dalla Home

Curiosità

pubblicato il 2 febbraio 2016

Guida autonoma, un tocco umano da Jaguar Land Rover

Mimare le reazioni dei piloti in carne ed ossa è la missione del programma di ricerca Move-UK

Guida autonoma, un tocco umano da Jaguar Land Rover
Galleria fotografica - Land Rover, il progetto guida autonomaGalleria fotografica - Land Rover, il progetto guida autonoma
  • Land Rover, il progetto guida autonoma - anteprima 1
  • Land Rover, il progetto guida autonoma - anteprima 2
  • Land Rover, il progetto guida autonoma - anteprima 3
  • Land Rover, il progetto guida autonoma - anteprima 4
  • Land Rover, il progetto guida autonoma - anteprima 5
  • Land Rover, il progetto guida autonoma - anteprima 6

Automatico ma non troppo. Se volessimo usare una battuta potremmo riassumere l'approccio di Jaguar Land Rover alla guida autonoma in questo modo. Il gruppo inglese non è il solo ad impegnarsi nello sviluppo di questa tecnologia - fra gli altri, Mercedes con la IAA Concept, Ford con le novità presentate al CES e Volvo con la Concept 26 - ma ha recentemente aderito al progetto di ricerca triennale Move-Uk, che punta a dare un tocco umano alle auto che guidano da sole, mettendo da parte comportamenti e reazioni troppo robotiche e verso cui il pilota umano potrebbe essere diffidente. Per raggiungere l'obiettivo saranno studiate nei prossimi anni le reazioni su strada di automobilisti in carne ed ossa, nello specifico un folto campione di impiegati del distretto di Greenwich, in Inghilterra, a cui è stata affidata una flotta di Jaguar e Land Rover da utilizzare quotidianamente negli spostamenti.

Sarà compito delle decine di sensori montati a bordo raccogliere i dati essenziali per l'integrazione con i programmi di guida autonoma del futuro. Precedenze alle intersezioni, modalità di decisione agli incroci, strategie di immissione nei flussi del traffico agli svincoli, reazioni al sopraggiungere di un'autoambulanza: sono scenari che affrontiamo tutti i giorni ma che rappresentano situazioni complesse altamente stressanti. Un banco di prova unico che - nelle speranze del consorzio promosso da Bosch - dovrebbe aiutare le auto che guidano da sole ad essere più "umane", un tratto essenziale per mettere il pilota umano a suo agio anche in assenza del controllo su volante ed acceleratore. Il progetto prevede un investimento complessivo di oltre 5,5 milioni di sterline e punta inoltre a testare sul campo possibili modelli assicurativi del futuro a guida autonoma. Il "futuro" è sempre più vicino?

Agos Ducato

Chiedi subito un prestito
Importo:
Num. Rate:
Top