dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 7 marzo 2016

BMW Vision Next 100, visionaria e intuitiva

Il secondo secolo della Casa tedesca inizia con una super berlina coupé a guida autonoma e sportiva

BMW Vision Next 100, visionaria e intuitiva
Galleria fotografica - BMW Vision Next 100Galleria fotografica - BMW Vision Next 100
  • BMW Vision Next 100 - anteprima 1
  • BMW Vision Next 100 - anteprima 2
  • BMW Vision Next 100 - anteprima 3
  • BMW Vision Next 100 - anteprima 4
  • BMW Vision Next 100 - anteprima 5
  • BMW Vision Next 100 - anteprima 6

I cento anni di BMW, celebrati oggi con una serie di iniziative che comprendono mostre tematiche, un festival e un'opera librario in tredici volumi, sono oggi degnamente festeggiati con la presentazione dalla concept Vision Next 100, una futuribile berlina coupé che unisce la guida autonoma alla tradizionale dinamica delle vetture tedesche. Questo prototipo raccoglie le principali visioni di BMW Group per la mobilità di domani e dopodomani, fatta di car sharing, pilota automatico, traffico metropolitano e digitalizzazione di tutti quei servizi che aiuteranno l'automobilista a vivere meglio il proprio tempo di viaggio, digitalizzazione e connettività in primis. L'articolata previsione di un futuro popolato di auto elettriche ed energia ricavata da fonti rinnovabili è alla base della BMW Vision Next 100, supercar a quattro porte che non vuole però rinunciare al piacere di guida tipico della Casa bavarese.

I comandi gestuali sono solo l'inizio

L'opera di Adrian van Hooydonk, responsabile di BMW Group Design e della nuova Vision Next 100 è partita dalla definizione di uno scenario futuro animato da automobili entusiasmanti e non certo anonime, tecnologiche, ma non fredde per chi si vuole muovere su strada, connesse al limite delle possibilità offerte dalla fusione fra intelligenza artificiale e interfacce ergonomiche e intuitive per fare del pilota e dell'auto una cosa unica denominata "Alive Geometry". Addio quindi a carrozzerie in acciaio, benvenuto alla fibra di carbonio e alla stampa 4D, basta display e schermi touch e dentro i comandi gestuali. In modalità Boost il guidatore prende i comandi dell'auto assistito dagli ausili di bordo Companion che apprendono lo stile di guida e lo strasformano in Ultimate Driver. Selezionando invece la modalità Ease la BMW Vision Next 100 passa alla guida autonoma facendo sparire il volante a cloche e trasformando l'abitacolo in un comodo salotto dove lavorare o riposarsi in viaggio.

Berlina con Cx da record

Lo stile esterno della BMW Vision Next 100 è quello di una filante coupé a quattro porte lunga 4,90 metri e alta 1,37 metri come un'ammiraglia, grandi cerchi coperti da massicci passaruota e una carrozzeria aerodinamica color rame con Cx di 0,18. Le porte ad ala di gabbiano si aprono automaticamente all'avvicinarsi del pilota, così come il volante che fuoriesce dalla plancia. La fibra di carbonio che fa da base a tutta l'architettura è sia verniciato che a vista, mentre l'utilizzo di legno e pelle negli interni viene sostituito da materiali riciclabili e leggeri, un trend che per BMW è necessario e irreversibile. A rendere l'esperienza di guida unica e coinvolgente c'è anche un Head-Up Display analogico a contatto esteso a tutto il parabrezza che offre nuove forme di comunicazione preconscia, ovvero con segnali intuitivi. Dopo l'anteprima di Monaco la BMW Vision Next 100 sarà visibile a Pechino dal 5 al 15 maggio, mentre a Londra dal 16 al 26 giugno saranno esposti i veicoli "visionari" MINI e Rolls-Royce e a Los Angeles dall'11 al 16 ottobre sarà la volta dell'anteprima BMW Motorrad.

Autore:

Tag: Prototipi e Concept , Bmw , auto europee , auto elettrica , car design , guida autonoma


Top