Curiosità

pubblicato il 11 febbraio 2016

BMW Creative Lab, spazio alle idee

Obiettivo: la personalizzazione dei prodotti attraverso il gusto dei più giovani

BMW Creative Lab, spazio alle idee
Galleria fotografica - BMW Creative LabGalleria fotografica - BMW Creative Lab
  • BMW Creative Lab - anteprima 1
  • BMW Creative Lab - anteprima 2
  • BMW Creative Lab - anteprima 3
  • BMW Creative Lab - anteprima 4
  • BMW Creative Lab - anteprima 5
  • BMW Creative Lab - anteprima 6

Per una volta, le automobili e le moto non c'entrano. O meglio, le moto sì, anche se non in senso stretto. Ma andiamo con ordine. Qui si parla di visioni, di crescita di talenti e di futuro. Di creatività, più precisamente, promossa da BMW Group Italia attraverso la terza edizione di BMW Creative Lab, un’iniziativa nata in cooperazione con Designworks (studio di Monaco) - la società di consulenza creativa del BMW Group - e un’azienda italiana come Stone Island, marchio di abbigliamento informale nato nel 1982.

Dalla ricerca "accademica" al prodotto finito

Il tema scelto per questa edizione è “Natura e Artificio: il design nell’epoca della trasformazione”. Cosa c'entra tutto ciò con il prodotto BMW? Lo spiega Stefano Ronzoni, Direttore di BMW Motorrad: “BMW Motorrad ha scelto quest’anno di supportare il BMW Creative Lab perché sempre più sensibile al tema della trasformazione”. Il nesso, insomma, sta nel fatto che "possedere un marchio premium, negli ultimi anni, è un grande valore, ma anche una sorta di blocco psicologico che impedisce al consumatore di fare la propria scelta di stile. Alcuni prodotti BMW stanno andando in questa direzione, aprendo al cliente la possibilità di mettere mano al prodotto: la BMW R nineT è un esempio". Tornando al progetto, il tema è dunque quello della "trasformazione" del prodotto, in base alle esigenze e necessità di ciascuno dei "curatori", o singoli consumatori. È importante che ogni "curatore" abbia un rapporto reale e consapevole con le proprie cose, se si tratti di vestiti, mezzi di trasporto o qualsiasi altro oggetto. Per questa ragione, i progetti in concorso verranno valutati dalla commissione scientifica secondo quattro principali criteri specifici. Primo: innovazione. Secondo: iconicità, ovvero forma riconoscibile ed attraente. Fattibilità: il progetto dovrà essere realizzabile con tecnologie/materiali conosciuti in ambito fashion e/o automobilistico. Costo: l'investimento deve essere ragionevoli e proporzionato. Terzeiev (Bulgaria), Karimian Azary Nikoo (Iran) e Luca Musciatelli (Italia) del Politecnico di Milano.

BMW Creative Lab, fucina di talenti

Il BMW Creative Lab, nato nel 2012, è un’iniziativa pensata per individuare giovani di talento italiani e stranieri che studiano in Italia, sviluppata da BMW Italia insieme a Designworks, rappresentata dal suo ufficio di Monaco, e realizzata in collaborazione con un’azienda italiana partner che cambia ogni anno. Cinque i talenti identificati per la nuova edizione del BMW Creative Lab: Luca Mazzon (Italia) IED Milano, Alicia Pickney (USA) Domus Academy, Kristian Terzeiev (Bulgaria), Karimian Azary Nikoo (Iran) e Luca Musciatelli (Italia) del Politecnico di Milano.

Autore:

Tag: Curiosità , Bmw , concorsi , premi


Vai allo speciale
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 49
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 43
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 53
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 48
Vai al Salone Salone di Parigi 2016
 
Top