dalla Home

Live

pubblicato il 11 marzo 2016

Ginevra, Lexus LC 500h e l'ibrido diventa sportivo [VIDEO]

La nuova coupé giapponese ha un 3.5 V6 che con il motore elettrico raggiunge i 350 CV

Galleria fotografica - Lexus al Salone di Ginevra 2016Galleria fotografica - Lexus al Salone di Ginevra 2016
  • Lexus al Salone di Ginevra 2016 - anteprima 1
  • Lexus al Salone di Ginevra 2016 - anteprima 2
  • Lexus al Salone di Ginevra 2016 - anteprima 3
  • Lexus al Salone di Ginevra 2016 - anteprima 4
  • Lexus al Salone di Ginevra 2016 - anteprima 5
  • Lexus al Salone di Ginevra 2016 - anteprima 6

Ibrido vuol dire noioso? Non sempre e comunque non nel caso di Lexus, che con la LC 500h presentata a Ginevra dimostra chiaramente la nuova strada che vuole seguire, anche sul mercato europeo, dove le sue auto sono vendute solo con powertrain ibridi. Così la nuova coupé utilizza un 3.5 V6 aspirato da 300 CV e 348 Nm, unito a un motore elettrico da 60 CV che è posizionato al posteriore ed è alimentato da una batteria agli ioni di lito da 310 Volt. Osservandola è impossibile capire che sotto i pannelli dei passaruota posteriori si nasconde questo schema tecnico e il merito è anche di un design che è più elegante e meno aggressivo rispetto a quello di altri modelli Lexus. Dietro la lamiera, però, si nasconde il nuovo Multi Stage Hybrid System, cioè la nuova generazione di powertrain ibridi messo a punto da Toyota che vedremo anche su altri modelli del Gruppo. Tra le sue peculiarità, specialmente in questa applicazione, c'è quella di avere un cambio automatico a 4 marce che si aggiunge a quello classico CVT, per creare un feeling di guida più sportivo.

La LC 500h, infatti, è anche la prima Lexus dotata della modalità M (Manual) cioè un settaggio pensato per il massimo coinvolgimento nella guida, che permette anche la selezione manuale delle marce. In questo modo, quando si accelera da 0 a 100 km/h in meno di 5 secondi, il coinvolgimento è più alto e si sentono tutti i 354 CV della coupé giapponese. Le sue linee filanti sono state sviluppate sulla nuova piattaforma GA-L, che servirà da base anche per molti modelli Lexus di nuova generazione. In questo caso, però, la priorità numero uno degli ingegneri è stata quella di mantenere il baricentro basso, scopo per cui all'avantreno è stato adottato un inedito schema multi-link che ha permesso di abbassare anche la linea del cofano, pur montando cerchi da 20 e 21 pollici. Quanto ai materiali, infine, la LC 500h utilizza molto alluminio, sia per il cofano anteriore che per il posteriore, ma anche per i parafanghi e per i montanti delle sospensioni anteriori. La fibra di carbonio, invece, si trova nella struttura interna delle porte e nel tetto.

Autore: Alessandro Vai

Tag: Live , Lexus , auto giapponesi , ginevra


Top