dalla Home

Da Sapere

pubblicato il 12 febbraio 2016

Viaggi all’estero? Ecco 6 dritte per chi si muove in auto

Paese che vai, regole che trovi. Qui la guida da cui iniziare per pianificare una trasferta senza multe in Europa

Viaggi all’estero? Ecco 6 dritte per chi si muove in auto

Viaggi all’estero in auto: cominciamo col dire che, per stavolta, ci riferiamo solo all’Europa. A seconda di dove andate, del Paese che visitate o attraversate, dovrete rispettare norme particolari, specifiche, e questo almeno finché non verrà introdotto il Codice della Strada europeo, un testo unico per tutti gli Stati del Vecchio Continente, o per i membri dell’Unione europea. Intanto, la giungla di normative e multe impone la massima attenzione, per non incappare nei controlli delle Forze dell’ordine, e nelle ammende previste in quell’area. Per questo abbiamo pensato di riassumere qui di seguito sei punti importanti da tenere a mente.

Quali norme

1# Sicurezza. La cintura di sicurezza deve essere correttamente allacciata in tutti i Paesi dell’Unione europea. E se in Italia i controlli sono scarsissimi (qui si privilegiano gli autovelox e le telecamere a discapito delle verifiche sul campo), altrove la Polizia è attentissima a quella regola.

2# Bambini. Le auto che trasportano bambini devono essere dotati di adeguati sistemi di ritenuta per i piccini: anche in questo caso, chi sgarra in determinate aree dell’Europa correte seri rischi di essere beccato e multato. Qui tutti i dettagli su come trasportare i bambini in auto.

3# Cellulare. L’utilizzo dello smartphone durante la guida senza il kit mani libere è vietato in tutti i paesi dell’Ue: non si sta al volante col dispositivo in mano, non si messaggia, non si controlla la posta. E in caso di selfie alla guida ci sono Forze dell’ordine durissime sulla materia: occhio.

4# Alcol. Se bevete alcol, non guidate. Questa la norma migliore per essere in regola. Importante: il limite di alcol è di 0,5 grammi per litro di sangue in Italia, con la tolleranza zero per i neopatentati. In altri Paesi, c’è un labirinto di norme: il tasso varia e talvolta non si può bere per nulla, quindi state alla larga dagli alcolici se poi dovete mettervi alla guida.

5# Velocità. La regola di 50 km/h in città e 130 in autostrada varia a seconda della nazione. Con un florilegio di limiti fuori dai centri urbani. Non basta stare attenti ai cartelli, è sempre meglio sapere prima quali sono i limiti in quel dato Paese. Pertanto vi suggeriamo di fare prima una ricerca online su paese che nello specifico attraverserete in auto.

6# Destra e sinistra. A Cipro, Malta, in Irlanda e nel Regno Unito si guida a sinistra. Cambia tutto: dove guardare a chi dare la precedenza agli incroci, dove stare nei doppi sensi, come effettuare il sorpasso. Il nemico, prim’ancora della multa, si chiama frontale. Prestate quindi la massima attenzione e se non ve la sentite, evitate di guidare!

Ma dove m’informo?

Se già sapete dove andrete in auto, il link giusto per conoscere tutto su quel dato Paese è viaggiaresicuri.it. Così da spulciare tutti i cavilli dei vari Codici della Strada. E rammentate che, pur non essendo fermati al volo dalla Polizia (niente contestazione immediata), ci sono Stati che inviano a casa del proprietario della vettura la multa: non tutte le nazioni sono arrendevoli come l’Italia, che spesso rinuncia a notificare multe all’estero per non perdere denaro e tempo.

Autore: Redazione

Tag: Da Sapere , viaggiare


Top