dalla Home

Curiosità

pubblicato il 2 aprile 2016

Maserati Kubang, il nostro Pesce d’Aprile

Vi è piaciuto lo scherzo? Rivedete anche quelli del passato e dateci la vostra opinione

Maserati Kubang, il nostro Pesce d’Aprile
Galleria fotografica - I Pesce d’Aprile dell'auto 2016Galleria fotografica - I Pesce d’Aprile dell'auto 2016
  • I Pesce d’Aprile dell\'auto 2016 - anteprima 1
  • I Pesce d’Aprile dell\'auto 2016 - anteprima 2
  • I Pesce d’Aprile dell\'auto 2016 - anteprima 3
  • I Pesce d’Aprile dell\'auto 2016 - anteprima 4
  • I Pesce d’Aprile dell\'auto 2016 - anteprima 5
  • I Pesce d’Aprile dell\'auto 2016 - anteprima 6

Ebbene sì: la Maserati Kubang è un Pesce d’Aprile. O meglio, lo è il rendering con cui ieri vi abbiamo anticipato il SUV “piccolo” del Tridente che avrebbe debuttato tra due anni. Il nome Kubang però non è inventato - così sono state chiamate due concept car (prima nel 2003 e poi 2011) - ed anche le informazioni che avete letto nel nostro articolo non sono del tutto infondate. Solitamente ogni venerdì vi proponiamo un rendering esclusivo che anticipa una novità in arrivo e questa volta, visto la coincidenza della data, abbiamo pensato di prenderci una “licenza poetica” e argomentare un’idea che poggia su reali possibilità (abbiamo immaginato fosse sviluppata sulla base della Fiat 500X e della Jeep Renegade), e le abbiamo condite con informazioni delicate come il prezzo (non meno di 35.000 euro). Molti di voi hanno capito lo scherzo e oggi potreste dirci se vi è piaciuto di più o di meno rispetto a quelli fatti in passato. Del resto ormai il Pesce d’Aprile è una tradizione consolidata anche nel nostro settore e le case si sono cimentate in altrettanti voli di fantasia...

Gli scherzi delle case

Ancora una volta i costruttori si sono dati battaglia con fantasia non migliore della nostra. Lexus e Renault hanno pensato a sedili speciali, nel primo caso capaci di ancorare il guidatore allo schienale grazie alla tecnologia “V-LCRO” (anagramma di velcro) e nel secondo di rientrare nel guardaroba personale perché “indossabili”. Honda ha presentato nel Regno Unito le targhe emoji, cioè quelle con le emoticon al posto delle lettere e dei numeri, e Citreon, per far parlare della C1 Airscape, ha annunciato di aver firmato con l’Arsenal Football Club un accordo per costruire, entro il 2017, il primo stadio ispirato ad una cabriolet. Tra i brand ci sono state anche le doppiette. MINI ha sia lanciato l’idea delle porte ad apertura verticale (Scissor Doors) che quella di una serie speciale Hipster (forse per testare le reazioni dei potenziali clienti) e Skoda ha presentato l’ombrello per cani e “il gatto” delle nevi… su Twitter Renault ha poi giocato sulle dimensioni della Twizy trasformandola in limousine. E che ne dite di una ritorno al passato con le macchine da cucire Opel?

I nostri migliori Pesci d’Aprile

Nel mare di scherzi e fotomontaggi originali, ci siamo tuffati anche noi tante volte in questi anni. Chi ricorda la Dodge MyTo R/T? Erano i mesi della storica fusione tra Fiat e Chrysler e immaginammo che quella sarebbe stata la prima auto prodotta dall’Alleanza, una collaborazione che ci ha fatto anche ipotizzare una combinazione perfetta tra i prodotti a marchio Fiat e quelli Jeep. Dall’unione tra il mito italiano 500 e quello americano Wrangler nel 2010 vi abbiamo mostrato una Fiat Cinquecento Rubicon, una rustica offroad per gli Stati Uniti… Lo stesso filone è proseguito con l’invenzione della Fiat iPanda, una versione curata con Apple della citycar torinese al debutto (immaginario) al Salone di New York. Quando è stato il turno di Ferrari non abbiamo avuto dubbi e abbiamo elaborato l’immagine che difficilmente vedremo arrivare da Maranello: quella della FFX, la prima crossover rampante. Tuttavia “mai dire mai”... perché in un futuro non troppo lontano potrebbe anche affacciarsi sul mercato una nuova nicchia di veicoli: i Multi Utility Leisure, perfetti per il tempo libero ma pratici. Come vi abbiamo mostrato nel nostro “speciale” #perchécomprala MUL.

MUL, perché comprarli... e perché no

L'ibrido tra un SUV e un crossover? Il MUL, che inaugura una nuova categoria di mercato, il segmento M. Dopo averlo provato, pensiamo che sia un'ottima soluzione per una mobilità più sostenibile!

Autore:

Tag: Curiosità


Top