dalla Home

Novità

pubblicato il 30 marzo 2016

Spyker C8 Preliator, 50 esemplari di esclusività

L'ultima evoluzione della supercar olandese costa più di 350.000 dollari e ha 518 CV

Spyker C8 Preliator, 50 esemplari di esclusività
Galleria fotografica - Spyker C8 PreliatorGalleria fotografica - Spyker C8 Preliator
  • Spyker C8 Preliator - anteprima 1
  • Spyker C8 Preliator - anteprima 2
  • Spyker C8 Preliator - anteprima 3
  • Spyker C8 Preliator - anteprima 4
  • Spyker C8 Preliator - anteprima 5
  • Spyker C8 Preliator - anteprima 6

Zeewolde è una ridente località nei Paesi Bassi che è famosa per due cose: si trova sull'isola artificiale più grande mai creata dall'uomo (tutto è iniziato con una diga nel 1924) ed è la sede della Spyker. Se l'avevate già sentita prima di oggi probabilmente è per la seconda ragione e del resto come non si potrebbe dare tutta l'attenzione che merita a una piccola factory artigianale che prende il vecchio 4.2 V8 Audi, ci aggiunge un paio di turbocompressori e infine ci costruisce intorno delle spettacolari supercar? In verità sarebbe meglio usare il singolare, perché Spyker dal 2000 a oggi ha prodotto solo la C8, sebbene in un certo numero di varianti. Al Salone di New York ha appena debuttato l'ultima (in realtà c'era anche a Ginevra) che si chiama C8 Preliator e costa non meno di 354.900 dollari (circa 313mila euro al cambio attuale).

Si tratta di un bell'aumento rispetto alla C8 Aileron, che costava 200.000 dollari e non verrà più prodotta. In questo modo la supercar olandese entra direttamente nel territorio di auto come la Ferrari F12 berlinetta e la Lamborghini Aventador e supera di gran lunga modelli lussuosi come la Aston Martin Vanquish o la Rolls-Royce Wraith. Rispetto a tutte queste, però, l'esclusività è della sua parte, perché ne verranno prodotte solo 50 e saranno tutte completamente personalizzabili, sia dentro che fuori. Sotto il cofano, invece, scalpitano 518 CV, sufficienti per sparare la Spyker da 0 a 100 km/h in 3,7 secondi e per farle superare abbondantemente i 320 km/h. L'assetto è stato curato dalla Lotus, mentre i freni sono firmati da AP Racing. Chissà se ne vedremo mai una girare in pista...

Autore: Alessandro Vai

Tag: Novità , Spyker , serie speciali


Top