Da Sapere

pubblicato il 4 marzo 2016

Dossier EXPO Milano 2015

Milano dopo Expo 2015, le nuove strade da conoscere

La Brescia-Bergamo-Milano consentirà viaggi più veloci, ma è tra le novità che hanno scatenato più polemiche

Milano dopo Expo 2015, le nuove strade da conoscere
Galleria fotografica - Expo Milano 2015, le autoGalleria fotografica - Expo Milano 2015, le auto
  • Expo 2015, le auto - anteprima 1
  • Expo 2015, le auto - anteprima 2
  • Expo 2015, le auto - anteprima 3
  • Expo 2015, le auto - anteprima 4
  • Expo 2015, le auto - anteprima 5
  • Expo 2015, le auto - anteprima 6

Della Pedemontana ci siamo già occupati, ma l’Expo Milano 2015 ha lasciato in eredità tantissime altre strade. Che siano davvero utili o no per viaggiare in auto, questo è difficile da dire, anche perché non è corretto fare una valutazione solo nell’immediato; occorre verificare se anche sul lungo periodo le infrastrutture in questione servano. Di sicuro, si stima (fonte Confindustria) che la produzione aggiuntiva complessivamente determinata dall’Expo Milano nell’economia italiana, nel periodo 2011-2020, potrà ammontare a più di 69 miliardi di euro. In particolare, gli impatti economici sono riconducibili a cinque principali ambiti che contribuiscono, in misura diversa, all’attivazione del valore aggiunto di 29 miliardi. E i due terzi di questa somma arrivano dalle strade.

In macchina sulle strade nuove

1# BreBeMi. Il collegamento autostradale Brescia-Bergamo-Milano consentirà, in teoria, viaggi veloci e sicuri su un sistema viabile integrato nel nuovo sistema infrastrutturale lombardo. Sei i caselli completamente automatizzati (Chiari Ovest, Calcio, Romano di Lombardia, Bariano, Caravaggio, Treviglio) che, con altri sei svincoli presenti nei tratti esterni alle due barriere di esazione di Chiari Est e di Liscate, consentono all'autostrada di integrarsi con il territorio e servire i numerosi centri abitati.

2# Pedaggi. Molte però le polemiche legate al pedaggio della BreBeMi, più alto rispetto alla parallela Autostrada A4, gestita da Autostrade per l’Italia: occhio ai prezzi. E ricordate di fare il pieno prima di percorrere la BreBeMi: non ci sono aree di servizio.

3# Pedemontana. L’Autostrada Pedemontana Lombarda è la prima autostrada italiana e una delle prime in Europa, che ti consente di viaggiare senza doverti fermare al casello, questo grazie al nuovo sistema di esazione Free Flow: non prevede la presenza dei caselli. Potete viaggiare senza mai trovare barriere e le code. Il pagamento del pedaggio avverrà al semplice passaggio sotto il portale siete già clienti Telepass o aderendo al sistema di pagamento Conto Targa (lascia la targa e la carta di credito e il gioco è fatto).

4# Possibile problema. Anche per la Pedemontana qualcuno ha avanzato obiezioni: della serie, mi dimentico di pagare il pedaggio perché non ho il Telepass e non rammento di fare il Conto Targa, essendo di passaggio sul tratto: a quel punto, mi arriverà il sollecito a casa,

5# Tangenziale Est Esterna. L'Autostrada A58, la Tangenziale Est Esterna di Milano (o TEEM), è la seconda tangenziale est di Milano dopo l'A51. Corre parallela a questa, e connette, sul versante est di Milano, l’Autostrada A4 con l’A1.

6# Quanto traffico? Anche in questo caso, ci sono polemiche: al di là dell’impatto sulle aziende agricole, c’è chi sostiene che la TEEM sia poco nota, e che quindi il traffico sia scarso. Insomma, non un’infrastruttura strategica. Il nostro consiglio: da provare, per notare l’enorme differenza con la normale Tangenziale Est Esterna.

Svincoli a ripetizione

Al di là di gigantesche autostrade, e degli impatti economici che si spera siano positivi, esiste poi un’enorme mole di svincoli e raccordi a nord di Milano, in zona Expo. Proprio come l’area tutt’attorno al sito espositivo, non è ancora dato sapere con certezza se queste strade siano veramente utili agli automobilisti. Anche perché magari orientarsi non è facile, e perfino un navigatore satellitare non riesce a guidarvi in auto. Il nostro suggerimento: sì all’uso delle autostrade nuove (sempreché vi convenga, valutando il risparmio in termini di tempo e fatica), ma cautela con quegli svincoli attorno all’Expo. Quando c’era la manifestazione servivano alle varie navette, ma adesso non è molto chiaro le queste opere infrastrutturali siano essenziali. Sarà il tempo (i prossimi 10 anni) a dirlo.

Autore: Redazione

Tag: Da Sapere , expo , viaggiare


Vai allo speciale
  • Hyundai al Salone di Parigi 2016 - Salone di Parigi 2016 - 33
  • Fiat al Salone di Parigi 2016 - Salone di Parigi 2016 - 20
  • Hyundai al Salone di Parigi 2016 - Salone di Parigi 2016 - 49
  • Kia al Salone di Parigi 2016 - Salone di Parigi 2016 - 22
Vai al Salone Salone di Parigi 2016
 
Top