dalla Home

Home » Argomenti » Prezzi benzina

pubblicato il 22 aprile 2016

Fusione Anas-Ferrovie Stato: nuova accisa carburante?

Le indiscrezioni proseguono e gli automobilisti potrebbero finire col pagare qualcosa in più

Fusione Anas-Ferrovie Stato: nuova accisa carburante?

Stando a indiscrezioni raccolte da OmniAuto.it, se ne parla eccome di fusione Anas-Ferrovie dello Stato: ci sono faldoni pesanti sui tavoli dei ministeri giusti (Economica, Tesoro). Il tutto fa seguito all’intervista rilasciata qualche giorno fa all’Adnkronos da Gianni Vittorio Armani, presidente Anas che, con tanta fatica, fra uno scandalo e l’altro magari legato alla vecchia gestione (pensiamo anche a Sindacopoli), sta cercando di creare una nuova immagine all’Anas. Armani ha commentato il progetto, all’esame del Governo, di una fusione con Ferrovie dello Stato, per creare una grande azienda per le infrastrutture. “Ci sono tantissime analogie nel modello di funzionamento di Ferrovie e Anas”, ha spiegato. Fs è stata avvantaggiata perché è già fuori dal perimetro della pubblica amministrazione: “Ha già raggiunto l'autonomia finanziaria che per noi è ancora un obiettivo e quindi, sicuramente, è un soggetto industriale che ha sinergie e analogie”.

Tasse a carico dell’automobilista

Al di là delle parole di Armani (che si allinea ai voleri del Governo…) e delle questioni tecniche riguardanti la fusione, il punto scattante è un altro: per quanto riguarda l’autonomia finanziaria “potrebbe essere un'accisa sui carburanti, oppure un bollo, come quello che si paga in Svizzera e Austria”, ha detto Armani. Quindi, un’altra, l’ennesima accisa. Una di quelle tasse che dovrebbero essere temporanee e che poi divengono definitive.

Vignette autostradali sui tratti Anas

In alternativa, il numero uno Anas parla di bollo, riferendosi alle vignette autostradali di Svizzera e Austria: “L’Anas deve essere remunerata per l’attività che fa e il consumatore deve poter pretendere un livello giusto di servizio. Questo crea un equilibrio: garantisce gli utenti della strada sul servizio che ricevono”. Insomma, servono soldi: “Noi forniamo un servizio: le strade devono essere pulite, senza buche, le opere si devono completare nei tempi e nei costi previsti. Questi sono obiettivi industriali che possono essere tranquillamente valutati e contrattualizzati”, ha aggiunto Armani.

Autore: Redazione

Tag: Attualità , carburanti


Top