dalla Home

Attualità

pubblicato il 28 gennaio 2016

Uber, in Francia deve versare 1,2 milioni di euro ai tassisti

Il tribunale ha deciso la sanzione perché gli autisti hanno raccolto passeggeri in strada

Uber, in Francia deve versare 1,2 milioni di euro ai tassisti
Galleria fotografica - Uber, Uberpop a MilanoGalleria fotografica - Uber, Uberpop a Milano
  • Uber, Uberpop a Milano - anteprima 1
  • Uber, Uberpop a Milano - anteprima 2
  • Uber, Uberpop a Milano - anteprima 3
  • Uber, Uberpop a Milano - anteprima 4
  • Uber, Uberpop a Milano - anteprima 5
  • Uber, Uberpop a Milano - anteprima 6

In Francia Uber dovrà risarcire l’Unt, l'associazione nazionale dei tassisti francesi, versando la bellezza di 1,2 milioni di euro. Lo ha stabilito il tribunale di Parigi ritenendo la società americana colpevole di concorrenza sleale, in quando i suoi autisti avrebbero raccolto passeggeri paganti direttamente su strada senza passare attraverso la prenotazione via app. Per i tassisti che in questi giorni hanno pesantemente manifestato nella capitale francese - raccogliendo anche la solidarietà dei colleghi italiani a Firenze - è una sorta di vittoria. Per Uber invece è un’ennesima sconfitta.

Non è la prima volta che una sentenza viene emessa a sfavore della società. In Italia il tribunale di Milano ha bloccato UberPop, la app che era attiva in alcune città, come ad esempio a Genova, e che permette ad ogni automobilista di trasformarsi in autista Uber in qualsiasi momento, percependo dal cliente un compenso sempre tramite l’utilizzo dell’applicazione. L’intero sistema Uber era anche stato bandito da India, Spagna, Brasile e Thailandia. Sulla vicenda francese un portavoce di Uber ha comunque detto che verrà fatta chiarezza.

Autore:

Tag: Attualità , taxi , uber


Top