dalla Home

Curiosità

pubblicato il 9 febbraio 2016

Ferrari GTC4Lusso, la tradizione del comfort

Il nome è un omaggio alle più comode 2+2 del passato, compresa la 330 GT del "Drake"

Ferrari GTC4Lusso, la tradizione del comfort
Galleria fotografica - Ferrari, quelle comode, veloci e lussuoseGalleria fotografica - Ferrari, quelle comode, veloci e lussuose
  • Ferrari GTC4Lusso - anteprima 1
  • Ferrari GTC4Lusso - anteprima 2
  • Ferrari 330 GT 2+2 - anteprima 3
  • Ferrari 330 GT 2+2 - anteprima 4
  • Ferrari 330 GTC - anteprima 5
  • Ferrari 330 GTC - anteprima 6

Se c'è una Ferrari di rottura nel recente passato della Casa di Maranello questa è proprio la FF, diversa dalle altre sia nel nome controcorrente che nelle forme da "shooting brake" e nella trazione integrale al debutto su un modello del Cavallino Rampante. Ora però questa "monella" torna in parte sui suoi passi proponendo una seconda rivoluzione carica di aggiornamenti di sostanza e accompagnata da un nome tutto nuovo in linea con la tradizione delle Rosse. La nuova Ferrari GTC4Lusso sfoggia interni ancora più comodi e rifiniti, uno schermo capacitivo da 10,2" e quattro ruote motrici e sterzanti (4RM-S), ma è nella sigla che mostra un chiaro omaggio al passato. La stessa Ferrari ricorda infatti che la GTC4Lusso deve la sua denominazione a modelli storici e gloriosi del passato come la 250 GT Berlinetta Lusso (o 250 GTL), la 330 GTC e la 330 GT 2+2, l'auto personale di Enzo Ferrari nella seconda metà degli Anni '60.

Lusso Ferrari, ieri e oggi

Ma che cos'è e cos'era il lusso per Ferrari? Com'è cambiato il concetto di comodità per la Casa di Maranello? Come si può vedere anche dalle foto qui sotto un tempo il prestigio e il lusso facevano rima con sellerie Connolly, rivestimenti in moquette e pellami estesi a tutto l'abitacolo, inserti in radica, legno o alluminio, ma in alcuni casi anche il condizionatore e una strumentazione completa per tenere sotto controllo il motore. Negli anni Sessanta l'elettronica era ancora lontana dalle automobili e anche dalle Ferrari, mentre oggi aiuta a vivere meglio il piacere di una supercar "quotidiana" come la GTC4Lusso che non vediamo l'ora di provare su strada. Sulla nuova ci sono cose un tempo impensabili come l'infotainment con schermo capacitivo e standard Apple CarPlay, quattro sedili singoli comodissimi, il Dual Cockpit da condividere col passeggero, il differenziale elettronico e lo smorzamento delle sospensioni SCM-E, senza dimenticare la regolazione della dinamica di guida e l'enorme tetto panoramico in vetro.

Tanti miti Ferrari in un solo nome

Il nome della nuova arrivata Ferrari porge un tributo multiplo alle più Ferrari Gran Turismo di ieri, a due posti o 2+2, ovvero le auto più veloci e comode al mondo che il Drake apprezzava tanto negli spostamenti quotidiani. La parte finale "Lusso" deriva proprio della raffinata 250 GT Lusso prodotta fra il 1962 e il 1964 con un 3.0 V12 da 250 CV e oltre 240 km/h, mentre l'iniziale GTC si riferisce alla 330 GTC del 1966-1968 con il 4.0 da 300 CV. Il numero 4, quello che una volta specificava gli alberi a camme in testa, oggi sta invece a indicare i quattro comodi posti a bordo. A titolo di curiosità ricordiamo che dagli stabilimenti di Maranello è già uscita un'auto con sigla GTC4 ed è la Ferrari 365 GTC4 (o GTC/4), nota anche come "Gobbone" e prodotta nel 1971-72.

Omaggio a Scaglietti con la 612

Spostandosi un po' più avanti nella storia delle Ferrari a quattro posti troviamo la 365 GT4 2+2 del 1972, progenitrice della numerosa famiglia di Ferrari 400 GT, 400i e 412 arrivata fino al 1989. A seguire nel 1992 e per oltre un decennio è stato il turno della massiccia Ferrari 456, seguita nel 2004 dalla Ferrari 612 Scaglietti, omaggio dichiarato al grande carrozziere modenese. La raffinata coupé 2+2, sempre dotata dell'immancabile V12 aveva 540 CV. Ultima in ordine di tempo, prima della GTC4Lusso, è stata appunto la Ferrari FF del 2011, la prima con una carrozzeria in stile station wagon sportiva o "shooting brake" disegnata dall'attuale responsabile del design Ferrari, Flavio Manzoni. Per chiudere il cerchio della tradizione il designer e architetto italiano ha voluto inserire sul parafango anteriore della GTC4Lusso lo sfogo d'aria a tre lamelle ripreso proprio dalla storica 330 GTC.

Galleria fotografica - Ferrari GTC4LussoGalleria fotografica - Ferrari GTC4Lusso
  • Ferrari GTC4Lusso - anteprima 1
  • Ferrari GTC4Lusso - anteprima 2
  • Ferrari GTC4Lusso - anteprima 3
  • Ferrari GTC4Lusso - anteprima 4
  • Ferrari GTC4Lusso - anteprima 5
  • Ferrari GTC4Lusso - anteprima 6

Scheda Versione

Ferrari GTC4Lusso
Nome
GTC4Lusso
Anno
2016
Tipo
Extralusso
Segmento
sportive
Carrozzeria
coupé
Porte
3 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Curiosità , Ferrari , auto italiane , auto storiche


Listino Ferrari GTC4Lusso

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
3.9 V8 T DCT posteriore benzina 611 3.9 4 € 232.305

LISTINO

 

Top