dalla Home

Test

pubblicato il 15 marzo 2016

Nuova Opel Astra Sports Tourer, familiare biturbo

Motori diesel “italiani” per la wagon tedesca. Entry level a 18.600 euro e la più gettonata costa 300 euro in meno

Nuova Opel Astra Sports Tourer, familiare biturbo
Galleria fotografica - Nuova Opel Astra Sports Tourer 2015Galleria fotografica - Nuova Opel Astra Sports Tourer 2015
  • Nuova Opel Astra Sports Tourer 2015 - anteprima 1
  • Nuova Opel Astra Sports Tourer 2015 - anteprima 2
  • Nuova Opel Astra Sports Tourer 2015 - anteprima 3
  • Nuova Opel Astra Sports Tourer 2015 - anteprima 4
  • Nuova Opel Astra Sports Tourer 2015 - anteprima 5
  • Nuova Opel Astra Sports Tourer 2015 - anteprima 6

Astra, la stella di Opel, brilla di più perché ha vinto il titolo di Auto dell'Anno 2016. Ma, soprattutto, brilla due volte: come berlina, già sul mercato, e come Sports Tourer, cioè in versione familiare, che arriva adesso. Sotto il suo cofano pulsano “cuori” italiani: le unità a gasolio sono sviluppate a Torino dalla GM Propulsion System per tutto il gruppo e tutto il mondo, un centro di eccellenza con quasi 700 addetti. Un orgoglio nazionale che si occupa anche dei sistemi di controllo del motore, perché General Motors ha scelto la soluzione interna anziché la strada dei fornitori. Una strada italiana. Al vertice dell'offerta c'è il brillante biturbo multistadio da 1.6 litri e 160 cavalli, che sostituisce il precedente 2.0 litri da 195, accreditato di consumi di 4,1 litri per 100 chilometri con il cambio manuale a sei marce; malgrado io non sia stato leggero sull'acceleratore, nei dintorni di Porto durante la prova, il computer di bordo ha segnato 5,8 litri: un valore reale e non “cercato” più che onorevole.

Stesse misure, ma più spazio

La wagon di Rüsselsheim vive di luce propria: condivide l'impostazione con la più piccola cinque porte, ma offre ancora più spazio grazie ai suoi 4,702 metri di lunghezza. Come i 28 millimetri di spazio in più per le gambe al posteriore o i 26 di altezza in più per il guidatore e come gli 80 litri di capacità del bagagliaio in più (fino a 1.630), ricavati esclusivamente con una rimodulazione dei volumi, visto che le dimensioni esterne non sono cambiate. Dal punto di vista aerodinamico, grazie a soluzioni che, tra le altre cose, riducono le turbolenze posteriori, vanta un coefficiente di 0,272, non male per una sobria familiare. In Italia, Astra Sports Tourer compete sempre a livelli altissimi: dal 1992 non è mai scesa dal podio delle wagon più vendute e 9 volte è stata anche prima. Ford Focus è la sua grande rivale, ma ci sono anche Skoda Octavia, Peugeot 308 e Renault Megane.

Leggerezza tecnologica

L'abitacolo è funzionale e comodo, senza eccessi né cadute di stile. È lineare. I comandi sono intuitivi e lo schermo tattile IntelliLink da 7'' (dal secondo livello di allestimento) ha una grafica chiara (magari non troppo elaborata), con un sistema di navigazione che fornisce le indicazioni nei tempi giusti. Per effetto di una progettazione “leggerissima”, la nuova Sports Tourer pesa fino a 190 chilogrammi in meno rispetto alla versione precedente.

Assetto composto, elevato confort

Astra Sports Tourer ha un assetto molto composto (per “oltraggiarne” la condotta devo veramente impegnarmi a fondo, anche se non c'è ragione di farlo perché riesco a disegnare le curve come con il compasso) ed uno sterzo diretto (magari non sportivo). In autostrada guido ai 140 orari a 2.500 giri, ma confesso che il limite è di 120. Il comfort acustico è ottimo: dentro l'abitacolo, ma solo ad andature elevate (non dirò quanto), mi arrivano più i fruscii che il rumore del grintoso “ringhio” del biturbo, l'unico motore disponibile sulle wagon in prova a Porto. Su Astra Sports Tourer sto comodo davanti e anche dietro, ma non nel posto centrale. Per via del montante laterale inclinato, quando manovro verso sinistra, la visibilità è un po' penalizzata, ma Astra è in buona compagnia.

Prezzi e versioni

In Italia, l'entry level monta il 1.4 litri benzina da 100 cavalli e costa 18.600 euro. Le altre unità benzina sono turbo: 1.0 litri da 105 cavalli, 1.4 da 150 e 1.6 da 200 con overboost (300 Nm di coppia). Quattro anche le unità a gasolio, tutte da 1.6 litri, a cominciare dal CDTI da 95 cavalli (con 23.000 euro il livello d'ingresso per il diesel), poi quello da 110 da appena 3,6 l/100 km di consumo, quello da 136 con cambio automatico e, appunto, il biturbo. Gli allestimenti sono tre: Astra, Elective ed Innovation. Il modello finora più ordinato (80% delle richieste) è proprio in versione top con il motore CDTI da 110 cavalli ed offre una gradita sorpresa: costa 300 euro in meno rispetto a prima (Cosmo), cioè 25.800, con 2.000 euro di dotazioni in più. Inclusi nel prezzo ci sono tra gli altri i sensori di parcheggio, il fiore all'occhiello OpelOnStar, Opel Eye e il Navi IntelliLink touchscreen da 8 pollici.

Scheda Versione

Opel Astra Sports Tourer
Nome
Astra Sports Tourer
Anno
2015
Tipo
Normale
Segmento
compatte
Carrozzeria
Wagon
Porte
5 porte
Motore
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Mattia Eccheli

Tag: Test , Opel , auto europee


Listino Opel Astra

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
ST 1.4 Ecotec 100cv MT5 anteriore benzina 100 1.4 5 € 18.600

LISTINO

ST 1.4 Ecotec Elective 100cv MT5 anteriore benzina 100 1.4 5 € 20.700

LISTINO

ST 1.6 CDTI 95cv MT6 anteriore diesel 95 1.6 5 € 21.000

LISTINO

ST 1.0 Turbo Elective 105cv S&S MT5 anteriore benzina 105 1 5 € 21.700

LISTINO

ST 1.0 Turbo Elective 105cv S&S MTA anteriore benzina 105 1 5 € 22.400

LISTINO

ST 1.4 Turbo Elective 150cv S&S MT6 anteriore benzina 150 1.4 5 € 22.900

LISTINO

ST 1.6 CDTI Elective 95cv MT6 anteriore diesel 95 1.6 5 € 23.100

LISTINO

1.0 Turbo ecoFLEX 105cv S&S MT5 Innovation anteriore benzina 105 1 5 € 23.700

LISTINO

Tutti gli allestimenti »

 

Top