dalla Home

Attualità

pubblicato il 19 febbraio 2016

Dossier Dieselgate, lo scandalo dopo il caso Volkswagen

Volkswagen, completati gli aggiornamenti del 2.0 TDI su 4.300 Amarok

Alla fine della primavera partiranno i richiami sui 1.2 TDI, mentre alla fine dell'estate sarà la volta del 1.6 TDI

Volkswagen, completati gli aggiornamenti del 2.0 TDI su 4.300 Amarok
Galleria fotografica - Volkswagen, primi richiami DieselgateGalleria fotografica - Volkswagen, primi richiami Dieselgate
  • Volkswagen, primi richiami Dieselgate - anteprima 1
  • Volkswagen, primi richiami Dieselgate - anteprima 2
  • Volkswagen, primi richiami Dieselgate - anteprima 3
  • Volkswagen, primi richiami Dieselgate - anteprima 4
  • Volkswagen, primi richiami Dieselgate - anteprima 5
  • Volkswagen, primi richiami Dieselgate - anteprima 6

Volkswagen prosegue nella procedura di aggiornamento tecnico dei suoi motori diesel che presentano il problema delle emissioni di NOx. A tre settimane dall'implementazione delle modifiche sul 2.0 TDI (EA189), la Casa di Wolfsburg ha completato gli aggiornamenti su oltre il 50% del primo lotto di richiami in Germania. A ieri, il nuovo software di controllo motore era stato installato su 4.300 Volkswagen Amarok, che ora rispettano pienamente i limiti di emissioni previsti dalle norme Euro 5. Le modifiche sono quelle che Volkswagen ha presentato nel dicembre 2015 alla KBA, cioè all'autorità federale tedesca per il trasporto pubblico. Dopo che questa le ha approvate, alla fine di gennaio sono iniziati i primi richiami. Ora, nei prossimi mesi, la Casa tedesca inizierà anche i procedimenti di richiamo riguardanti i motori più piccoli, cioè il 1.2 e il 1.6 TDI.

La prossima auto a ricevere il nuovo software, in ogni caso, sarà la Volkswagen Passat con il 2.0 TDI, che verrà aggiornato a partire da marzo. Dopodiché, tra maggio e giugno sarà la volta del 1.2 TDI, mentre dopo la fine dell'estate verrà il turno del 1.6 TDI. L'intervento riguarda solo il software e il tempo di lavoro necessario a portarlo a termine sarà inferiore alla mezz'ora, come del resto è stato confermato in questa prima tornata di richiami del pick-up Amarok. Nel caso del 1.6 TDI, tuttavia, il tempo di intervento - come abbiamo già scritto più volte - sarà leggermente superiore, ma comunque inferiore ai 45 minuti. Il quarto d'ora in più sarà necessario per montare il nuovo collettore di aspirazione.

Per l'Italia seguiranno aggiornamenti, intanto vi ricordiamo la lista definitiva dei 9 modelli con problemi di CO2, mentre qui potete leggere come controllare se la vostra Volkswagen, Audi, Seat o Skoda è coinvolta.

Autore: Redazione

Tag: Attualità , Volkswagen , inquinamento


Top