Home » Argomenti » Assicurazioni

pubblicato il 6 aprile 2016

Assistenza stradale, ecco perchè aggiungerla all'assicurazione

Prevenire è meglio che curare e molte compagnie la prevedono come garanzia aggiuntiva

Assistenza stradale, ecco perchè aggiungerla all'assicurazione

Se solo ci avessi pensato prima: ecco la frase più frequente quando accade un imprevisto alla guida di un’auto. Perché l’evento è imprevedibile, la sfortuna non è prevenibile; però esiste una soluzione per limitare le conseguenze negative dell’evento. Si chiama polizza Assistenza stradale, è una polizza aggiuntiva rispetto alla Rc auto obbligatoria per legge e implica un esborso ulteriore, sulla cui opportunità potete confrontarvi col vostro assicuratore. Oppure potete regolarvi da voi, cercando di capire meglio di che cosa si tratta e in che modo vi garantisce, andando a leggere i sei punti in basso.

Per valutare la polizza

1# Primo livello. Considerate che esistono diversi livelli di copertura: più si paga e maggiore sarà la garanzia offerta dalla compagnia. Un primo livello vede la polizza Assistenza stradale operare 24 ore su 24 sia in Italia sia all'estero: vi assicura il traino dell'auto fino all’officina più vicina se, in seguito a incidente stradale, la macchina non è più utilizzabile. Sino a un certo numero di chilometri (per esempio, 100 km), non c’è un sovrapprezzo; oltre, sarete costretti a pagare di più, in proporzione alla strada percorsa.

2# Massimale. Le spese di assistenza stradale hanno di solito un massimale molto variabile: in genere, un primo livello vede 250 euro. Significa che, oltre quell’importo, spetterà a voi mettere mano al portafogli.

3# Secondo step. Un secondo livello di Assistenza stradale prevede l'intervento di un’officina mobile per la riparazione dell'auto rimasta ferma per guasto. La vettura sostitutiva? Dipende: la prestazione è fornita in caso di furto totale della macchina, oppure in caso di guasto o incidente stradale. Purché richieda riparazioni di durata superiori a un certo numero di ore di manodopera (un quarto di giornata, ossia 6 ore).

4# Ricambi. Se vi trovate all’estero, in caso di sinistro, una buona Assistenza stradale garantisce l’invio, all’estero, dei pezzi di ricambio dell'auto qualora non fossero reperibili in loco.

5# Rimborso. Utile il rimborso di eventuali delle spese taxi (con un massimale in genere sui 100 euro), se necessario per trasferimenti conseguenti al furto o traino dell'auto a seguito di sinistro. Talvolta, fra le... "sfortune" è incluso il ritiro della patente per un’infrazione: avrete diritto al taxi.

6# Super garanzia. Se siete grandi viaggiatori, o se volete stare in auto con la massima tranquillità, c’è un altro livello di Assistenza stradale: 30 giorni di auto sostitutiva in caso di furto del veicolo, anticipo spese di prima necessità a seguito di furto del bagaglio, ma anche rimborso spese d'emergenza.

Anti-disastro

Se, a seguito di sinistro, l’auto resta danneggiata in modo tale da non essere riparabile in giornata e i centri di assistenza sono chiusi, una polizza Assistenza stradale può prevedere che la macchina sia custodita in un deposito. Tutte le spese di trasporto e custodia saranno a carico della compagnia. Ecco un’altra possibile garanzia: se restate coinvolti in un incidente stradale infortunandovi in modo tale da non essere in condizioni di guidare, la compagnia vi procurerà un autista per ricondurre veicolo e passeggeri nella città di residenza. A spese dell’assicurazione.

Autore: Redazione

Tag: Da Sapere , assicurazioni


Vai allo speciale
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 52
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 41
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 47
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 56
Vai al Salone Salone di Parigi 2016
 
Top