dalla Home

Curiosità

pubblicato il 9 febbraio 2016

Il V10 della Viper nasceva da un pick-up

Era montato su un "truck" e di cilindri ne aveva 8: alla fine degli anni Ottanta si votò alla sportività

Il V10 della Viper nasceva da un pick-up

Le auto particolari, strane, a volte anche un po' folli, sono sempre esistite, sin dalla fine dell'Ottocento, quando le prime carrozze perdevano i cavalli (quelli a quattro zampe e con la coda) in favore di motori di ogni tipo. Ogni epoca ha avuto le sue, coerenti con le mode del momento, ma poi ci sono le “perle”, cioè quelle automobili che nascono senza alcun motivo preciso o reale connessione con la realtà, confrontandosi solo con sé stesse e sapendo che saranno poi le altre concorrenti a misurarsi con loro. Una di queste è, senza ombra di dubbio, la Dodge Viper (qui la sua ultima versione), che nella sua versione originale del 1989 era una specie di follia ingegneristica su quattro ruote.

Un motore con l'auto intorno

Prendete un telaio in tubi di acciaio, ricopritelo con pannelli in vetroresina e costruiteci l'auto attorno, senza dotarla di nessun tipo di aiuto elettronico (nemmeno l'ABS); mettete la trazione dietro e un bel motore davanti. Quale? Bè il V8 di un pick-up, per esempio, ma con un paio di cilindri in più...Se vi sembra folle, come dicevamo, lo è assolutamente, questa è la storia della Dodge Viper e del suo incredibile V10 da 8 litri, che nella versione originale di fine anni Ottanta erogava 400 CV e 662 Nm di coppia. Un motore che è stato evoluto e che sopravvive ancora oggi, nell'ultima versione della SRT Viper, dove è arrivato a erogare 640 CV e 812 Nm di coppia, con una cilindrata di 8.4 litri (lo potete sentire nel video qui sotto).

Coppia da camion

Considerata la cubatura, la zona rossa è poco sopra i 6.500 giri, ma viste le “camionate” di netwonmetri - è il motore di serie aspirato che ne ha di più - non è necessario tirare la marce. La storia del suo motore, in ogni caso, è quella di una derivazione. Il blocco originale era il 5.9 V8 della serie Magnum, un'unità impiegata su pick-up, SUV e light truck, a cui vennero aggiunti due cilindri, aumentata la cilindrata e rifatta completamente la testata in alluminio, per abbassare la sua massa che superava i 360 kg. Il lavoro venne eseguito in Italia, dagli ingegneri Lamborghini, che all'epoca era di proprietà della Chrysler e che riuscì a creare un motore sportivo partendo dal propulsore di un veicolo commerciale.

Nuova Viper GTS: il suono del V10 8.4 litri

Il sound del motore V10 della nuova SRT Viper GTS. 8.4 litri, 648 CV, 810 Nm di coppia: è il motore automobilistico dalla cilindrata più alta sul mercato

Autore: Alessandro Vai

Tag: Curiosità , Dodge , auto americane


Top