dalla Home

Home » Argomenti » Assicurazioni

pubblicato il 1 febbraio 2016

Colpo di frusta: assicurazioni all’assalto

In Senato, le compagnie in difesa dei propri interessi

Colpo di frusta: assicurazioni all’assalto

Lobby delle assicurazioni scatenate al Senato, dove si discute il Disegno legge Concorrenza, che può cambiare la Rca. Anzitutto, vogliono il risarcimento in forma specifica (per indirizzare i danneggiati verso i carrozzieri convenzionati) e l’abolizione della cessione di credito (per impedire che il danneggiato possa essere difeso dal carrozziere indipendente, qui il Disegno legge concorrenza). Inoltre, le compagnie mirano a proteggere una norma che le tutela, tagliando i risarcimenti: l’accertamento strumentale per la lesione fisica lieve. Parliamo soprattutto della radiografia per il colpo di frusta. La norma, un vero e proprio regalo alle assicurazioni, venne introdotta dal Governo Monti del 2012: s’impedisce di farsi visitare da un medico specialista, il quale può individuare lesioni che non emergono dagli accertamenti strumentali. Senza considerare le conseguenze a livello psicologico derivante da un sinistro. Adesso, al Senato, ci sono emendamenti legittimi e condivisibili (presentati da M5S, FI e Sel) per abolire l’obbligo di accertamento strumentale dei colpi di frusta.

L’Ania s’impunta

A far la voce grossa è l’Ania (Associazione delle assicurazioni): “La norma del 2012 ha permesso una diminuzione dei danni fisici lievi da 580.000 del 2011 a 370.000 nel 2014, 210.000 feriti in meno, con risparmi per un miliardo l'anno. La dimostrazione che in moltissimi casi i danni denunciati alle compagnie erano inesistenti o si trattava di frodi”. Sono affermazioni discutibilissime. Anzitutto, l’Italia era e resta la nazione con la Rca più alta in Europa; pertanto, diminuiscono i risarcimenti, aumentano i profitti a favore delle compagnie, calano i sinistri, e l’automobilista non vede nessun risultato importante. Secondo: davvero è dimostrato che le richieste di rimborso erano truffe? Se la lesione non emerge dall’analisi strumentale, potrebbe emergere dalla visita del medico legale.

La minaccia delle compagnie

Morale della favola: l’Ania minaccia rincari dei prezzi Rca. Sia con l’attuale testo del Ddl Concorrenza, sia se venissero approvati gli emendamenti contro la norma del Governo Monti. A fare muro, ci sono diverse associazioni: una su tutte, la Carta di Bologna, capitanata da Davide Galli, presidente Federcarrozzieri (carrozzieri indipendenti). Sono schierati in difesa dei diritti degli automobilisti danneggiati, e in difesa della sicurezza stradale: macchine riparate in fretta e furia da carrozzerie convenzionate con tariffe di manodopera bassissime fissate dalle compagnie, si traducono in vetture insicure. E l’abolizione della cessione di credito sarebbe un omaggio alle compagnie. Il Ddl Concorrenza diventa così un bel banco di prova per il Governo Renzi: cederà alle lusinghe delle lobby delle assicurazioni?

Nuovo commento 5 Commenti

1

certo!

pieroo1

Pubblicato il 01/02/2016 alle 11:51

se poi lo ungono bene e senza che si venga a sapere .................

2

Basta tutele ai furbi

emme

Pubblicato il 01/02/2016 alle 18:06

D'accordo con le assicurazioni. Non si possono tutelare i"furbetti".

3

Iniziamo ad assicurare la "patente"

Nico65

Pubblicato il 01/02/2016 alle 18:15

Se ho in box 3 auto, seppur vecchie, pago 3 assicurazioni, ma dato che solo qualcuno 2000 anni fa aveva il dono di moltiplicare le cose (e forse anche le persone ... di cogl_oni infatti ce ne sono sempre più) ... va da se che se guido un'auto le altre 2 sono ferme nel box, e da sole non possono cagionare danni a nessuno. Perché allora, a parte la Svizzera, ovunque se hai 3 auto, paghi 3 assicurazioni ? Ne guido una sola, pago una sola assicurazione ... ma il governo ci perderebbe in entrate, iva, tasse e bolli, ecc ... e le assicurazioni godono di sta pirlata !

4

x 3

mars

Pubblicato il 01/02/2016 alle 20:19

Anche in germania paghi l'assicurazione solo all'auto che guidi . Ho una Saab 9.3 cabrio che guido solo in estatee l'assicuro soltanto da maggio a settembre poi tolgo la targa e disdico l'assicurazione per gli altri 7 mesi , qui e' normale prassi.

5

precisazione

emme

Pubblicato il 02/02/2016 alle 06:42

Sono d'accordo con le assicurazioni per quanto riguarda il colpo di frusta, mentre in disaccordo per quanto riguarda i carrozzieri.

Top