dalla Home

Test

pubblicato il 19 marzo 2016

Dossier #perchécomprarla

Fiat Tipo 4 porte, perché comprarla... e perché no [VIDEO]

La tre volumi da famiglia non costa molto, è brillante, ben accessoriata e spaziosa anche senza il portellone

Galleria fotografica - Nuova Fiat TipoGalleria fotografica - Nuova Fiat Tipo
  • Nuova Fiat Tipo - anteprima 1
  • Nuova Fiat Tipo - anteprima 1
  • Nuova Fiat Tipo - anteprima 2
  • Nuova Fiat Tipo - anteprima 3
  • Nuova Fiat Tipo - anteprima 4
  • Nuova Fiat Tipo - anteprima 5

Per l'erede della Fiat Tipo degli anni '90, sostituta dell'ultima Bravo, Fiat ha badato al sodo: l'antenata era una delle più spaziose della categoria, la nuova Tipo è estremamente pratica e punta all'essenziale, anche nel rapporto qualità prezzo. Ora Tipo significa anche una vera famiglia di vetture, cosa che mancava in Fiat da un po', e la prima della serie richiama la tradizione delle tre volumi Fiat, apprezzata all'estero ma in cerca di riscatto da noi in questa categoria fino dai tempi della 128. Semplice, ma senza rinunce: la linea è moderna e aerodinamica, fluida al punto giusto persino sul tetto, e tradisce un po' di economia nello spazio un po' troppo ampio tra ruote e parafango. L'abitacolo promette 5 posti comodi, anche grazie al tetto non troppo basso, e a una coda di dimensioni abbondanti: quanto sia effettivamente pratica nell'uso quotidiano ve lo spieghiamo nel nostro #perchécomprarla, insieme ai principali pregi e difetti.

Pregi e difetti

Cominciamo proprio dal bagagliaio: la coda della Tipo permette di ricavare un vano di 520 litri senza "invadere" l'abitacolo. Grazie al ribaltamento dei sedili, alle sospensioni non ingombranti e al piano regolare, ben rivestito in moquette anche se un po' alto, si possono caricare tanti oggetti, anche voluminosi; tuttavia, portando spesso oggetti alti o particolarmente ingombranti, meglio puntare sulle versioni con portellone. L'altezza complessiva permette di stare seduti comodamente anche dietro, anche se i più alti di 1,80 m toccano il padiglione, soprattutto nel posto centrale che ha anche meno spazio per i piedi; ben fatto il bracciolo, ma non ci sono bocchette o prese elettriche. Un pregio per chi ha bambini piccoli è la porta posteriore molto ampia; gli attacchi isofix sono un po' scomodi e mancano al centro, mentre il passeggino dietro ci sta. La Tipo non è "povera": la scelta dei materiali è accurata, la parte alta della plancia è morbida, gli assemblaggi curati e i rivestimenti robusti, tranne il padiglione; anche i tasti sono illuminati e i portaoggetti gommati. In campo multimediale, il principale difetto è nello schermo da 5 pollici, piccolo, opaco e non troppo definito, con un impianto audio di qualità non eccezionale; positiva invece la navigabilità dei menu Uconnect, compreso il navigatore Tom Tom integrato. Quanto alla guida, i montanti larghi tolgono un po' di visibilità in curve o incroci, e dietro meglio farsi aiutare dalla telecamera in manovra. La frizione è pesante e stacca in alto, ma è graduale, e le sospensioni assorbono bene e senza scricchiolii interni. Il motore 1.6 diesel è adatto al corpo vettura che pesa intorno ai 1.400 kg, e favorisce una guida allegra, grazie anche alla coppia massima di 320 Nm a soli 1.750 giri; lo sterzo è preciso, ma l'avantreno è un po' lento nell'inserimento, e il cambio leggero ma ruvido nei movimenti. Il difetto principale è semmai il rumore di motore e gomme, più forte dei fruscii aerodinamici. I consumi rilevati vanno dai 12-13 km/l in città fino a 25 km/l su strade statali a velocità costante.

Quale scegliere

La scelta per il momento si concentra sulla Tipo 1.4 a benzina, da 14.500 euro, e sulla top di gamma 1.6 diesel da 19-20.000 euro per il 1.6 diesel, a seconda dell’allestimento; con la 1.3 diesel si risparmiano fino a 1.500 euro, e circa 2.000 euro è lo sconto previsto per tutte le versioni: difficile trovare una concorrente a tre volumi che riesca a fare meglio, se non forse la più costosa Skoda Octavia. L'allestimento base della Tipo propone già cerchi in lega da 16", sedile e volante regolabili, clima automatico, radio mp3 con usb bluetooth e comandi al volante, alzavetri elettrici posteriori, bracciolo anteriore, sedile posteriore sdoppiato, sensori di parcheggio posteriori: un allestimento consigliabile, perché già abbastanza completo. Il livello superiore comprende invece cerchi da 17" (che però irrigidiscono l'assetto), navigatore, volante e cambio in pelle, telecamera posteriore, cruse control, regolazione lombare del sedile, bracciolo posteriore, luci e tergi automatici. Alla fine, la scelta migliore potrebbe essere proprio la 1.6 diesel, che garantisce ad un prezzo non molto superiore a quello del 1.3 un comportamento stradale più interessante, con consumi bassi; in alternativa, si potrà considerare anche una prossima versione GPL.

Scheda Versione

Fiat Tipo 4 porte
Nome
Tipo 4 porte
Anno
2015
Tipo
Normale
Segmento
medie
Carrozzeria
3 volumi
Porte
4 porte
Motore
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Redazione

Tag: Test , Fiat , auto italiane


Listino Fiat Tipo

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
1.4 95cv 6M Easy 4P anteriore benzina 95 1.4 5 € 15.000

LISTINO

1.4 95cv 6M Lounge 4P anteriore benzina 95 1.4 5 € 16.400

LISTINO

1.3 Mjt 95cv 5M Easy 4P anteriore diesel 95 1.2 5 € 17.600

LISTINO

1.6 Mjt 120cv 6M Easy 4P anteriore diesel 120 1.6 5 € 18.800

LISTINO

1.3 Mjt 95cv 5M Lounge 4P anteriore diesel 95 1.2 5 € 19.000

LISTINO

1.6 Mjt 120cv 6M Lounge 4P anteriore diesel 120 1.6 5 € 20.200

LISTINO

 

Top