dalla Home

Test

pubblicato il 17 febbraio 2016

Ford Focus RS, l’elettronica si fa bella [VIDEO]

350 CV assistiti da quattro modalità di guida che fanno divertire, e parecchio: bentornata RS!

Galleria fotografica - Ford Focus RS, la nostra provaGalleria fotografica - Ford Focus RS, la nostra prova
  • Ford Focus RS, la nostra prova - anteprima 1
  • Ford Focus RS, la nostra prova - anteprima 2
  • Ford Focus RS, la nostra prova - anteprima 3
  • Ford Focus RS, la nostra prova - anteprima 4
  • Ford Focus RS, la nostra prova - anteprima 5
  • Ford Focus RS, la nostra prova - anteprima 6

Chi lo dice che l’elettronica complica sempre le cose quando si tratta di divertirsi al volante? E’ vero, in passato non mancano cattivi esempi, ma dopo aver provato su strada e sul circuito di Valencia la nuova Ford Focus RS ho cambiato idea e mi auguro che, guardando il video, cambierete idea anche voi. Sì, perché i 350 CV del 2.3 litri EcoBoost sono una gran cosa, ma ancora più strabiliante è stato testare quanto i tecnici di Ford Performance abbiano centrato i setting delle quattro modalità di guida, non ultimo il Drift Mode che riporta la mente (e il cuore) alle danze delle RS del passato che i traversi li facevano eccome.

ECO...e molto BOOST!

Perdonatemi se salto la parte relativa al design e punto dritto a parlare di motore, ma qui è proprio tanto. Su una compatta come la Focus 350 CV sono la formula della felicità, o quasi, se non fosse per i 1.600 kg sulla bilancia, il rapporto cavalli/gioia sarebbe ai massimi livelli. Ma tornando all’EcoBoost, come sulla Ford Mustang, anche qui troviamo l’unità in alluminio da 2.3 litri che, grazie a un turbo ‘twinscroll’ a bassa inerzia di maggiori dimensioni, eroga una coppia massima, di 440 Nm, erogata tra i 2.000 e i 4.500 giri. In modalità overboost, attivabile accelerando a fondo, la coppia viene incrementata fino a 470 Nm per 15 secondi. Tradotto? L’accelerazione nello da 0 a 100 km/h avviane ini 4,7 secondi, da 50 a 100 km/h in 5 secondi, e la velocità massima è di 266 km/h e ci si arriva sfruttando tutte le 6 marce del cambio manuale di serie, una bella notizia per i puristi della guida sportiva.

Il divertimento si fa in quattro

Letteralmente. Tutte le quattro mappe sono “full power” e, proprio per questo, anche sulla “Normal” è meglio controllare il piede destro quando si guida in città visto che, se il sound rimane sottomesso, la potenza rimane estrosa. Tanti i parametri che variano cambiando mappa: sulla “Sport”, l’ideale per il divertimento nel misto (sempre rispettando il Codice della Strada), il suono diventa rabbioso, così come il motore, lo sterzo e la trazione integrale massimizzata: il risultato è una precisione di guida incredibile, ma altrettanto fulminea nel passare da una curva all’altra. Per saggiare le rimanenti due mappe invece, meglio la pista, ed eccomi sul circuito di Valencia dopo non resisto e parto subito col “Drift Mode”. Con questa configurazione la Focus diventa quasi una posteriore, col 70% della coppia fisso al posteriore grazie al Torque Vectoring. Inoltre, per mezzo di due frizioni posizionate ai lati del differenziale autobloccante posteriore (davanti non è previsto), in 0,06 secondi la coppia può passare al 100% da una ruota all’altra per assecondare la voglia di far fumare le gomme del pilota. E a proposito di gomme, Michelin ha sviluppato una gamma di pneumatici 235/35 R19 ad alte prestazioni proprio per la RS, come i Pilot Super Sport, adatti alla guida di tutti i giorni, e i Pilot Sport Cup 2, destinati all’utilizzo in pista. E, come chicca finale, la modalità “Pista”, l’unica che prevede anche l’assetto in “Sport”, quindi più rigido del 40%, una configurazione che comunque si può variare a piacimento in qualsiasi momento tramite l’apposito tasto sulla leva del devio luci. In questo modo gli assali e la trazione massimizzano l’aderenza e la Focus vola, a tal punto che ci si fa prendere facilmente la mano ed è a quel punto che si avverte un leggero sottosterzo in ingresso curva che, se non piace nella guida pulita, è utile a interpretare i trasferimenti di coppia per innescare il sovrasterzo dopo aver dato un deciso colpo di gas!

OK, il prezzo è giusto

39.500 euro sono una cifra equilibrata se si considera che tutto quello di cui vi ho parlato è di serie, così come lo è il “Launch Control” che rende perfetto lo spunto da fermo. Le concorrenti “integrali” ci sono ma viaggiano tutte più in alto coi prezzi, come Audi RS3 e Mercedes A45 AMG, più attente a moderare il loro look aggressivo; solo la Subaru Impreza Sti condivide la filosofia dell’RS, anche se il livello di godimento raggiungibile coi setting di questa nuova Ford è forse quello più in odore di rally di tutte...

Scheda Versione

Ford Focus RS
Nome
Focus RS
Anno
2015
Tipo
Normale
Segmento
compatte
Carrozzeria
2 volumi
Porte
5 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Test , Ford , auto americane


Listino Ford Focus

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
RS 2.3 350cv AWD 4x4 benzina 350 2.3 5 € 39.500

LISTINO

 

Top