dalla Home

Anticipazioni

pubblicato il 25 marzo 2016

Ford Fiesta, la settima generazione sarà così

Al debutto tra fine 2016 e inizio 2017, secondo le nostre fonti avrà questo aspetto

Ford Fiesta, la settima generazione sarà così

Rinnovare la Fiesta, per Ford, è da sempre uno dei compiti più difficili. Da quarant'anni è infatti stabilmente fra i modelli più veduti della Casa in Europa, insieme prima alla Escort e poi alla Focus. Anzi, se possibile, la settima generazione di Fiesta - attesa tra la fine di quest'anno e l'inizio del prossimo (la commercializzazione non avverrà comunque prima del 2017) - è ancora più "delicata", in quanto la strategia One Ford prevede che ogni modello sia venduto nel maggior numero possibile di mercati. Non solo: l'auto che deve essere sostituita è stata la più venduta in UK nel 2015 (8° posto in Italia), nonostante sia sulla piazza dal 2008; segno che il restyling del 2013 è stato azzeccato.

Un po' Mondeo, un po' Focus

One Ford, ma si potrebbe anche affermare "one style": come fanno ormai tutti i Costruttori e come si può vedere dalla ricostruzione, effettuata sulla base delle informazioni in nostro possesso, la Fiesta VII si ispira alla Mondeo nella forma dei fari anteriori. Il taglio della fiancata - in particolare del montante di coda e del terzo finestrino laterale - è invece preso pari pari (o quasi) dalla Focus. Una cosa inoltre è già praticamente certa: la larghezza aumenterà, in virtù di carreggiate a loro volta più ampie, a tutto vantaggio dell'abitabilità, della capacità di carico e della guidabilità. La "certezza" ci viene dalle foto spia dei muletti, dotati della carrozzeria della Fiesta attuale, ma con evidenti allargamenti posticci nella zona dei passaruota. Non dovrebbe crescere di molto invece la lunghezza - oggi pari a 3,97 metri - dal momento che anche tutte le sue rivali si sono date un freno, da questo punto di vista.

Motori 1.000 a benzina e 1.5 diesel. Ma c'è chi sogna una RS...

Dal punto di vista dei numeri di mercato, la parte del leone la reciteranno il 1.000 a benzina EcoBoost a tre cilindri, in vari livelli di potenza (aspirato e turbo), e il TDCi da 1,5 litri a quattro cilindri, anch'esso proposto in varie versioni. Si tratta di propulsori recenti, che probabilmente verranno affinati, ma che non hanno certo bisogno di stravolgimenti. Capitolo sportiva: in Ford affermano che la ST basta e avanza, nel segmento B, ma fonti americane e inglesi sostengono che una RS da circa 250 CV non è da escludere, anche perché quest'anno il nome Fiesta compie 40 anni e una cattivissima RS, svelata magari entro il 2016, sarebbe il modo migliore per farle spegnere le candeline.

Scegli Versione

Top