dalla Home

Anticipazioni

pubblicato il 16 marzo 2016

BMW: in arrivo X7, MINI ibrida plug-in e i8 roadster

L'ad Krüger lancia la nuova strategia per ibride, elettriche e guida autonoma

BMW: in arrivo X7, MINI ibrida plug-in e i8 roadster
Galleria fotografica - BMW, conferenza annuale 2016Galleria fotografica - BMW, conferenza annuale 2016
  • BMW, conferenza annuale 2016 - anteprima 1
  • BMW, conferenza annuale 2016 - anteprima 2
  • BMW, conferenza annuale 2016 - anteprima 3
  • BMW, conferenza annuale 2016 - anteprima 4
  • BMW, conferenza annuale 2016 - anteprima 5
  • BMW, conferenza annuale 2016 - anteprima 6

Tempo di grandi annunci e progetti al futuro per BMW, fresca di celebrazioni per i 100 anni dalla nascita e pronta a stupire il mondo dell'automobile con una nuova strategia NUMBER ONE > NEXT per la mobilità individuale dei prossimi anni. Dopo sei anni consecutivi di crescite record il gruppo bavarese mette in fila una serie di promesse e obiettivi per voce dello stesso ad Harald Krüger che includono il grande SUV BMW X7, l'arrivo di nuove elettriche e ibride plug-in, compresa la Mini plug-in hybrid, la BMW i8 roadster e la presentazione entro fine 2016 della BMW i3 con batteria e autonomia maggiorata.

Benzina e Diesel non si dimenticano

In particolare la strategia "elettrica" BMW iNEXT prevede dal 2016 la presenza in gamma BMW di sette modelli elettrificati con tecnologia EV o PHEV, senza dimenticare le fuel-cell a idrogeno che nei prototipi sperimentali percorrono fino a 700 km con un pieno gassoso e si affiancheranno alle altre motorizzazioni per offrire una varietà di soluzioni per ogni esigenza. Krüger ci tiene però a precisare che le auto tradizionali alimentate con motori a benzina e diesel resteranno il "core business" del gruppo grazie a un ulteriore sviluppo delle tecnologie Efficient Dynamics NEXT e all'arrivo di nuove versioni sportive firmate M ed M Performance, queste ultime anche su modelli di larga diffusione. Pure Rolls-Royce si prepara ad un'importante novità per il 2018 sulla base di un'inedita architettura space-frame in alluminio.

Obiettivo redditività e guida autonoma

Sotto la bandiera del Project i 2.0 la BMW intende invece guidare lo sviluppo della guida autonoma mescolando sensori, mappatura ad alta definizione della rete stradale, connessioni e dati cloud, intelligenza artificiale e comunicazione fra veicoli, tutti elementi che hanno debuttato sulla nuova BMW Serie 7. A questo si affiancherà progressivamente la sempre più evoluta tecnologia di connettività di BMW Connected e ConnectedDrive, senza tralasciare i servizi online DriveNow, ParkNow e ChargeNow. Su tutto però resta al primo posto l'obiettivo della redditività che nel settore auto di BMW Group è fissato fra l'8 e il 10% di margine EBIT fino al 2020.

Autore:

Tag: Anticipazioni , Bmw , auto elettrica , auto europee , auto ibride , idrogeno


Top