dalla Home

Interviste

pubblicato il 24 febbraio 2016

Mazda: "I nostri motori saranno ecologici come un elettrico"

L'AD di Mazda Europa, Jeff Guyton, parla del lavoro in corso per raggiungere la combustione 'perfetta' entro il 2020

Mazda: "I nostri motori saranno ecologici come un elettrico"
Galleria fotografica - Nuova Mazda MX-5 (2015)Galleria fotografica - Nuova Mazda MX-5 (2015)
  • Nuova Mazda MX-5 (2015) - anteprima 1
  • Nuova Mazda MX-5 (2015) - anteprima 2
  • Nuova Mazda MX-5 (2015) - anteprima 3
  • Nuova Mazda MX-5 (2015) - anteprima 4
  • Nuova Mazda MX-5 (2015) - anteprima 5
  • Nuova Mazda MX-5 (2015) - anteprima 6

Nel 2009 Mazda era messa male: il crack Lehman Brothers scoppiato pochi mesi prima aveva aperto la peggiore crisi finanziaria dell'epoca moderna e l'addio dello storico partner Ford aveva lasciato la casa giapponese da sola, senza tempo, senza soldi e senza idee chiare per il futuro. C'erano nuove auto da inventare e regole sempre più strette su emissioni e consumi; i quattro anni che seguirono furono difficili, un periodo di bilanci in rosso ma anche e soprattutto di rinascita. Una storia di successo che Mazda ha costruito partendo da un concetto fondamentale: l'efficienza.

Non come, ma perché

"Una delle cose che abbiamo dovuto fare è capire il 'know why' (il perché), prendendo le convenzioni che ci erano state tramandate e mettendole sotto il microscopio", così l'AD di Mazda Europa Jeff Guyton riassume la nuova mentalità che ha permesso alla casa di Hiroshima di reinventarsi in pochi anni, tornando al profitto nel 2013 e mettendo a segno risultati finanziari record nei due anni successivi. Passare dal "know how" al "know why" per Mazda ha significato cambiare radicalmente approccio in ogni aspetto, alla ricerca di una maggiore efficienza nella produzione e nella tecnica delle sue auto. La tecnologia SKYACTIV - e il "rightsizing" dei suoi motori contrapposto al "downsizing" che oggi domina l'industria automobilistica - è figlia di questa rivoluzione che ha coinvolto anche le fabbriche dove i modelli Mazda vengono prodotti, inclusa la nuova MX-5, esempio su ruote della nuova filosofia del marchio. "Prima servivano 45 macchinari su ogni linea dedicata per produrre un singolo motore. Con la semplificazione dei processi, ora bastano solo 16 attrezzature su una singola linea per produrre uno qualunque dei motori SKYACTIV di Mazda", ha spiegato Guyton durante una conferenza sull'efficienza al Mazda Space di Barcellona. Un esempio delle soluzioni con cui Mazda ha ridotto del 70% gli investimenti per costruire i suoi motori e che permettono al piccolo costruttore di restare indipendente pur con una produzione annua di appena 1,5 milioni di auto. L'evento ha visto anche la partecipazione dell'agricoltore biologico Thomas Rippel, il quale proprio chiedendosi "perché" ha inventato un processo innovativo ed efficiente per il trattamento del letame di vacca in grado di aumentarne esponenzialmente le proprietà fertilizzanti.

Motori SKYACTIV, obiettivo 50 per cento

Nonostante le vendite in crescita del 21% in Europa e del 35,9% in Italia, Mazda non si accontenta e continua a guardare avanti. La sfida è molto ambiziosa: aumentare l'efficienza dei suoi motori benzina e diesel SKYACTIV fino a ottenere, entro il 2020, le stesse emissioni di CO2 di un'auto elettrica nel sistema "well-to-wheel", che misura il dato complessivo dal pozzo alla ruota. "Il nostro obiettivo è portare l'efficienza dei nostri motori a scoppio oltre il 50 per cento entro la fine del decennio", ha detto Guyton a OmniAuto.it. Secondo Mazda ottenere il massimo dalle tecnologie "tradizionali" - lavorando anche su aerodinamica, peso e attriti - è fondamentale per realizzare auto ibride migliori nel futuro prossimo. "Oggi i sistemi ibridi servono a compensare l'inefficienza del motore a scoppio ai carichi bassi, ma se si ha un motore termico efficiente anche a bassi giri, è possibile ripensare l'unità ibrida rendendola più leggera, economica e funzionale". Un altro aspetto dell'evoluzione tecnologica in cui Mazda sta andando in direzione opposta rispetto alla concorrenza è la tendenza a montare cambi automatici con otto, nove, addirittura dieci rapporti. "Questo avviene per far lavorare il motore con la massima efficienza a tutte le velocità, ma noi non abbiamo bisogno di più di sei marce perché i nostri motori sono efficienti - e lo saranno ancora di più in futuro - in una gamma di giri molto ampia", ha spiegato Guyton. La tecnologia SKYACTIV permette agli ingegneri Mazda di risparmiare peso, costi e spazio in fase di progettazione. "Tutto ciò è possibile perché noi insistiamo nella ricerca della combustione perfetta", ha aggiunto.

Autore: Andrea Fiorello

Tag: Interviste , Mazda , auto giapponesi , interviste


Top