dalla Home

Test

pubblicato il 8 marzo 2016

Mercedes Classe B Electric Drive, stop alle emissioni... acustiche

La monovolume elettrica di Stoccarda fa della silenziosità e del comfort il suo cavallo di battaglia

Mercedes Classe B Electric Drive, stop alle emissioni... acustiche
Galleria fotografica - Mercedes Classe B Electric Drive 2014Galleria fotografica - Mercedes Classe B Electric Drive 2014
  • Mercedes Classe B Electric Drive 2014 - anteprima 1
  • Mercedes Classe B Electric Drive 2014 - anteprima 2
  • Mercedes Classe B Electric Drive 2014 - anteprima 3
  • Mercedes Classe B Electric Drive 2014 - anteprima 4
  • Mercedes Classe B Electric Drive 2014 - anteprima 5
  • Mercedes Classe B Electric Drive 2014 - anteprima 6

Chi non conosce Roma o non ha mai guidato nella Capitale non può capire al 100% quello che sto per raccontare, ma sappiate che sono emozioni vere. Quali? Quelle che dà entrare nella ZTL del centro con un'automobile, senza dover pagare cifre astronomiche e con la certezza di essere in regola. Come? Guidando una vettura 100% elettrica, nella fattispecie la Mercedes Classe B Electric Drive, cioè la versione a zero emissioni della monovolume compatta di Stoccarda. Mercedes Italia, infatti, ha organizzato un test drive dedicato alla stampa, per presentare un nuovo servizio di noleggio a breve termine attivo su Roma e su Milano. Senza entrare troppo nei dettagli, con 60 euro potete pensare di fare una sorpresa alla vostra famiglia o agli amici e portare tutti a fare shopping (o a guardare le vetrine) in via Condotti, arrivando fin quasi a Piazza di Spagna e avendo anche un bel bagagliaio a disposizione. Bello no? Ma è ancora più bello viaggiare nel silenzio, una sensazione difficile da spiegare.

Silenzio assoluto

E quando dico silenzio, non intendo una lieve rumorosità o la presenza di qualche fruscio, intendo il silenzio più assoluto. Probabilmente la Classe B ha subito un lavoro di insonorizzazione più curato rispetto ad altre concorrenti elettriche, fatto sta che dentro l'auto non si percepisce assolutamente nulla, nemmeno il rotolamento delle gomme, finché si rimane a velocità cittadine o poco più. Silenziosa, poi, non vuole affatto dire ferma, anzi. Con 180 CV e 340 Nm di coppia, la B Electric Drive sa scattare in maniera insospettabile. I 7,9 secondi dichiarati nel passaggio da 0 a 100 km/h sono assolutamente veritieri. La spinta è istantanea, possente, come se la grossa mano di un gigante spingesse la monovolume da dietro e verso l'orizzonte. D'altronde, si sa, i motori elettrici hanno il grande pregio di erogare la coppia in maniera istantanea, ma ogni volta che si prova ad affondare il gas ogni teoria scompare ed è difficile farci l'abitudine. La colpa, se così si può dire, è anche dell'assoluto silenzio in cui questa accelerazione avviene.

Potenza del “kick-down”

Quando si decide di affondare il pedale, peraltro, non bisogna nemmeno attendere qualche intervento degli ingranaggi del cambio, perché la Classe B di fatto è una monomarcia. La funzione kick-down, quindi, serve solamente a far capire alla centralina di gestione che si richiede la potenza massima. A questo proposito, la corsa dell'acceleratore è molto dettagliata e ha una sensibilità sconosciuta alla maggior parte delle auto con motore termico. Questo perché il suo dosaggio preciso è fondamentale per non sprecare nemmeno un kW e per recuperarne non appena possibile, quando l'auto decelera. Su questa Mercedes, infatti, ma il discorso vale per tutte le elettriche, frenare con il freno e facendo intervenire i dischi, è un peccato mortale. Vuol dire che l'energia cinetica viene dissipata in calore e non sfruttata dall'alternatore che può ricaricare la batteria. Il “freno motore” elettrico, dunque, è fondamentale.

Freno motore “on demand”

A questo proposito, sulla Classe B ED Mercedes ha pensato a un nuovo uso delle palette dietro al volante che ho trovato molto intelligente e intuitivo. Giacché di solito servono a cambiare marcia, ma qui di marce non ce ne sono, i tecnici tedeschi hanno pensato di farle diventare una sorta di “regolatori del freno motore”. Bisogna tenere d'occhio il display centrale, dove vicino alla D di “Drive” si trova un altro piccolo segno. Quando si mette in moto, l'auto si trova in “D auto” e vuol dire che ci pensa da sola a trovare il miglior grado di freno motore a seconda delle situazioni, valutando anche la pendenza, il traffico, il percorso e via dicendo. Se invece si vuole maggiore freno, basta tirare la paletta di sinistra e sul display appare “D-”; a questo punto la Classe B inizia a rallentare molto di più, fin quasi a fermarsi se il declivio è dolce. Ovviamente sarebbe molto utile scendendo da una montagna, il contrario della funzione “D+” (paletta di destra) che permette il massimo veleggiamento.

Prezzi e versioni

La Classe B Electric Drive, insomma, si guida molto bene e in più colpisce per uno sterzo molto sensibile e preciso. Quanto al capitolo prezzi, bisogna ricordarsi che è sempre una Mercedes. Per portarsela a casa, dunque, occorrono almeno 41.680 euro, con i quali si ha diritto anche a 8 anni o 100.000 chilometri di garanzia su tutto il powertrain. Inoltre, sono previste diverse soluzioni di acquisto rateale o in leasing, ma che riguardano comunque l'intera automobile e non prevedono un canone a parte per le batterie.

Scheda Versione

Mercedes-Benz B 250 e
Nome
B 250 e
Anno
2015
Tipo
Normale
Segmento
compatte
Carrozzeria
2 volumi
Porte
5 porte
Motore
elettrica
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Alessandro Vai

Tag: Test , Mercedes-Benz , auto europee


Listino Mercedes-Benz Classe B

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
B 250 e Executive anteriore elettrico 180 0 5 € 41.403

LISTINO

B e EXECUTIVE anteriore elettrico 180 0 5 € 41.680

LISTINO

B 250 e Sport anteriore elettrico 180 0 5 € 43.154

LISTINO

B e SPORT anteriore elettrico 180 0 5 € 43.440

LISTINO

 

Top