dalla Home

Attualità

pubblicato il 21 marzo 2016

Uber vuole l'auto a guida autonoma

L'azienda californiana si sarebbe rivolta a Mercedes per acquistare 100.000 Classe S

Uber vuole l'auto a guida autonoma
Galleria fotografica - Mercedes S 500 Intelligent DriveGalleria fotografica - Mercedes S 500 Intelligent Drive
  • Mercedes S 500 Intelligent Drive - anteprima 1
  • Mercedes S 500 Intelligent Drive - anteprima 2
  • Mercedes S 500 Intelligent Drive - anteprima 3
  • Mercedes S 500 Intelligent Drive - anteprima 4
  • Mercedes S 500 Intelligent Drive - anteprima 5
  • Mercedes S 500 Intelligent Drive - anteprima 6

Uber crede a tal punto nell'auto a guida autonoma da aver avviato alcune trattative concrete con i principali Costruttori per acquistare nuove flotte di vetture senza pilota. L'azienda californiana che ha conquistato il mondo con il discusso servizio di trasporto con autisti privati basato su app ha infatti intenzione di abbattere così uno dei costi principali del sistema, quello per il guidatore. Secondo fonti non meglio precisate e riportate dalla Reuters, Uber avrebbe piazzato già un ordine per l'acquisto di 100.000 Mercedes Classe S da utilizzare nei prossimi anni, auto che non a caso hanno già un sistema di guida semi autonoma e che sono fra le prime candidate al debutto della guida robotizzata vera a propria.

Un accordo utile per entrambi

L'accordo, non confermato, potrebbe in effetti essere utile ad entrambe le parti: Uber riuscirebbe a ridurre i costi del servizio offerto e allo stesso stesso tempo la Casa automobilistica potrebbe allearsi con uno dei nuovi protagonisti della mobilità che minacciano di cambiare le carte in tavola e scompaginare equilibri e ruoli ormai consolidati. Le voci che circolano attorno questo maxi acquisto parlano anche di una spesa totale di 10 miliardi di euro, cifra non indifferente per la società fondata da Travis Kalanick che è valutata attorno ai 62,5 miliardi di euro. Uber dal canto suo deve poi difendersi dalla sempre più urgente spinte delle Case auto verso una mobilità diversificata e alternativa all'automobile privata, come i servizi di car sharing tipo car2go di Daimler o le annunciate iniziative di BMW per il suo secondo secolo di sviluppo.

Appuntamento al 2020

Altre iniziative pronte a sfidare il servizio di "ride sharing" senza autista di Uber sono poi quelle avviate dal colosso del web Google, dall'americana Avis con Zipcar e da Lyft col noleggio peer-to-peer. Per quanto riguarda invece l'auto a guida autonoma ricordiamo che molti Costruttori hanno posto il 2020 come anno di inizio della commercializzazione, almeno sui quei mercati e in quei Paesi in cui il codice della strada sarà aggiornato per consentire la circolazione di veicoli senza pilota. Su questo fronte ormai quasi tutti i gruppi si stanno preparando all'esordio dell'auto a guida autonoma con vetture sperimentali impegnate nei test in California, in Giappone, sulle autostrade tedesche e francesi che lo consentono: fra i più attivi su questo fronte si segnalano in particolare Audi, BMW, Ford, GM, Kia, Jaguar Land Rover, Mercedes, Renault Nissan, Tesla, Toyota e Volvo senza dimenticare i fornitori di tecnologia come Google, Baidu, Bosch, Continental, Delphi e Mobileye.

Autore:

Tag: Attualità , guida autonoma , uber


Top