Mercato

pubblicato il 19 aprile 2016

Jaguar dice addio alle station wagon

Il mercato chiede berline a 3 volumi e SUV, il marchio inglese si adegua

Jaguar dice addio alle station wagon

Ci sono relazioni che stentano a decollare. Rapporti difficili che nemmeno il tempo riesce a sistemare: quello della Jaguar con le station wagon, per esempio. Una tipologia di carrozzeria, quest'ultima, che non ha mai fatto parte della storia del marchio inglese. Ci sono state fasi difficili (la X-Type Sportwagon, per esempio) e altre un po' più felici, dal punto di vista stilistico se non da quello dei numeri di mercato (XF Sportbrake), ma il successo lo hanno sempre raccolto le SW degli altri, dei tedeschi in particolare.

Finalmente, è ora arrivato il momento del "divorzio": il boss del design Jaguar, Ian Callum, ha affermato ufficialmente che Jaguar non proporrà più varianti SW delle proprie berline, dal momento che il mercato delle familiari è in forte contrazione. Si è anche detto dispiaciuto, ma su questo non siamo sicuri che stesse dicendo la verità. Scherzi a parte, chiariamo subito un dubbio che potrebbe sorgere: anche le berline tradizionali sono in calo. Vero, ma non in tutto il mondo: ci sono mercati in cui le 3 volumi la fanno da padrone, mentre le SW sono un fenomeno quasi esclusivamente europeo. E se il Vecchio Continente, ma anche l'America e la Cina vanno dalla parte dei SUV, Jaguar risponde con la F-Pace, che Ian Callum si aspetta possa diventare il modello di maggior successo della storia del marchio.

Autore:

Tag: Mercato , auto inglesi


Vai allo speciale
  • Porsche al Salone di Parigi 2016 - Salone di Parigi 2016 - 21
  • Hyundai al Salone di Parigi 2016 - Salone di Parigi 2016 - 2
  • Fiat al Salone di Parigi 2016 - Salone di Parigi 2016 - 39
  • Hyundai al Salone di Parigi 2016 - Salone di Parigi 2016 - 10
Vai al Salone Salone di Parigi 2016
 
Top