Novità

pubblicato il 28 marzo 2016

Dossier Speciale pick-up 2016

Volkswagen Amarok, dalla Dakar alla strada

Ha debuttato al rally più famoso del mondo e in Italia ha prezzi che partono da 29.082 euro

Volkswagen Amarok, dalla Dakar alla strada
Galleria fotografica - Volkswagen AmarokGalleria fotografica - Volkswagen Amarok
  • Volkswagen Amarok - anteprima 1
  • Volkswagen Amarok - anteprima 2
  • Volkswagen Amarok - anteprima 3
  • Volkswagen Amarok - anteprima 4
  • Volkswagen Amarok - anteprima 5
  • Volkswagen Amarok - anteprima 6

Volkswagen Amarok è il veicolo commerciale che ha debutto alla Dakar 2010, il rally più massacrante della terra. Non è certo un caso, visto che inizialmente la produzione del modello, anche per l'Europa, avveniva in Argentina, nello stabilimento di Buenos Aires. Il nome, tuttavia, arriva da un'altra latitudine: è un lupo mitologico delle credenze del popolo Inuit che abita le zone più remote della terra, dall'Alaska fino alla Groenlandia, e che non conosce il concetto di proprietà privata. Dal 2012, il pick-up tedesco per l'Europa e per l'Africa viene fabbricato ad Hannover. Presentato all'epoca del debutto come il “pick-up più evoluto”, ha un cassone capace di ospitare un euro-pallet in posizione trasversale.

Com'è fuori

Amarok è il pick-up con il quale Volkswagen ha debuttato nel segmento dei pick-up di taglia media: infatti non viene venduto negli Stati Uniti. Il frontale, come nella migliore tradizione del gruppo, è frutto delle sinergie interne ed è di chiara ispirazione automobilistica, visto che ricorda quello della “vecchia” Touraeg. Il modello è disponibile in Italia solo a cabina doppia con una lunghezza di 5,254 metri (il modello a cabina singola arriva a 5,181 e si ferma a 4,979 come autotelaio). Il passo è di 3,095 metri. L'altezza da terra arriva a 23 centimetri per una profondità di guado di mezzo metro. Il diametro di sterzata sfiora i 13 metri (12,95). Amarok offre tre sistemi di trazione: due ruote motrici a trazione posteriore (enrty level), trazione integrale inseribile con differenziale rigido (4 scritto in rosso) oppure integrale permanente 4Motion con differenziale Torsen (4 scritto in nero).

Com'è dentro

Anche se ufficialmente è un autocarro, Volkswagen ha trasferito su Amarok alcune comodità tipiche dei SUV. Materiali robusti sono abbinati a sedili ergonomici (quelli posteriori sono abbattibili 1/3 e 2/3) ed a comandi progettati per essere funzionali. Lo stesso accesso alla cabina è stato studiato per non essere riservato ai soli atleti: le porte hanno un ampio angolo di apertura ed alla loro altezza sono stati collocati pratici appigli a livello dei montanti A e B. I divani anteriori con poggiatesta per ridurre il rischio del colpo di frusta si trovano a poco meno di 84 centimetri da terra e sono regolabili in altezza con fianchetti dal profilo sportivo. A seconda degli allestimenti, cambia anche il quadro strumenti. Ci sono un display nella plancia ed un sistema audio integrato nella consolle centrale. I vani portaoggetti possono contenere bottiglie da un litro e mezzo davanti e da un litro dietro. A richiesta si possono avere altre soluzioni, inclusi due portabevande ed un vano imbottito che funge anche da bracciolo.

Motori e prestazioni

L'entry level della gamma è il TDI 2.0 litri da 140 CV con il quale è stato “pensionata” l'unità gemella da 120. Con una coppia di 340 Nm è in grado di spingere il pick-up fino a 168 km/h con consumi dichiarati nel ciclo misto di 6,9 l/100 km. Lo stesso motore è disponibile anche in versione biturbo da 180 CV. La capacità di traino oscilla tra le 2,8 e le 3 tonnellate.

Quanto costa

Il listino italiano di Amarok parte dai 29.082 euro (Iva inclusa) della versione a trazione posteriore con cambio manuale a 6 marce. I prezzi salgono con la tecnologia 4Motion e la trasmissione automatica a 8 marce in allestimento Highline, che arriva fino a quasi 41.300 euro.

Autore: Mattia Eccheli

Tag: Novità , Volkswagen , auto europee


Vai allo speciale
  • Seat al Salone di Parigi 2016 - Salone di Parigi 2016 - 22
  • Ferrari al Salone di Parigi 2016 - Salone di Parigi 2016 - 19
  • smart al Salone di Parigi 2016 - Salone di Parigi 2016 - 30
  • smart al Salone di Parigi 2016 - Salone di Parigi 2016 - 24
Vai al Salone Salone di Parigi 2016
 
Top