dalla Home

Videogame

pubblicato il 18 marzo 2016

Dossier Pit Game

EA Sports UFC 2, senza esclusione di colpi

Il secondo capitolo di lotta estrema si presenta più maturo e con cinque modalità di gioco

EA Sports UFC 2, senza esclusione di colpi
Galleria fotografica - EA Sports UFC 2Galleria fotografica - EA Sports UFC 2
  • EA Sports UFC 2 - anteprima 1
  • EA Sports UFC 2 - anteprima 2
  • EA Sports UFC 2 - anteprima 3
  • EA Sports UFC 2 - anteprima 4
  • EA Sports UFC 2 - anteprima 5
  • EA Sports UFC 2 - anteprima 6

In gergo tecnico si chiamano MMA, ma dietro questa sigla all'apparenza oscura si nasconde uno sport sempre più apprezzato, anche dalle nostre parti. Sono le arti marziali miste, nel cuore di molti appassionati soprattutto grazie al campionato UFC - lo Ultimate Fighting Championship a stelle e strisce - che dopo aver "spodestato" la boxe fra le discipline più seguite, torna fra le mani dei videogiocatori con il secondo capitolo targato EA Sports. Dopo una prima esperienza nelle retroguardie con Fight Night ed una prima esperienza nell'Ottagono - il ring a otto lati che ha contribuito a rendere famosa la disciplina -, lo sviluppatore americano torna con UFC 2, pronto a dare battaglia sui fianchi scoperti della prima versione del simulatore di combattimento estremo su Xbox One e PS4.

Modalità per tutti i gusti

Molte sono di fatto le aggiustatine, ad incominciare dalla dinamica di gioco, che sfrutta a pieno il nuovo sistema di fisica Knock-out per regalare parate, prese e momenti di lotta a terra molto più realistici di quanto visto nella prima edizione targata EA Sports. I movimenti dei lottatori sono fluidi ed il passaggio fra parata ed attacco è decisamente migliorato, a tutto vantaggio del realismo generale del gioco, articolato su cinque modalità di gioco differenti pensate per dare la formula migliore sia al giocatore mordi e fuggi, sia a quello più dedito alla costruzione di lungo periodo. Si parte dalla Knockout Mode, pensata per concentrare in un minimatch della durata di pochi minuti tutta l'adrenalina e la scenograficità tipica dell'UFC, ma si prosegue con il Custom Event Creator per la creazione di eventi combattimento personalizzati e si conclude l'esperienza di gioco più "tradizionale" con la modlaità carriera. Un po' scarna per quello che riguarda la creacita del nostro lottatore fuori dal ring, è però supportata da alcuni interessanti fasi di allenamento, che aggiungono un tocco di realismo in più e permettono al giocatore di crescere con il proprio alterego. Aggiunta di quest'edizione in stile Fifa è invece la Ultimate Team Mode, che permette di mettersi a capo di una squadra di campioni da far crescere e far combattere, anche nelle modalità online, ultima delle possibilità di gioco, con l'inedito sistema di Lotta per il titolo attivo nei campionati online.

Grafica da primo della classe

Carne al fuoco in termini di durata, realismo e fisica di gioco ce n'è tanta, ma la ciliegina sulla torta la fa il motore grafico. La qualità del secondo titolo della serie è ineccepibile, tanto che i 250 lottatori - due sono le versioni del "re" Mike Tyson incluse nel gioco - a cui accedere sono riprodotti nei minimi dettagli, tatuaggi inclusi. Menzione particolare la meritano i knockout: spettacolari ed articolati, come ci si aspetta da una riproduzione quantomai fedele dell'UFC. Pronti i guantoni, pardon, le mani nude? Si lotta - come al solito - senza esclusione di colpi.

Publisher: Electonic Arts
Sviluppatore: EA Canada
Data di uscita: 17 marzo 2016 su Xbox One e PS4
Genere: Lotta, Sport
Classificazione: PEGI 16+
Scopri di più: www.ea.com/it/ufc-2

EA Sports UFC 2, il trailer

Dal 17 marzo torna nei negozi UFC, il picchiaduro marchiato EA Sports sul famoso sport di lotta arriva nella sua seconda incarnazione

Autore: Redazione

Tag: Videogame , videogiochi


Top