dalla Home

Curiosità

pubblicato il 8 aprile 2016

Microcar, ancora problemi di sicurezza

Nuovi crash test Euro NCAP ne confermano la pericolosità in caso di incidente

Microcar, ancora problemi di sicurezza
Galleria fotografica - Crash test microcar 2016Galleria fotografica - Crash test microcar 2016
  • Crash test microcar 2016 - anteprima 1
  • Crash test microcar 2016 - anteprima 2
  • Crash test microcar 2016 - anteprima 3
  • Crash test microcar 2016 - anteprima 4
  • Crash test microcar 2016 - anteprima 5
  • Crash test microcar 2016 - anteprima 6

Una nuova sessione di prove dell'Euro NCAP ha sottoposto a crash test quattro microcar e i risultati sono tutt'altro che incoraggianti: rispetto alle verifiche fatte nel 2014 su mezzi simili non ci sono stati miglioramenti nella sicurezza in caso di incidente e lo standard di protezione per il guidatore resta molto basso. La conclusione dell'Euro NCAP è che la sicurezza dei cosiddetti quadricicli pesanti mostra miglioramenti minimi nell'arco di due anni, uno stallo dovuto anche alla scarsa dotazione di sistemi di sicurezza. I quattro modelli provati sono Aixam Crossover GTR, Bajaj Qute, Chatenet CH30 e Microcar M.GO Family che restano fermi a 1 o 2 stelle di valutazione globale, ben lontane quindi dalle 5 stelle ottenute sempre da una city car di dimensioni paragonabili come la Toyota iQ.

Anche l'airbag non funziona

Nonostante la richiesta fatta dello stesso Euro NCAP ai legislatori e ai costruttori di quadricicli è cambiato quindi poco per la sicurezza delle microcar che vengono ora testate secondo uno specifico protocollo con impatti a 50 km/h anziché 64 km/h come gli autoveicoli. A darne la conferma ci sono i risultati dei nuovi crash test che mostrano solo leggere migliorie sul 2014, pongono al primo posto le 2 stelle della Chatenet CH30, ma non raggiungono in nessun caso il 50% del punteggio massimo previsto. Le gravi carenze riscontrate sui quattro quadricicli riguardano in particolare la pericolosità nell'impatto frontale e laterale, con Bajaj e Microcar M.GO che mostrano pure una scarsa integrità della scocca dopo lo scontro. La stessa Microcar M.GO del gruppo Ligier è l'unica delle quattro ad avere l'airbag opzionale per il conducente, ma nei test è risultato inefficace.

Legislatori e Costruttori devono agire per la sicurezza

Alla luce di questi deludenti risultati i vertici di Euro NCAP e l'ACI che ne è il membro italiano sollecitano legislatori e costruttori ad "emanare standard di omologazione per i quadricicli che prevedano idonei livelli di sicurezza". Angelo Sticchi Damiani, presidente dell'Automobile Club d'Italia aggiunge: "Richiediamo che la sicurezza diventi elemento prioritario nell'agenda dei costruttori di quadricicli. Semplici e non costose modifiche di progettazione già oggi potrebbero comportare significativi miglioramenti in termini di protezione dei conducenti". Dal canto suo il segretario generale Euro NCAP, Michiel van Ratingen dice: "E' deludente vedere come i quadricicli siano ancora privi di quei sistemi di sicurezza basilari comuni alle city car. Non esortando i costruttori a fare di più i legislatori continuano a dare ai clienti la falsa impressione che questi veicoli siano adatti allo scopo".

Autore:

Tag: Curiosità , crash test


Top