dalla Home

Mercato

pubblicato il 28 gennaio 2016

Alfa Romeo, Porsche e le 4 cilindri da urlo

Prezzi, prestazioni e confronti fra le nuove sportive dal "cuore piccolo"

Alfa Romeo, Porsche e le 4 cilindri da urlo
Galleria fotografica - Le sportive 4 cilindri di oggiGalleria fotografica - Le sportive 4 cilindri di oggi
  • Le sportive 4 cilindri di oggi - anteprima 1
  • Le sportive 4 cilindri di oggi - anteprima 2
  • Abarth 695 Biposto - anteprima 3
  • Le sportive 4 cilindri di oggi - anteprima 4
  • Le sportive 4 cilindri di oggi - anteprima 5
  • Le sportive 4 cilindri di oggi - anteprima 6

Sarà la moda "necessaria" del downsizing, saranno gli automobilisti che li chiedono, sarà l'orgoglio tecnico delle Case che vogliono tanta potenza da motori "piccoli", ma il fatto che i quattro cilindri sportivi si stanno diffondendo a macchia d'olio è ormai sotto gli occhi di tutti. E' solo di ieri infatti l'annuncio di Porsche che ha svelato la 718 Boxster, spider ad alte prestazioni che monta in posizione centrale proprio un "flat four" turbo di 2 o 2,5 litri. Certo, i quattro cilindri contrapposti sono una rarità in un panorama fatto di quadricilindrici in linea, ma Porsche sfida come sempre le convenzioni per ottenere qualcosa di unico, con 300 o 350 CV che infiammano i cuori degli appassionati con 4,7 secondi per andare da 0 a 100 km/h. La stessa voglia di distinguersi col quattro cilindri boxer è insita nel DNA di Subaru, trasmesso anche a Toyota con la GT86. Ma quali sono gli altri "4" pensati per le prestazioni pure, vigorosi e affascinanti come i nobili 6 e 8 cilindri?

Dalle spider alle piccole pepate

Detto della Porsche 718 Boxster che ha un listino base di 56.213 euro occorre subito ricordare la rivale diretta, quell'Alfa Romeo 4C Spider che invece costa 75.000 euro e monta un altro gioiello "4 in linea". Qui ci sono i 240 CV espressi dal 1750 TBi che finiscono anche in questo caso al retrotreno per offrire un piacere di guida degno dei migliori circuiti e un peso di 950 kg garantito dalla monoscocca in fibra di carbonio che "straccia" i 1.335 kg della Porsche. Il tempo di accelerazione 0-100 dell'italiana è pari a 4,5 secondi. Una citazione d'obbligo è per un altro motore italiano, il 1.4 16v Turbo T-Jet da 190 CV che rende unica al mondo l'Abarth 695 Biposto (39.900 euro) che pesa 997 kg e brucia lo 0-100 in 5,9 secondi. Un'altra mitica quattro cilindri - ovviamente turbo come le precedenti - è la sportiva MINI John Cooper Works dotata di un 2 litri da 231 CV che la fa scattare a 100 orari in 6,1 secondi, pur con un peso di 1.280 kg. Qui il prezzo d'acquisto base è di 31.200 euro.

Le compatte ruggiscono forte

Restando sulle piccole troviamo poi la rara Audi S1 che col suo 2.0 TFSI ha la stessa potenza della MINI, trazione integrale quattro e un prezzo di 32.050 euro. La massa a vuoto è di 1.390 kg e il tempo sullo 0-100 è di 5,8 secondi. A questo punto, però, per trovare qualcosa di più intrigante occorre salire di categoria e arrivare sulle compatte tutto pepe che propongono un bel lotto di classiche e nuove arrivate. Fra queste si segnala al primo posto la nuova Ford Focus RS (39.500 euro), vera bestia col 2.3 EcoBoost da 350 CV che accelera fino a 100 in 4,3 secondi nonostante un peso di 1.424 kg dovuto anche alla trazione integrale. Recentissima è anche l'ultima creazione di Honda, vera specialista dei 4 cilindri ad alte prestazioni, la Civic Type R da 37.000 euro e 310 CV che con la trazione anteriore pesa 1.382 kg e tocca i cento all'ora in 5,7 secondi. Impossibile dimenticare anche la nuova Subaru WRX STi col 2.5 da 300 CV che pesa 1.507 kg, va da 0 a 100 in 5,2 secondi.

Fino a 381 CV con AMG

Per chiudere questa breve carrellata di "4 cilindri da urlo" vogliamo parlare anche della più potente di tutte, la Mercedes-AMG A 45 4-MATIC che arriva a 381 CV. Anche qui c'è la trazione integrale che garantisce l'accelerazione 0-100 in appena 4,2 secondi e porta il peso a quota 1.555 kg. Il prezzo di partenza è invece di 48.526 euro. Come non parlare poi di un motore giunto ormai ai limiti del suo sviluppo, il 2.0 TFSI di Volkswagen che finisce sotto i cofani della Golf R con 300 CV e dell'Audi TTS con 310 CV; nel primo caso la spesa è di 42.200 euro con uno 0-100 in 4,9 secondi, esattamente come la coupé di Ingolstadt che costa però 54.250 euro. Per chiudere in bellezza ricordiamo poi un'altra rivale delle Alfa e Porsche citate all'inizio, la Lotus Elise Sport 220 che monta il 1.8 volumetrico Toyota da 220 CV e 4,6 secondi da 0 a 100, un classico immortale britannico che pesa appena 924 kg e costa 53.045 euro.

Autore:

Tag: Mercato , Porsche , nuovi motori


Top