dalla Home

Curiosità

pubblicato il 6 aprile 2016

La Peugeot 205 protagonista di “Veloce come il vento”

Accanto a Stefano Accorsi ci sono la GTi 1.9 da 130 CV e la 205 Turbo 16

La Peugeot 205 protagonista di “Veloce come il vento”
Galleria fotografica - "Veloce come il vento"Galleria fotografica - "Veloce come il vento"
  • \
  • \
  • \
  • \
  • \
  • \

Il motorsport italiano viene proiettato al cinema e raggiunge il grande pubblico, anche quello dei non appassionati di auto. Il film “Veloce come il vento”, diretto da Matteo Rovere e prodotto da Domenico Procacci per Fandango e Rai Cinema, dal 7 aprile porta lo spettatore sui circuiti di Monza e Vallelunga, a Imola e poi tra le strade di Matera, dove è ambientata una spettacolare gara clandestina. Il protagonista è Stefano Accorsi, che interpreta un ex pilota di talento bruciato dalla droga (Loris De Martino), sulla scia della storia (vera) di Carlo Capone e tra le auto spiccano due co-protagoniste d’eccezione: la Peugeot 205 GTi 1.9 da 130 CV e la 205 Turbo 16. La prima è un mito degli ‘80 che qualcuno di voi ricorderà, visto che si tratta di un’icona che ha conquistato tanti per le sue prestazioni e il divertimento di guida e che per i suoi 30 anni ne abbiamo restaurata una che un fortunato lettore si è aggiudicato (qui le puntate di “Mi faccio un classico”). La Peugeot 205 T16 è invece una leggenda del rally che proviene direttamente dal Musée de l'Aventure Peugeot di Sochaux.

La preparazione di Accorsi

Per questo film Accorsi ha seguito corsi di guida veloce, così da usare il meno possibile le controfigure, e ha avuto un maestro "speciale" (nonché stuntman nelle scene che ne hanno richiesto la presenza): Paolo Andreucci, il nove volte campione italiano di rally e pilota ufficiale di Peugeot Sport Italia che il nostro Giuliano ha sfidato sull’Autodromo di Modena in una gara senza precedenti (qui il video con la Peugeot 208 GTi 30th). “Avere come istruttore un super campione come lui ha reso tutto possibile - ha detto Accorsi -: non solo mi ha spiegato in modo semplice e chiaro come trattare l’auto ma è stato capace di stemperare la pressione e di dare spazio al divertimento della guida!”.

Accorsi e Andreucci, un sodalizio consolidato

Lo stesso Andreucci è stato entusiasta di lavorare nel film (“E’ stata un’emozione particolare, perché non capita tutti i giorni di salire a bordo di vetture che hanno fatto la storia del rally come la 205 T16”) e di Accorsi ha detto: “Ha un talento naturale per la guida, vi assicuro che non è scontato imparare a domare la potenza della T16 e gestire il cambio a innesti frontali… lo ha fatto da grande professionista. Tanto che non vi nascondo che ci piacerebbe fare insieme una giornata a bordo della nostra 208 T16 durante uno dei prossimi test”. E chissà se non succederà davvero… del resto la collaborazione tra Peugeot e Accorsi dura ormai da tempo: l’attore è brand ambassador del marchio dal 2012 e lo scorso 11 marzo è partito da Napoli il tour Best Technology Experience che in sei tappe fa conoscere nelle piazze le Peugeot 308 GT, 2008 e 208 GTi attraverso l’esperienza immersiva in tre video di virtual reality realizzati con tecnologia Oculus diretti da Stefano Accorsi e interpretati da lui stesso con Paolo Andreucci.

Per saperne di più vi suggeriamo di leggere la recensione pubblicata su MotorSport.com.

Veloce come il vento, il trailer ufficiale

Un film di Matteo Rovere con Stefano Accorsi e Matilda De Angelis.

Autore: Redazione

Tag: Curiosità , Peugeot , auto del cinema , cinema


Top