà divulgato in autunno

Dieselgate, Volkswagen rimanda l’esito delle indagini

L’esito delle indagini sui Diesel Volkswagen verrà comunicato dopo l’estate e non adesso come inizialmente annunciato dal colosso di Wolfsburg che a fine settembre 2015, quando lo scandalo emissioni era appena scoppiato, aveva incaricato lo studio legale Jones Day di svolgere un’indagine completa. Le ricerche vanno avanti e finora sono stati sottoposti ad analisi elettronica circa 65 milioni di documenti, di cui oltre 10 milioni sono stati trasmessi per approfondimenti ai legali di Volkswagen. Sono stati inoltre condotti circa 450 colloqui sulla tematica Diesel e decine di ulteriori colloqui sono in programma. Dopo un attento esame della situazione legale, il Consiglio di Sorveglianza e il Consiglio di Amministrazione di Volkswagen hanno tuttavia convenuto che è bene divulgare tutte le informazioni a indagine terminata.

Le ragioni, dice il gruppo tedesco, sono principalmente legate alle complesse trattative con gli Stati Uniti, giunte ad un epilogo dopo mesi. Inoltre, “dal punto di vista dei legali, la divulgazione comprometterebbe significativamente la collaborazione di Volkswagen con il Dipartimento di Giustizia e indebolirebbe la posizione di Volkswagen nei restanti procedimenti”, recita una nota, che fa riferimento anche alle conseguenze finanziarie. “Volkswagen si rammarica sinceramente di non essere in grado di pubblicare i risultati provvisori entro la fine di aprile, come originalmente previsto. Tuttavia, per le ragioni sopra riportate, il Consiglio di Amministrazione e il Consiglio di Sorveglianza si vedono costretti ad astenersi dalla divulgazione, nell’interesse dell’Azienda”.

Autore: Redazione

Tag: Attualità , dall'estero


Top