dalla Home

Home » Argomenti » Patente

pubblicato il 23 febbraio 2016

Guida senza patente, ecco uno dei primi incidenti "depenalizzati"

Da cosa può succedere a cosa è successo davvero. Una storia agghiacciante dal Lazio

Guida senza patente, ecco uno dei primi incidenti "depenalizzati"

Quando la realtà supera la finzione. Cominciamo da quest’ultima. L’Asaps (Amici Polstrada) ha fatto una simulazione partendo da un dato di fatto: sino al 5 febbraio 2016, chi guidava con patente mai conseguita o revocata, subiva la denuncia penale. Era un reato, cui si sommava una multa di 2.257 euro. Me l’articolo 116 del Codice della Strada è stato modificato: dal 6 febbraio, con la nuova norma, se si guida con patente mai conseguita o revocata, scatta un illecito. Non è più un reato. Cui si somma una multa doppia rispetto a quella vecchia: 5.000 euro. Lo prevede il pacchetto depenalizzazioni approvato con il decreto legislativo 15 gennaio 2106 numero 7 e il decreto legislativo 15 gennaio 2106 numero 8 (Gazzetta Ufficiale numero 17 del 22 gennaio 2016). Di qui, l’ipotesi dell’Asaps: un automobilista straniero causa un sinistro senza patente. Niente reato e multa che non pagherà mai, perché nullatenente. Tutt’al più, 3.500 euro di multa se si paga entro 5 giorni dalla notifica.

Sinistro terrificante

Ed eccoci alla realtà, ancora più terribile della finzione. Aveva un tasso alcolemico cinque volte superiore al limite consentito dalla legge l'indiano coinvolto poche ore fa nell'incidente mortale avvenuto sulla strada Monti Lepini in cui ha perso la vita Enzo Mengoni, 65 anni di Sermoneta. Quindi, col limite di mezzo grammo di alcol per litro di sangue, viaggiava a 2,5 grammi (qui come funziona l'alcoltest). Una mina vagante. Lo straniero di 35 anni era a bordo di una Opel Corsa e, secondo quanto ricostruito dalla Polizia stradale, all'altezza dell'incrocio con strada Trasversale, nei pressi di Piana delle Orme, ha travolto la Matiz ferma al semaforo su cui viaggiava la vittima con accanto la moglie: la macchina è stata scaraventata più in là di 50 metri. L’uomo, era anche sprovvisto di patente.

Diversi guai

Così, in un colpo solo, qui abbiamo due problemi. Primo: la guida senza patente, che è stata depenalizzata, voluta dal Governo Renzi. Secondo: la mancata introduzione del reato di omicidio stradale per i sinistri dovuti ad alcol o droga. Una fallimento, quest’ultimo, dell’Esecutivo, che da due anni lo promette senza arrivare a nessun risultato. Per non parlare dell’annunciata e mai avvenuta riforma del Codice della Strada.

Autore: Redazione

Tag: Attualità , incidenti , patente a punti


Top