dalla Home

Curiosità

pubblicato il 15 febbraio 2016

Italdesign Giugiaro è un datore di lavoro “da sogno”

Per il 2016 ha ottenuto la certificazione ufficiale di Top Employers Institute

Italdesign Giugiaro è un datore di lavoro “da sogno”

Tra le aziende dove si lavora meglio in Italia c’è Italdesign Giugiaro che, ispirandosi al modello tedesco in tema di partecipazione, ha previsto nuove politiche retributive, flessiblità oraria e programmi per il benessere personale che includono una copertura sanitaria integrativa per i dipendenti e le loro famiglie. E’ così che per il 2016 ha ricevuto la certificazione ufficiale di Top Employers Institute, affermandosi tra i migliori datori di lavoro nel nostro Paese. “È un risultato importante che premia un percorso cominciato anni fa e che ha visto investire continuamente in formazione, salute, sostenibilità offrendo a tutti i collaboratori un miglioramento continuo delle condizioni di lavoro e un maggiore equilibrio tra vita lavorativa e privata” ha detto Giuseppe Savino, Responsabile Risorse Umane e Organizzazione.

Questa certificazione però non è un punto d’arrivo, ma uno “stimolo per continuare ad investire nella risorsa più preziosa di ogni azienda: le persone che vi lavorano”, ha aggiunto Savino. Questo perché, l’ambiente di lavoro ottimale “è in grado di favorire la crescita non solo professionale, ma anche personale e umana”, ha spiegato Alessio Tanganelli, Regional Director Italy, Spain, Brazil Top Employers Institute. Joerg Astalosch, amministratore delegato dell’azienda nel Gruppo Volkswagen, guarda al futuro e crede che questo prestigioso riconoscimento darà alla Italdesign Giugiaro “gli stimoli e la fiducia per fare bene sapendo di poter contare sulla passione, l’entusiasmo e la professionalità di tutti i collaboratori”.

Nuovo commento 2 Commenti

1

Belle parole.

pieroo1

Pubblicato il 16/02/2016 alle 10:02

Che se corrispondono a realtà rappresentano una situazione incompatibile con l'industria italiana odierna !!!!! Rilevante il fatto che da luglio 2015 sia di proprietà tedesca (VW) al 100%............

2

Togliete il tricolore da la sopra, perchè di italiano non c'è nulla

Fabio

Pubblicato il 16/02/2016 alle 15:56

Di italiano c'è rimasto solo il nome, da quando è passata a vw non ha fatto più nulla di innovativo solo concept dal design tedesco privi di qualsiasi spunto di design e fantasia, ormai è solo un orpello inutile del gruppo vw

Top