dalla Home

Test

pubblicato il 24 marzo 2016

Range Rover Evoque Convertibile, la prova all'aria aperta

E' unica al mondo, ha grandi qualità offroad e tanto lusso, ma il peso aggiuntivo e il bagagliaio ridotto si notano

Range Rover Evoque Convertibile, la prova all'aria aperta
Galleria fotografica - Range Rover Evoque ConvertibileGalleria fotografica - Range Rover Evoque Convertibile
  • Range Rover Evoque Convertibile - anteprima 1
  • Range Rover Evoque Convertibile - anteprima 2
  • Range Rover Evoque Convertibile - anteprima 3
  • Range Rover Evoque Convertibile - anteprima 4
  • Range Rover Evoque Convertibile - anteprima 5
  • Range Rover Evoque Convertibile - anteprima 6

Se Land Rover voleva far parlare di sé, ci è riuscita. La Range Rover Evoque Convertibile non è solo - come recitano i comunicati ufficiali - "il primo SUV compatto di lusso convertibile al mondo", è anche un coraggioso esercizio di tecnica e immagine che si prende il rischio di togliere il tetto a un modello di successo e aprire una nuova nicchia nella nicchia. Oltre che tante discussioni tra gli appassionati. La capote dell'Evoque Convertibile, poi, vanta un altro primato: realizzata in collaborazione con il fornitore tedesco Webasto, è il più lungo e largo tetto apribile oggi in commercio. Nonostante le sue dimensioni record, bastano 18 secondi per aprirlo e 21 per richiuderlo, operazione che si può compiere anche in movimento, fino alla velocità di 48 km/h.

Perde il tetto ma non lo stile

Da quando nel 2008 è stata acquisita dal gruppo indiano Tata insieme a Jaguar, il coraggio e la fiducia non mancano a Land Rover: me ne accorgo appena arrivato all'aeroporto di Lione, Francia, dove ad aspettare i giornalisti ci sono una fila di Evoque cabrio scoperte, nell'abbagliante colore Phoenix Orange. La capote in tela ha comportato inevitabilmente la perdita di una delle cifre stilistiche più belle e riconoscibili della RR Evoque: il tetto discendente. La Convertibile, però, aggiunge il fascino unico della guida all'aria aperta a un design, quello della variante coupé, che ancora oggi mi sembra a metà tra un'astronave e una concept car finita in produzione per sbaglio. L'estetica - impossibile negarlo - rappresenta un elemento fondamentale nell'ottimo risultato commerciale della Evoque, che ha già superato il mezzo milione di unità vendute dal lancio nel 2011.

Bagagliaio da weekend in montagna

All'aeroporto carico la mia valigia nel bagagliaio della RR Evoque Convertibile che - per fare spazio al tetto in tela e ai suoi meccanismi - ha un volume di 251 litri, quasi dimezzato rispetto alle versioni chiuse; la versatilità un po' ci rimette, ma lo spazio è più che sufficiente per un paio di trolley da bagaglio a mano e uno zainetto. Inoltre la botola al centro dello schienale posteriore permette di caricare oggetti lunghi come un paio di sci: cosa che tornerà molto utile a chi sceglierà quest'auto per sfilare sulle strade di qualche esclusiva località di montagna, un programma per il weekend che mi sembra molto in linea con la mia idea del cliente-tipo di questa Range Rover Evoque Convertibile. Anche Land Rover sembra pensarla come me: la prova, infatti, si svolge tra le curve e la neve di Courchevel, una delle stazioni sciistiche più famose del sud della Francia.

Quattro posti "veri", con qualche compromesso

Si parte. Con i finestrini su e il frangivento, per chi siede in prima fila l'aria non è un problema anche ad andature extraurbane. Dietro, invece, le turbolenze si sentono di più: i due posti posteriori hanno la seduta un po' corta e lo schienale molto verticale, ma lo spazio per le gambe è buono e a capote chiusa anche chi - come me - è alto circa un metro e ottanta non tocca con la testa. Sulla Range Rover Evoque Convertibile, insomma, due adulti possono viaggiare comodi anche per tratti medio-lunghi, seppure con qualche rinuncia.

Qualità e silenzio

Tra i tre motori con cui la Evoque cabrio sarà disponibile da giugno - un 2.0 benzina turbo da 240 CV e un diesel di pari cilindrata da 150 CV o 180 CV - ho scelto di provare quello più adatto al mercato italiano: la versione più potente dell'unità a gasolio, parte della nuova famiglia Ingenium di Jaguar Land Rover. Nei primi chilometri a capote aperta, le sensazioni che la Range Rover Evoque Convertibile mi trasmette sono molto simili a quelle delle versioni chiuse: l'interno è noto, ben curato e non scricchiola nonostante l'assenza del tetto - cosa non così scontata per un'auto nata "chiusa" - mentre la coppia massima di 430 Nm a 1.750 giri/min del "duemila" e il cambio automatico ZF a 9 rapporti lavorano insieme per offrire una marcia molto fluida. In autostrada, la prima cosa che noto è la silenziosità a capote chiusa: fatta eccezione per le gallerie, dove i suoni "rimbalzano" sulla volta, i cinque strati di tessuto isolano davvero bene dal rumore esterno e garantiscono alla Range Rover Evoque Convertibile un comfort acustico quasi identico a quello delle versioni a tetto rigido.

Il peso del cielo

La capote, però, porta con sé qualche compromesso: i quattro motori che ne azionano il meccanismo a forma di "Z" e i rinforzi della scocca necessari per mantenere la rigidità strutturale hanno fatto lievitare il peso della cabrio di 270 kg rispetto a quello delle Evoque "chiuse". La Convertibile, quindi, pesa quasi due tonnellate, un numero difficile da nascondere del tutto: nonostante il 2.0 diesel da 180 CV, infatti, le prestazioni assolute - 195 km/h di velocità massima e 0-100 km/h in 10,3 secondi - sono solo discrete per il tipo e la classe dell'auto. Il peso si fa sentire anche nella dinamica, che su strada si traduce in un muso che in frenata affonda un po' più del dovuto e un rollio percettibile che mi invitano alla calma e a godermi le sensazioni uniche della guida en plein air. Le sospensioni irrigidite, poi, trasmettono qualche imperfezione dell'asfalto in più rispetto alle versioni coupé e 5 porte, ma non compromettono il comfort di marcia, che resta molto buono.

Resta una Range Rover

Per capire appieno il senso della nuova Evoque Convertibile bisogna portarla in fuoristrada: è quando l'asfalto finisce che mi ricordo di essere pur sempre a bordo di una Range Rover. Alle eccezionali abilità in offroad, poi, si aggiunge la possibilità di immergersi completamente nell'ambiente che si sta attraversando, godendosi la natura "senza filtri". Nella neve di Courchevel, la Evoque cabrio supera twist, guadi, discese e si arrampica anche sui fondi più ghiacciati trovando sempre aderenza, a dimostrazione dell'ottimo lavoro fatto dagli ingegneri Land Rover per conservare lo spirito del marchio anche su un modello così particolare.

Il prezzo del cielo

Attraversare boschi innevati e superare anche gli ostacoli più difficili con il cielo sulla testa è una sensazione che non ha prezzo; la Range Rover Evoque Convertible un prezzo, invece, lo ha. Il suo listino parte dai 53.400 euro della 2.0 D 150 CV in allestimento SE Dynamic e arriva ai 63.800 euro della 2.0 benzina 240 CV HSE Dynamic. Il prezzo base della versione diesel 180 CV che ho provato, in allestimento "top" HSE Dynamic, è di 62.800 euro, ma "giocando" un po' con gli optional si possono superare rapidamente i 70.000 euro. Non sono pochi soldi, ma la sostanza c'è: su strada la Evo que Convertibile mostra qualità di guida molto simili a quelle delle sorelle a tetto rigido e meccanica ed elettronica lavorano insieme per garantire prestazioni in fuoristrada da vero… fuoristrada. L'interno, poi, è lussuoso e ben rifinito, con in più la novità tecnologica del sistema d'infotainment InControl Touch Pro, che grazie allo schermo touch ad alta definizione da 10,2" e al processore Intel Quad-Core offre un'esperienza multimediale di altissimo livello. La Range Rover Evoque Convertibile resta - per ora - un'auto unica nel suo genere, che aggiunge il piacere del vento tra i capelli senza però perdere per strada le qualità e la tradizione. Chi cerca design, esclusività e contenuti non sarà deluso, anzi, perché l'Evoque cabrio è un'auto coraggiosa ma riuscita. E poi in arancione si fa decisamente notare. Land Rover si aspetta che la versione aperta conterà per il 15 per cento delle vendite totali: ottimismo o prudenza?

Scheda Versione

Land Rover Range Rover Evoque Convertibile
Nome
Range Rover Evoque Convertibile
Anno
2015
Tipo
Premium
Segmento
medie
Carrozzeria
SUV e Crossover
Porte
2 porte
Motore
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Andrea Fiorello

Tag: Test , Land Rover , auto inglesi


Listino Land Rover Range Rover Evoque

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
2.0 TD4 150cv SE Dynamic 4x4 diesel 150 2.0 4 € 53.400

LISTINO

2.0 TD4 150cv Autom. SE Dynamic 4x4 diesel 150 2.0 4 € 53.600

LISTINO

2.0 TD4 180cv SE Dynamic 4x4 diesel 180 2.0 4 € 56.400

LISTINO

2.0 TD4 180cv Autom. SE Dynamic 4x4 diesel 180 2.0 4 € 56.600

LISTINO

2.0 Si4 240cv SE Dynamic 4x4 benzina 240 2.0 4 € 57.400

LISTINO

2.0 Si4 240cv Autom. SE Dynamic 4x4 benzina 240 2.0 4 € 57.600

LISTINO

2.0 TD4 150cv HSE Dynamic 4x4 diesel 150 2.0 4 € 59.800

LISTINO

2.0 TD4 150cv Autom. HSE Dynamic 4x4 diesel 150 2.0 4 € 60.200

LISTINO

Tutti gli allestimenti »

 

Top