dalla Home

Curiosità

pubblicato il 15 marzo 2016

Dossier #sapevatelo

Marchi "spariti", garanzie ancora valide

La questione però non è semplicissima, se per esempio l'azienda fallisce e cessa la produzione dei ricambi

Marchi "spariti", garanzie ancora valide
Galleria fotografica - Chevrolet Cruze 5 porteGalleria fotografica - Chevrolet Cruze 5 porte
  • Chevrolet Cruze 5 porte - anteprima 1
  • Chevrolet Cruze 5 porte - anteprima 2
  • Chevrolet Cruze 5 porte - anteprima 3
  • Chevrolet Cruze 5 porte - anteprima 4
  • Chevrolet Cruze 5 porte - anteprima 5
  • Chevrolet Cruze 5 porte - anteprima 6

Il caso più recente e noto è quello di Chevrolet: dopo un rilancio - non riuscito - come marchio dallo spiccato "value for money", in altre parole conveniente, General Motors ha deciso di ritirarlo dall'Europa Occidentale. Il comprensibile timore iniziale dei clienti sull'assistenza e sulla validità della garanzia delle proprie auto, si è però già sciolto: dal 31 dicembre del 2015 Chevrolet non è più commercializzata, ma già prime della fine dell'anno scorso, per esempio, è arrivata una lettera di richiamo per Cruze e Orlando (per la sostituzione del condotto di ritorno del vaso di espansione potenzialmente soggetto a lesioni); gli interventi si stanno svolgendo anche in questo periodo, regolarmente. Sui forum circolano inoltre commenti di diversi clienti - soddisfatti - per la risoluzione in garanzia di piccoli problemi di altra natura.

Non sempre però le cose stanno così: alle spalle di Chevrolet c'è infatti un gruppo solido come General Motors, che può appoggiarsi peraltro a una rete capillare e qualificata come quella di Opel (le officine autorizzate per interventi su automobili Chevrolet sono 180 in tutta Italia, Sardegna e Sicilia comprese). Ci sono invece casi come quello di Saab, molto più complessi. Perché se è vero che il Codice del Consumo disciplina la garanzia legale del venditore sui beni di consumo - e quindi tutela l'automobilista, per due anni, in caso di guasti a lui non imputabili - è vero anche che il "povero" venditore può poco o nulla se l'azienda cessa la produzione dei pezzi di ricambio. E Saab ha smesso di produrli già nel 2014, dopo che è passata nelle mani della NEVS (National Electric Vehicle Sweden), joint-venture fra Tianjin Binhai Hi-tech industrial Development Area e Beijing State Research Information Technology Co Ltd.

Galleria fotografica - Nuova Saab 9-5Galleria fotografica - Nuova Saab 9-5
  • Nuova Saab 9-5 - anteprima 1
  • Nuova Saab 9-5 - anteprima 2
  • Nuova Saab 9-5 - anteprima 3
  • Nuova Saab 9-5 - anteprima 4
  • Nuova Saab 9-5 - anteprima 5
  • Nuova Saab 9-5 - anteprima 6

Autore:

Tag: Curiosità , manutenzione


Top