Da Sapere

pubblicato il 15 aprile 2016

Viaggio in auto? Occhio al sorpasso... costosissimo

Con il nuovo reato di omicidio stradale le manovre azzardate si pagano ancora di più

Viaggio in auto? Occhio al sorpasso... costosissimo

Non è necessario questo articolo per sapere che i sorpassi azzardati sono vietati: dal buon senso, dal Codice della Strada, dal convivere civile. Ma ora, specie per chi viaggia e quindi ha la possibilità di fare parecchi sorpassi, una manovra troppo pericolosa e imprudente può avere conseguenze catastrofiche. A rivoluzionare la materia ci ha pensato il nuovo reato di omicidio stradale, previsto dal Codice penale. Se viaggiate, quindi, massima attenzione, come potete capire meglio qui in basso con un ripasso che fa sempre bene.

Sei punti chiave per chi viaggia

1# Visibilità. Anzitutto, in viaggio, se intendete sorpassare, dovete preventivamente accertarvi che la visibilità sia tale da consentire la manovra e che la stessa possa compiersi senza costituire pericolo o intralcio.

2# Guidatore. Sinceratevi che il conducente che lo precede nella stessa corsia non abbia segnalato di voler compiere analoga manovra. Serve intuito, e anche esperienza, e talvolta un po’ di fortuna.

3# Azzardo. Occhio al sorpasso azzardato dove c’è la striscia continua (o le strisce pedonali): in caso di incidente con lesioni o con morti, scatta il reato di omicidio e lesioni stradali.

4# Le pene. Con un sorpasso azzardato dove c’è la striscia continua (o le strisce pedonali), in caso di morte, è prevista la reclusione da 5 a 10 anni. In caso di lesioni gravi, da un anno e mezzo a 3 anni. In caso di lesioni gravissime, da 2 a 4 anni.

5# Patente. Il sorpasso azzardato con omicidio o lesioni implica anche l’arresto in flagranza facoltativo, più la revoca della patente per 5 anni.

6# Non fidarsi è meglio. Il problema è che la segnaletica orizzontale, in Italia, è pietosa: strisce invisibili, disegnate male, in contraddizione con la segnaletica verticale. Allora, occhi aperti in viaggio.

Altre manovre pericolose

In viaggio, attenti anche alla velocità “spropositata” (in città, il doppio del limite, purché si superino i 70 km/h; fuori città, eccessi di velocità per più di 50 km/h), passaggio col rosso, circolazione contromano, inversione di marcia in corrispondenza di curve, dossi o incroci. Tutte infrazioni che, se c’è un incidente grave, implicano l’omicidio stradale.

Autore: Redazione

Tag: Da Sapere , sicurezza stradale , viaggiare


Vai allo speciale
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 56
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 55
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 57
  •  - Salone di Parigi 2016 -
Vai al Salone Salone di Parigi 2016
 
Top